Ce ne sono di tutti i tipi, alcuni indispensabili altri superflui o adatti solo in alcune circostanze. Tralasciando gli accessori più conosciuti per bici elettriche e non, come caschi, abbigliamento adatto e il necessario contro gli imprevisti, in questa breve guida/selezione ci soffermiamo su quelli tecnologici, alcuni particolari, altri meno, sia costosi che economici.

Abbiamo tralasciato anche i power meter, i sensori di cadenza e di velocità e gli altri oggetti per i ciclisti più smaliziati, pensando a un piccolo ventaglio di accessori tech per tutti, se utili o superflui dipende dalle esigenze di ciascuno. Senza alcuna pretesa di esaustività, eccone un assaggio.

Ciclocomputer (o sportwatch)

È uno degli accessori più diffusi e utilizzati, sia dai ciclisti più assidui, sia da chi usa più di rado bici elettriche e tradizionali. Ce ne sono per questo tanti modelli, alcuni adatti solo a chi vuole semplicemente contare i chilometri percorsi, vedere la velocità e il tempo trascorso, altri pensati per leggere dati più particolari (potenza, frequenza cardiaca, cadenza), strumenti utili per allenarsi con criterio e/o per orientarsi in luoghi sconosciuti.

I modelli più economici, da meno di 50 euro, rientrano nel primo gruppo perché spesso privi di GPS, di altimetro barometrico e di altri componenti utili per tenere traccia dei propri giri in bici. Viceversa, già poco oltre i 50 euro è facile trovare dei ciclocomputer abbastanza completi, con schermi più grandi e alcune funzioni utili per monitorare meglio gli allenamenti.

3 ciclocomputer economici:

I ciclocomputer più completi, per esempio cartografici (con le mappe integrate e la possibilità di fare da navigatori leggendo le tracce in GPX), quelli connessi e capaci di interagire con i power meter, di comandare i rulli interattivi, di gestire la trasmissione (cambi elettronici) e di fare da strumenti affidabili e versatili per allenarsi e per pedalare in sicurezza, partono da 150 euro fino a superare anche i 700 euro.

3 ciclocomputer completi:

Al posto dei ciclocomputer, di cui qui trovate la nostra selezione aggiornata, può essere un’idea usare uno sportwatch, cioè quegli smartwatch più grandi e robusti, quasi sempre dotati di varie funzioni sportive e capaci di garantire molta autonomia. In questo articolo trovate invece i migliori sportwatch e come sceglierli, una selezione che aggiorniamo mensilmente, mentre qui ci siamo soffermati a valutare quanto possa essere sensato usare uno sportwatch come ciclocomputer, nello specifico un COROS Vertix 2 e un Garmin Edge 530, visibili anche nell’immagine che segue.COROS VERTIX 2 vs Garmin Edge 530

Luci e fanali-radar

Le luci per le bici sono anche più importanti dei ciclocomputer per la sicurezza, benché non ancora molto diffuse. Molte e-bike le montano di serie, soprattutto quelle da città, ma sono fondamentali per qualsiasi tipologia di mezzo, mountain bike comprese. È imprescindibile essere visibili, sia su strada che fuori, anche di giorno naturalmente. Per montare sulla bici una coppia di fanali di qualità (anteriore e posteriore) non serve spendere molto. Ce ne sono diversi abbordabili ma efficaci, alcuni pensati soprattutto per garantire visibilità, altri utili anche per illuminare, molti dei quali adatti anche alle uscite in notturna per più ore. Chi usa bici elettriche e classiche in città potrebbe valutare anche di comprare un kit di indicatori direzionali (le frecce).

Altrettanto importanti, benché più costosi, sono i fanali-radar, prodotti meno conosciuti ma fondamentali per la sicurezza, quasi irrinunciabili non appena ci si abitua a utilizzarli (parola di chi scrive). In sostanza, sono dei radar che fanno da specchietto retrovisore perché, se abbinati a smartphone e ciclocomputer compatibili, forniscono degli avvisi visivi e acustici dei veicoli in avvicinamento da dietro. I più famosi sono i Garmin Varia, ma ci sono ormai alcune alternative meno costose da prendere in considerazione.

Luci, radar e frecce:

garmin varia rvr315 rtl515 ufficiali specifiche prezzo

Antifurti tech

Catene, catenine e lucchetti vari a parte, fondamentali per lasciare la bici in strada e anche al coperto in casa o altrove, qui ci soffermiamo sugli antifurti tech, più particolari e di conseguenza meno conosciuti. Tralasciamo anche i localizzatori come Apple AirTag, Samsung Galaxy SmartTag e Tile perché, pur essendo potenzialmente utili in caso di furti o smarrimento, ci sono sul mercato dispositivi più adatti.

Ne abbiamo selezionati alcuni per bici elettriche e non, molto diversi sia per caratteristiche che per prezzi: alcuni molto economici ed elementari, cioè in grado solo di suonare per provare a neutralizzare i malintenzionati, altri capaci invece di localizzare le bici rubate o smarrite grazie a GPS e SIM integrate come quello di Trackting.

