mercoledì, Agosto 12, 2020
Home Tags IPhone 12 Pro Max

iPhone 12 Pro Max: caratteristiche, disponibilità e prezzi

Ammirate la bellezza di iPhone 12 Pro in un nuovo concept

iPhone 12 Pro Max è uno dei  due dispositivi top di gamma di Apple ha intenzione di lanciare verso  Settembre 2020, in quanto l’emergenza coronavirus ha avuto i suoi effetti anche sull’approvvigionamento di risorse di tutta la filiera che circonda i prodotti Apple e dei suoi fornitori, e sono in molti ad ipotizzare un ritardo di almeno un mese per l’annuncio del prossimo top di gamma dell’azienda.

Tante novità verranno incluse in questi iPhone 12 Pro Max, che dovrebbe essere il primo prodotto Apple con il supporto alla tecnologia 5G, sia sub-6GHz che mmWave, pronto per essere utilizzato con le reti del futuro, anche qui in Italia una volta che l’adozione sarà su vasta scala.

Di seguito c’è un riepilogo generale con tutte le informazioni in nostro possesso riguardo caratteristiche tecniche, design, comparto fotocamera e prezzo di vendita del prossimo top di gamma di casa Apple.

Indice:

Caratteristiche tecniche di iPhone 12 Pro Max

Secondo una nota degli investitori di UBS, iPhone 12 Pro Max potrebbe avere un display da 6.7 pollici di diagonale, una dimensione maggiore rispetto agli attuali 6.5 pollici di iPhone 11 Pro Max. Il display sarà realizzato con tecnologia OLED, il top per il segmento di fascia alta del mercato mobile, anche se l’azienda è interessata molto allo sviluppo della tecnologia microLED e miniLED, che potrebbe nei prossimi anni fare la sua comparsa anche sugli smartphone Apple.

Realizzato con un processo costruttivo a 5nm, l’A14 Bionic è il cuore pulsante di questo iPhone, dotato di un’efficienza e potenza superiori rispetto alla generazione precedente; il setup dovrebbe comprendere anche 6GB di RAM, che Apple ritiene più che sufficienti anche per applicazioni particolarmente intensive ed utilizzo multitasking, nonostante sul fronte Android si stiano affacciando dispositivi con a bordo 16GB di memoria RAM. Apple però punta tutto sull’efficienza del software alla base dei suoi prodotti, e riesce sicuramente ad arrivare lì dove il mondo Android non può.

Apple A14 Bionic GeekBench5 test

Parlavamo di potenza, e questo misterioso iPhone presente sul database del benchmark GeekBench, ne è la prova: qualcuno ha ipotizzato che potrebbe trattarsi di un test interno proprio del processore A14 Bionic. Se fosse davvero così, il risultato del test sarebbe davvero molto promettente: il punteggio in multi-core risulta di 1500 punti più elevato rispetto al concorrente Samsung Galaxy S20 Ultra, equipaggiato con l’ultimo processore di Qualcomm, lo Snapdragon 865. Anche questa generazione di iPhone, quindi, potrebbe essere al top delle performance nel segmento dei processori per dispositivi mobili, così come succede ormai da anni, nonostante la concorrenza agguerrita di Qualcomm, con i suoi Snapdragon, nonché di Huawei e Samsung, rispettivamente con i propri processori ARM chiamati Exynos e Kirin.

Non stupiscono i rumors riguardanti la fotocamera di iPhone 12 Pro Max, che dovrebbe rimanere invariata, almeno come impostazione e forma. La vera novità stavolta è la presenza di un sensore LiDAR  che supporterà il triplo sensore fotocamera, che abbiamo già visto all’opera su iPhone 11 Pro Max.

iPhone 12 Pro fotocamere

Parlavamo però del sensore LiDAR, una novità assoluta per il segmento mobile dell’azienda di Cupertino: questo sensore ToF, Time of Flight, integra un proiettore ad infrarossi per andare a mappare la profondità degli ambienti. I nuovi iPad 11 Pro e iPad 12.9 Pro versione 2020 ne sono equipaggiati, e consentono di avere potenzialità incredibili nel campo della realtà aumentata: possiamo ad esempio utilizzare oggetti virtuali mentre registriamo un video o scattiamo una foto muovendoci nell’ambiente che ci circonda, ma il suo utilizzo potrebbe espandersi oltre. Ad esempio, potrebbe migliorare lo scatto di fotografie in modalità ritratto, che già utilizza l’analisi della profondità di campo per realizzare un effetto bokeh più naturale e preciso.

Una delle caratteristiche di spicco della nuova line-up di iPhone 12 sarà il modem 5G sviluppato in collaborazione con Qualcomm, con supporto alle frequenze sub-6GHz e mmWave: questo, insieme ad un setup di antenne personalizzate che saranno più grandi rispetto a quelle attualmente presenti sui top di gamma Apple, consentirà di poter raggiungere velocità in download ed upload mai raggiunte prima d’ora su di un device iOS, pronto per entrare nello standard per la connettività del futuro.

