Se state cercando un monitor da ufficio o per lavorare da casa siete nel posto giusto. Scegliere il display più adatto alle nostre esigenze può essere un’impresa più o meno ardua, tutto dipende come al solito dal nostro bagaglio tecnico e soprattutto dalla capacità di individuare quali sono realmente le caratteristiche che il monitor dovrà avere per garantire quantomeno le funzionalità base richieste dal nostro ambito lavorativo.

Rimanendo in tema, c’è da considerare poi che nel mondo del lavoro gli scenari utente possono essere i più disparati. Potremmo trovarci in un contesto poco impegnativo, ovvero dove non sono richieste particolari doti tecniche al monitor e al PC, magari con applicativi office base, visualizzazione di email, browsing e software sostanzialmente poco esigenti. Al tempo stesso, senza scomodare il segmento professionale (che però non escludiamo), non mancano profili lavorativi e di conseguenza sistemi che devono garantire un grado prestazionale più elevato e, al pari del computer a cui si affiancano, gestire workload di un certo peso come l’editing e la creazione di contenuti multimediali (anche non particolarmente avanzati), richiedendo di conseguenza display ad alta risoluzione con un certo refresh, oppure pannelli ad alta resa cromatica e particolari doti in fatto di luminosità, contrasto e copertura dello spazio colore.

In questa guida andremo ad analizzare quali sono i migliori monitor da ufficio del momento, cercando di non generalizzare quelle che possono essere le esigenze dell’utente finale, tantomeno di porsi come la guida definitiva sull’argomento. Tra l’altro, a parte il contesto, le caratteristiche tecniche da conoscere e a cui porre attenzione nella scelta di un display per lavorare sono sempre le stesse, ovviamente con un “peso” diverso rispetto a un monitor da gaming (ma neanche tantissimo).

Migliori monitor da ufficio: le cose da sapere sui pannelli

Migliori monitor da ufficio

Come anticipato in apertura, scenario di utilizzo a parte, quello che non deve cambiare mai quando dobbiamo acquistare un nuovo monitor (ma non solo) è l’approccio dell’utente nel ricercare un prodotto “dimensionato” non solo al budget ma anche alle proprie esigenze (sempre nei limiti del possibile ovviamente). Per far questo ovviamente bisogna conoscere il significato delle varie voci che ritroviamo nella scheda delle specifiche tecniche, quantomeno quelle più importanti e decisive rispetto a quanto può contare ad esempio l’aspetto estetico (da non confondere con l’ergonomia però). Iniziamo da una delle caratteristiche fondamentali del monitor, decisiva su prestazioni e prezzo, ovvero la tecnologia dietro il pannello. Attualmente identifichiamo due categorie principali di pannelli, LCD LED e OLED, a queste poi si aggiungono quelli QD-OLED, MicroLED e MiniLED che cercano guadagnare quote di mercato con prezzi sempre più interessante e in costante calo.

Attualmente la tipologia di pannello più diffusa è ancora quella con retroilluminazione LED che, nonostante ormai sia piuttosto superata, domina ancora il mercato per via dei prezzi molto contenuti. Questa categoria include poi i pannelli di tipo TN, IPS e VA. I pannelli Twisted Nematic (TN) sono quelli più economici, peccano spesso per qualità dell’immagine ma bilanciano con ottimi tempi di risposta ed elevate frequenze di aggiornamento. Sulla stessa linea di popolarità troviamo i modelli con pannelli di tipo IPS (In-Plane Switching), capaci però di garantire una fedeltà dell’immagine nettamente superiore.

I monitor che utilizzano tecnologia IPS vantano solitamente una migliore resa cromatica e angoli di visione sino a 178/178°, nettamente superiori ai 160° di un TN; i punti deboli sono da ricercare invece nell’elevato tempo di risposta e nella resa del nero (soprattutto sui primi modelli), senza dimenticare che questa tecnologia non è esente da fenomeni come IPS Glow e Backlight Bleeding. Per questo mix di caratteristiche, i display IPS sono tra i più adatti agli ambiti lavorativi, con opzioni allettanti anche in ottica gaming grazie ai più recenti IPS Fast, capaci non solo di salire col refresh, ma anche di abbattere i tempi di risposta.

Chiudono questo trittico i pannelli VA, ovvero una via di mezzo tra le due opzioni viste poco sopra. I monitor basati su tecnologia VA, Vertical Aligment, vantano un rapporto di contrasto molto elevato, buoni angoli di visione e un tempo di risposta leggermente migliore rispetto a un comune IPS, mentre la qualità dell’immagine in linea di massima è inferiore a quest’ultimo. Le aziende di settore offrono diversi modelli di monitor con pannelli VA, molti dei quali vengono proposti con pannello curvo che, oltre a risultare ideale per immergersi completamente nella propria sessione, permette di ottenere ottimi risultati sul versante produttività.