Quest’azienda, italiana, ne vende di due tipi, Trackting BIKE T9 è l’antifurto GPS specifico per mountain bike perché pensato per nascondersi nel cannotto della forcella, compatibile con quelle da 1 – 1/8″ e non con le forcelle a doppia piastra (usate quasi solo nelle MTB da downhill). Altrimenti, per tutte le altre bici c’è il Trackting BIKE T7, compatibile con la maggior parte delle bici in circolazione perché installabile sfruttando i fori del portaborraccia sul tubo obliquo della bici, come si evince dall’immagine che segue. Trackting BIKE T9 costa 129 euro, 99 euro T7, entrambi con 30 giorni di abbonamento inclusi, rinnovabili pagando 29 euro all’anno o 59 euro per 3 anni.

Si distinguono dai classici antifurti proprio perché sono smart e satellitari, considerando che sono in grado di chiamare l’utente in caso di movimenti sospetti e permettono di localizzare la bici praticamente ovunque tramite GPS e app companion correlata. Il fatto che entrambi siano nascosti e difficilmente visibili è un importante valore aggiunto, fondamentale in caso di furti. Per maggiori dettagli o per acquistarli vi rimandiamo al sito web ufficiale.

Coccarda

Trackting T9

Antifurti tech:

Mini compressori e pompette elettriche

Non sono degli accessori imprescindibili come gli antifurti e i fanali (e i ciclocomputer, in alcuni casi) solo perché nelle tasche delle maglie, nei borselli e negli zainetti trovano posto le pompe e i kit CO2, o almeno dovrebbero, per far fronte a tagli e forature dei copertoni. Ma avere con sé una pompetta elettrica (o un mini compressore che dir si voglia) è senz’altro una buona idea.

Sono utili perché permettono di gonfiare i copertoni senza sforzo e velocemente, perché sono facilmente trasportabili pesando e ingombrando poco, e perché possono tornare utili anche per controllare la pressione d’esercizio delle gomme, magari prima di una discesa tecnica in mountain bike.

Fra le più interessanti, che abbiamo provato di recente assieme alla versione più grande Max, è la CYCPLUS AS2 Pro una pompa elettrica molto valida da tenere in considerazione perché funziona bene, non è troppo costosa ed è anche abbastanza piccola. Costa poco di più la versione citata, CYCPLUS AS2 Max, un po’ più grande e che, matematicamente, riduce i rischi di rimanere a secco avendo una batteria più capiente (nell’immagine a seguire ci sono entrambe, a confronto con due mini pompe). Sul sito ufficiale trovate maggiori informazioni, dove sono in vendita vari modelli diversi.

Coccarda

CYCPLUS AS2 Pro e Max

In alternativa, è possibile valutare anche il mini compressore Xiaomi Mini Air Pump 2, più economico ma molto più pesante rispetto a queste ultime.

Leggi anche: le migliori bici elettriche e le regole da sapere per usarle

Accessori extra: cuffie, action cam e altro

Chiudiamo con una selezione di extra, di accessori tech per bici elettriche e non che potrebbero tornare utili in determinate circostanze a seconda delle abitudini e preferenze di ciascuno.

Ad esempio, a chi si allena in bici per avere uno stimolo in più, ma anche a chi pedala per svago, potrebbero far comodo delle cuffie a conduzione ossea. Sono dei prodotti pensati apposta per lo sport perché inficiano poco sulla percezione dei rumori e dell’ambiente circostante, permettendo cioè di ascoltare musica e altri contenuti audio in sicurezza, senza isolarsi, visto che non occludono il condotto uditivo ma si posizionano in prossimità delle orecchie, utilizzando le ossa degli zigomi per trasmettere i segnali audio. Ce ne sono ormai molte sul mercato, anche a poche decine di euro.

SHOKZ OpenRun Pro

Le action cam possono essere molto utili anche per chi pedala: ad esempio per registrare un video di una discesa tecnica in mountain bike elettrica, di un posto nuovo in vacanza con la bici da strada o di un paesaggio particolare. Se in alcuni casi può bastare lo smartphone, quando serve un angolo di visione ampio, una stabilizzazione efficace e, volendo, un dispositivo piccolino e leggero da agganciare al casco, al manubrio o al petto, l’action cam è insostituibile.

GoPro Hero 12 Black

Chi non usa i ciclocomputer potrebbe valutare l’acquisto di un supporto per agganciare lo smartphone al manubrio, un accessorio utile anche in caso di lunghi viaggi in bici, per avere il telefono a portata di mano. Strettamente correlati sono i power bank, batterie portatili da avere nello zaino o nel borsello per evitare che lo smartphone e altri dispositivi elettronici si scarichino. Sul mercato ci sono anche i power bank solari, utili ad esempio per i cicloturisti.

Quad Lock

Per inciso, i prezzi indicati potrebbero variare in base alle offerte in vigore.

In copertina la bici gravel elettrica Fiido C21, che abbiamo recensito qui