Secondo l’analista Ming-Chi Kuo, iPhone 12 Pro Max però non supporterà l’uplink 2×2 MIMO, che consentirebbe, in linea teorica, velocità di trasferimento in upload e download maggiori. Non sappiamo dire però che tipo di impatto avrà questa mancanza per le velocità reali che sarà possibile raggiungere con le reti 5G di nuova generazione: per un riscontro reale dovremo attendere Settembre e la presentazione dei nuovi prodotti.

Sembra anche che sarà una volta epocale in ambito porte, con la presenza di un connettore USB Type-C: l’Unione Europea  sta cercando di forzare la mano per l’adozione di uno standard unico, che consenta di evitare gli sprechi. Apple ovviamente non è affatto d’accordo con la decisione, e si è opposta alla proposta dicendo che sarà controproducente: se bisognerà fare affidamento ad uno standard unico, i vecchi utenti saranno costretti a buttare i vecchi connettori ed accessori con porta Lightning. Sulla questione ovviamente ci sarebbe da approfondire, ma Apple adotta già lo standard USB Type-C sui propri iPad Pro, pertanto è solo una questione di tempo prima che anche gli iPhone seguano lo stesso destino. Il voto finale alla proposta è previsto per luglio, ma potrebbe slittare a causa dell’emergenza coronavirus, che ha rallentato i lavori del Parlamento Europeo.

Questo significherebbe, per Apple, dover cambiare i propri piani di progettazione e implementare al più presto il connettore USB Type-C sul suo iPhone 12 Pro Max,  salutando anche un giro d’affari miliardario che genera introiti pazzeschi sugli accessori che utilizzano la tecnologia proprietaria Lightning. iPhone 12 Pro Max, anche nel caso dovesse presentare la porta Lightning, potrebbe pertanto essere l’ultimo ad esserne dotata.

Per rimanere al passo con la concorrenza, il display integrato potrebbe offrire un refresh rate elevato. Abbiamo già visto ed apprezzato gli iPad Pro dotati di tecnologia ProMotion a 120Hz, che consentono una precisione migliore sia al tocco che con l’utilizzo dell’Apple Pencil, ma non solo: giocare a titoli su di un display a 120Hz potrebbe essere una vera rivoluzione per il mercato gaming mobile.

Comparto fotografico di iPhone 12 Pro Max

Secondo insistenti rumour, nel prossimo iPhone 12 Pro Max la modalità notturna sarà attiva per tutte le fotocamere a bordo. Non importa quindi se l’utente si trova ad utilizzare il sensore grandangolare, ultragrandangolare e teleobbietivo: in ogni caso, sarà sempre possibile scattare foto migliori in condizioni di luminosità critiche. La fotocamera principale potrebbe fare un bel balzo in avanti con la presenza di un sensore Sony IMX686 da 64 Megapixel e apertura f/1.7, ma ci sono anche alcune indiscrezioni che vorrebbero un sensore da “soli” 48 Megapixel sul prossimo top di gamma Apple.

In ogni caso, sembra difficile ipotizzare che il prossimo flagship di casa Apple non opti per una soluzione pixel binning già adottata da praticamente tutti i competitor Android. Grazie al pixel binning, i pixel del sensore vengono raggruppati in un quadrato di due pixel per  lato a formare così un unico “super-pixel” in grado di catturare più luce, e così potenziare ulteriormente gli scatti in condizioni di luce critica, da tempo vero tallone d’Achille dei prodotti dell’azienda, la quale spesso non può rivaleggiare le soluzioni concorrenti, basate sul machine learning o sulla presenza di sensori più grandi ed evoluti.

Design di iPhone 12 Pro Max

Il design di iPhone 12 Pro Max secondo MacOtakara, leaker ed analista esperto dei prodotti Apple, non differirà molto da quello della precedente generazione. L’analisi della filiera di fornitori Apple non evidenzia anomalie sul design del prossimo top di gamma, per cui il consenso comune, in rete, è che il fattore forma sarà quindi simile, con bordi stondati e cornici di dimensioni inferiori: persino il notch potrebbe subire una cura dimagrante, pur accogliendo tutti i sensori necessari al funzionamento della fotocamera e del Face ID.

Alcune indiscrezioni invece fanno riferimento ad un “ritorno al passato”, con iPhone 12 Pro Max dotato di un design simile a quello di iPhone 4s, con bordi piatti e non stondati. Qui in basso si può apprezzar un render realizzato da Svet Apple che cerca proprio di dar risalto ad un design simile ma in chiave moderna, proprio quello che ci si aspetterebbe da un top di gamma 2020.

iPhone 12 Pro render con elementi simili a iPhone 4

Prezzi di iPhone 12 Pro Max

Ancora non si hanno dettagli riguardanti il prezzo, ma secondo gli analisti possiamo aspettarci un rincaro per i modelli 2020 di iPhone. La sola componentistica necessaria per l’integrazione della tecnologia 5G potrebbe rendere il costo di fabbricazione dell’intera gamma 2020 di smartphone Apple dal 25 al 35% maggiore. Questo inciderà sicuramente sul prezzo finale del prodotto.

15,563FansMi piace
1,925FollowerSegui
804FollowerSegui
25,700IscrittiIscriviti