Grazie a prestazioni da primato in tutti gli ambiti, i monitor OLED sono sicuramente tra le opzioni più gettonate del momento. Al contrario dei pannelli standard con retroilluminzione a LED, gli OLED sono caratterizzati da un approccio totalmente diverso, con dei singoli led “organici” che non vengono retroilluminati contemporaneamente ma possono essere accesi o spenti singolarmente; questa tecnologia garantisce un ottimo tempo di risposta, un contrasto molto elevato e neri assoluti. Molto buoni anche ampi angoli di visione, mentre tra le pecche emerge il burn-in, molto diffuso soprattutto sui monitor OLED per PC

Non meno importanti, anzi al contrario, i pannelli QD-LED, MiniLED e MicroLED, tecnologie sempre più considerate dai produttori di display e per questo in costante diffusione nell’ultimo periodo. La tecnologia QD-OLED, meglio conosciuta come Quantum DOT OLED, è pensata per migliorare la luminosità e la saturazione dei display OLED tradizionali; i MiniLED cercano di “ridare vita” alla tecnologia LED rivedendo tecniche come il local dimming, con ottimi risultati aggiungiamo, mentre con i pannelli MicroLED le aziende mirano a coniugare i vantaggi dei pannelli OLED cercando allo stesso tempo di limitare il fenomeno del burn-in grazie a un approccio con materiale inorganico (inevitabilmente più costoso da produrre).

Migliori monitor per lavorare: le caratteristiche più importanti

Migliori monitor da ufficio top

Ricordandovi che per ulteriori approfondimenti e consigli abbiamo una guida dedicata su come scegliere il monitor più adatto alle vostre esigenze, vediamo brevemente quali sono le caratteristiche tecniche più importanti da valutare quando dobbiamo scegliere un nuovo monitor per l’ufficio. Per quanto ci riguarda, consigliamo sempre di valutare tutta la scheda tecnica del prodotto, ma non si può negare che alcune caratteristiche incidono in modo decisivo sull’esperienza utente e, cosa più importante, su prestazioni globali e prezzo. Dal punto di vista puramente prestazionale, la risoluzione, insieme a frequenza di aggiornamento e tempo di risposta sono i tre elementi che determinano la fascia di appartenenza di un display. C’è da dire però che, al contrario del gaming e di altri particolari ambiti di utilizzo, ai monitor da lavoro solitamente non vengono richiesti valori di refresh particolarmente spinti, così come non si ricerca il decimo di millisecondo riguardo il tempo di risposta.

Al contrario, tenendo sempre a mente quello che ci serve per il nostro setup, in questi casi si tende a curare maggiormente la risoluzione e la densità dei pixel, o per dirla in modo più elementare, il rapporto tra la risoluzione del pannello e la sua diagonale espressa in pollici. Sulla scheda tecnica questo valore viene espresso in PPI (pixel per inch) e risulta molto importante per chi lavora molte ore davanti al monitor e necessita di una postazione tarata al meglio. Per tarata intendiamo col giusto rapporto tra le dimensioni/risoluzione del pannello e la distanza a cui si posiziona l’utente, senza dimenticare o relegare all’ultimo posto la salute della vista, non solo per la distanza e il possibile affaticamento degli occhi, ma anche per le tecnologie anti sfarfallio e di riduzione della luce blu, in un’unica parola fondamentali se passate molte ore in postazione.

La qualità dell’immagine e la resa cromatica di un monitor per lavorare sono sicuramente al secondo posto tra le caratteristiche più importanti da considerare, ci torneremo tra poco perché nel contesto discusso sopra si inserisce di diritto anche l’aspetto ergonomia che risulta altrettanto fondamentale per un display destinato al mondo lavorativo (ma non solo). Uno stand ergonomico regolabile in altezza, inclinazione e rotazione, è uno dei requisiti da ricercare in un buon monitor, impattando di sicuro sul costo finale del prodotto, ma vi assicuriamo anche in ottica produttività/versatilità oltre che come detto sopra sull’esperienza utente anche dal punto di vista “fisico”.

La resa cromatica di un pannello e più in generale la qualità dell’immagine sono quindi due caratteristiche decisive, soprattutto se abbiamo a che fare con la gestione di contenuti multimediali. Un display che restituisce immagini poco nitide, con basso contrasto o una saturazione mal tarata ad esempio, può facilmente essere rilevato anche da un occhio poco esperto, ma la cosa più importante da capire è che può pregiudicare in alcuni casi anche il risultato finale del nostro workflow. Budget a disposizione e caratteristiche tecniche permettendo, bisogna poi ambire a monitor che offrano buoni valori di luminosità e contrasto, con una buona copertura degli spazi colore DCI-P3 o Adobe RGB, soprattutto se il nostro ambito tocca la manipolazione di immagini e più in generale di file multimediali di una certa qualità/complessità. Proprio per le qualità sopraccitate, i monitor OLED e gli IPS sono i più considerati, lasciando campo libero nel gaming ai modelli TN, Fast IPS e VA.

