Meno comuni rispetto ai tempi di Antonio e Bruno Ricci del film Ladri di biciclette, i furti di bici sono ancora oggi molto frequenti, purtroppo per i ciclisti. Soprattutto chi ne possiede una da qualche migliaio di euro di valore sa bene quanto è importante tenere gli occhi aperti durante le soste nei bar, ancor più ricoverarla in un posto sicuro.

Con un antifurto come Trackting Bike T8, che abbiamo provato in questi giorni, si possono dormire sonni un po’ più tranquilli. Perché è un dispositivo che passa inosservato e che integra sia un’antenna GPS che una eSIM per poter localizzare la bici su cui è montato e comunicarne la posizione, particolarità che lo rendono molto più utile rispetto ai più comuni tracker come gli AirTag di Apple.

Com’è fatto Trackting Bike T8 e come si monta

Assicurare la bici a qualcosa di grande e solido, a un palo o a una rastrelliera per esempio, è ormai un’abitudine comune rispetto ai tempi del film di Vittorio De Sica (secondo dopoguerra). Ma al posto, anzi, in aggiunta alle comuni catene, usare qualcosa di più tecnologico come l’antifurto Trackting Bike T8 può fare la differenza fra ritrovare una bici rubata e aggrapparsi alla speranza di un eventuale ritrovamento da parte delle forze dell’ordine, cosa alquanto improbabile considerando la facilità con cui i ladri possono farla sparire ed eliminare l’unico modo (o quasi) con cui identificare una bicicletta: rimuovere/camuffare il numero di serie relativo, non sempre inciso sul telaio.

Trackting Bike T8 è un antifurto smart da fissare sulla bici che, grazie al GPS e a una eSIM integrata, allerta l’utente con una telefonata appena qualcuno la tocca e permette di rintracciarla in caso di furto. Il montaggio è banale, perché si fissa direttamente sotto al portaborraccia con due viti, particolari perché anti-manomissione, cioè utili per evitare che i malintenzionati smontino l’antifurto alla svelta. Serve infatti un adattatore per avvitarle e svitarle, presente nella scatola assieme a tutto il necessario.

Il dispositivo si può montare su qualsiasi bicicletta dotata di comuni fori per portaborraccia (arriveranno anche degli adattatori per bici senza fori, ci ha anticipato l’azienda) ed è relativamente piccolo e sottile, non estremamente minuscolo ma abbastanza piccino per passare inosservato. Di primo acchito può sembrare parte del portaborraccia, soprattutto se lo si abbina a quelli standard, non ai super sottili e leggerissimi. Per avere un’idea, lo abbiamo abbinato proprio per questo motivo a un Elite Leggero Carbon, uno dei portaborraccia più minimali in circolazione. Ciò nonostante, le immagini dimostrano come Trackting Bike T8 risulti lo stesso poco visibile, specie con una borraccia montata (quella mostrata è da 750 ml).

Trackting Bike T8

Offerta

Apple iPhone 15 (128 GB)

749€ invece di 979€
-23%
Caratteristiche principali di Trackting Bike T8:

  • dimensioni: 136 x 34 x 11,5 mm;
  • peso: 30 grammi;
  • eSIM integrata con rete cellulare EDGE 2G e CAT-M;
  • connessione: multi-operatore internazionale (50 paesi)
  • sensore di movimento: accelerometro MEMS a tre assi;
  • certificazione di resistenza: IP54;
  • GPS: tolleranza inferiore a 5 metri;
  • batteria: autonomia di 6 mesi, ricarica tramite USB C (non serve smontarlo per ricaricarlo);
  • smartphone compatibili: Android 6 e successivi iPhone con iOS 11 e più recenti.

Come funziona Trackting Bike T8

Configurazione e attivazione dell’antifurto

La prima cosa da fare è installare l’app Trackting sul proprio smartphone, scaricabile gratuitamente dal Google Play Storedall’App Store. Dopodiché basta registrare un account (se non se ne possiede già uno) e seguire la procedura guidata per collegare Trackting Bike T8 al telefono tramite app, procedura eseguibile inquadrando il codice QR incluso in confezione, stampato su una targhetta in cui è possibile aggiungere il proprio nome e il nome della bici.

Ad accoppiamento completato si attiva automaticamente il servizio, con un credito già incluso di 30 giorni subito fruibile. Dopodiché, se soddisfatti del funzionamento, bisogna pagare un abbonamento per usufruirne: 29 euro all’anno o 59 euro per 3 anni (formula, quest’ultima, che permette di risparmiare un anno di abbonamento, per inciso).

A questo punto, per attivare l’antifurto non resta che premere il relativo pulsante posizionato nella schermata principale dell’app, azione che attiva la localizzazione del dispositivo e quindi della bici su cui è installato, mostrando sulla mappa la posizione esatta in cui si trova. Per inciso, quando la si deve usare o non serve, basta disattivare la protezione, sempre dall’app. Purtroppo, complice l’utilizzo della connettività Bluetooth, è importante ricordare che per attivare e disattivare la protezione è necessario essere in prossimità dell’antifurto, anche per disattivare lo stato di allarme. Quindi no, non si può gestire da remoto.

Come avvisa del furto? Telefona

Trackting Bike T8 è così attivo e pronto a segnalare eventuali movimenti sospetti, avvisando tramite notifica dell’app ma soprattutto chiamando l’utente/proprietario direttamente. È un valore aggiunto importante perché una telefonata, rispetto alle notifiche, che possono passare inosservate fra le molte altre che si ricevono durante il giorno, è decisamente più efficace come modalità di avviso. Rispondendo alla telefonata (non è necessario farlo), si sente ripetere più volte “Trackting allarme”, il messaggio vocale relativo dalla durata di poco meno di dieci secondi. Da sottolineare il fatto che il produttore include al massimo 5 chiamate al mese, illimitate se non si risponde alla telefonata.

Trackting Bike T8

Quindi, se qualcuno tocca la bici, Trackting Bike T8 effettua una telefonata sul numero di telefono dell’utente nel giro di qualche secondo, movimenti rilevati dall’accelerometro integrato quando la protezione antifurto è attiva. A seconda del luogo in cui si ricovera la bicicletta può essere utile regolare la sensibilità al movimento, gestibile su più livelli (molto sensibile, standard e meno sensibile), utile per esempio quando è parcheggiata insieme ad altre bici/ in una rastrelliera, situazione in cui anche i movimenti degli altri veicoli potrebbero far scattare l’allarme, sensibile anche a movimenti molto leggeri quando l’antifurto è impostato su “molto sensibile”.

Fondamentale il fatto che l’eSIM integrata nell’antifurto supporti più operatori telefonici, anche internazionali (di 50 paesi, come anticipato) per far sì che sia in grado di contattare l’utente nella stragrande maggioranza dei casi. Si connette automaticamente a quello disponibile e con la ricezione migliore, sottolinea il produttore. Per il posizionamento c’è invece un’antenna GPS, che permette di rintracciare la bici su cui è montato Trackting Bike T8 potenzialmente ovunque ci sia segnale, con margini di errore di pochi metri (l’azienda dichiara una tolleranza inferiore a 5 metri). In base alle nostre prove, è risultato infatti molto preciso, anche quando la bici si trova dentro un’abitazione, situazione in cui ha azzeccato quasi sempre il posizionamento con una discreta precisione.

app Trackting posizione

Serve per ritrovare bici rubate o basta un AirTag?

Quando il sistema di protezione di Trackting Bike T8 è attivo e viene rilevato un potenziale furto, oltre alla notifica e alla telefonata, abbiamo detto che l’app indica all’utente la relativa posizione della bicicletta su mappa. Questa viene aggiornata ogni 30 secondi, con anche l’indicazione relativa alla velocità (utile per capire se il ladro si sta muovendo o meno), localizzazione che è garantita pressoché ovunque, al netto di gallerie, posti interrati, luoghi o furgoni schermati, non certo delle costanti per i furti di biciclette, al netto di casi particolari come furti ai danni di negozi e officine.

Quindi sì, Trackting Bike T8 è senza dubbio uno strumento molto utile per ritrovare la bici, sicuramente più utile di un normale AirTag di Apple che non ha né il GPS né una SIM e che, per funzionare, necessita di altri dispositivi Apple nei paraggi. Il dispositivo di Apple funziona infatti tramite la tecnologia Bluetooth, sfruttando la localizzazione degli iPhone nei paraggi, alla stregua dei Samsung Galaxy Smart Tag2, un altro tracker simile e abbastanza diffuso (lo abbiamo recensito qui e paragonato con AirTag).

È quindi ovvio che usare un antifurto smart come Trackting Bike T8 è più opportuno che nascondere nella bici un AirTag, perché privo di un vero e proprio sistema di localizzazione e di una SIM che possa avvisare l’utente indipendentemente dai dispositivi che lo circondano. Il fatto che gli AirTag siano rilevabili da tutti, anche dai malintenzionati, rende ancor più inutile la fatica e la spesa.

Considerazioni finali

È un prodotto valido sia per funzioni che per design. Perché nonostante dimensioni non molto contenute Trackting Bike T8 passa inosservato e si può montare su qualsiasi bicicletta dotata dei classici fori per fissare i portaborraccia, coi quali si confonde abbastanza, proprio per far sì che i malintenzionati lo scovino in pochi istanti.

È valido anche perché funziona bene ed è semplice da installare e da usare, la batteria dura tanto, la latenza del movimento è minima e si ricarica tramite USB C, quindi senza doverlo smontare dalla bici. Buona anche l’app, un po’ minimale ma col necessario, applicazione che permette anche di gestire più antifurti. Mancano tuttavia alcune funzioni, come la possibilità di avere una traccia continua del percorso per monitorare gli spostamenti in caso di furti e un’opzione per attivare/disattivare la protezione o disattivare lo stato di allarme da remoto.

C’è poi la questione prezzo. Ai 99 euro necessari per acquistare Trackting Bike T8 serve mettere in conto anche il costo dell’abbonamento, 29 euro all’anno o 59 euro per tre anni. Cifre che ad alcuni potrebbero sembrare elevate, ma che sono a nostro avviso giustificate dal servizio offerto, senz’altro sostenibile per chi utilizza bici costose e vuole qualche sicurezza in più per furti e tentativi di manomissione. Se interessati, potete comprare Trackting Bike T8 direttamente sul sito ufficiale con 30 giorni di servizio inclusi.

Pro:

    • Semplice da installare e da usare;
    • Localizzazione molto precisa;
    • Sistema di avviso efficace (chiamata + notifica).

Contro:

    • Attivazione/disattivazione non gestibile da remoto.

Voto finale:

9