Sempre rimanendo nel contesto, valutiamo il supporto HDR, che sia però realmente implementato e non pura pubblicità, magari con livelli di luminosità ridicoli. Avendo a disposizione un certo budget di spesa inoltre, possiamo guardare anche a prodotti che offrono una calibrazione di fabbrica e, non meno importante, una buona dotazione di porte con gli standard più recenti ed eventuali funzionalità avanzate come switch KVM, hub USB, eventuale camera integrata (se di qualità) o tecnologie aggiuntive anche proprietarie che possano tornarci utili.

Teniamo a precisare che la guida in questione non è una lista dei migliori monitor da gaming presenti sul mercato, ma una selezione accurata dei migliori, almeno in questo momento e secondo i nostri canoni. La selezione dei migliori monitor da gaming è frutto del lavoro editoriale di tutto il team di TuttoTech e TuttoAndroid, molti di questi prodotti sono stati provati e si trovano nelle nostre macchine da lavoro.

Ultimo consiglio prima di entrare nel vivo della nostra selezione è quello di valutare se acquistare da Amazon. La cura per il cliente di Amazon è unica, le spedizioni con Amazon Prime sono velocissime (qui puoi attivare una prova gratuita di Prime) ma la vera marcia in più è l’assistenza post vendita. Siamo sinceri, non molti produttori di monitor possono godere di un servizio post vendita soddisfacente, avere uno step di garanzia in più con Amazon è un gran bel vantaggio. Pensateci.

Migliori monitor da ufficio Fascia bassa

Iniziamo coi nostri consigli partendo come di consueto dalla fascia bassa, un segmento di mercato che ci pone davanti sempre la stessa sfida, ovvero trovare il monitor che abbia il miglior rapporto qualità/prezzo. Per quell'utenza che non ha particolari esigenze prestazionali la scelta potrebbe risultare abbastanza semplice, tuttavia consigliamo di non trascurare per quanto possibile i parametri fondamentali discussi sopra che possano compromettere l'esperienza lavorativa (anche a lungo termine). Chi punta a contenere il budget solitamente si trova tra le mani anche un PC di fascia bassa o medio-bassa (non è una regola intendiamoci), motivo che ci indirizza inevitabilmente su monitor con risoluzione Full-HD e frequenze di aggiornamento non superiori a 100 Hz, magari con qualche eccezione. In questo caso però non dimenticate di dimensionare quantomeno la diagonale del monitor al vostro setup e di conseguenza la risoluzione, ne gioverete sia sotto il profilo prestazionale che dell'affaticamento della vista.

LG 24ML60SP 24'', IPS Full-HD, 75 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 1Visto l'ambito di utilizzo, abbiamo evitato monitor particolarmente economici. Questo LG 24ML60SP è il minimo da cui partire per applicazioni office basiche. Con poco più di 100 euro abbiamo un IPS FHD da 75 Hz, decente ma non eccelso per qualità dell'immagine, ma comunque dotato di trattamento antiriflesso e tecnologia anti-sfarfallio.

HUAWEI Mateview SE 24'', IPS Full-HD, 75 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 2Salendo di qualche euro, con prestazioni e caratteristiche simili troviamo HUAWEI Mateview SE, sempre con taglio da 24" e anche in questo caso con un occhio per la salvaguardia della vista. A bordo infatti troviamo certificazioni TÜV Rheinland Low Blue Light, SGS Low Visual Fatigue e Flicker Free.

MSI Modern MD2712PW 27'', IPS Full-HD, 100 Hz

Coccarda Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 3Rimanendo nel segmento dei display FHD 1080P, saliamo leggermente di livello con MSI Modern MD2712PW, un monitor IPS da 27 pollici con refresh a 100 Hz, tutte le certificazioni del caso in ottica emissioni. La proposta MSI prevede inoltre uno stand regolabile, porte USB-C e supporto VESA 75x75.

Samsung U28R552 28'', IPS UHD 4K, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 4Se cercate un monitor per lavorare ad alta risoluzione ma con budget ridotto, il Samsung U28R552 è una delle migliori opzioni da considerare. Questo display IPS da 28" garantisce 4K a 60 Hz, HDR10 e funzionalità PIP, PBP, Eye Saver Mode e Flicker Free.

Asus Proart Display Pa278Qv 27'', IPS QHD, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 5Con ASUS Proart Pa278Qv entriamo nel segmento dei monitor professionali con prezzi ancora accessibili. ASUS opta per un pannello IPS calibrato di fabbrica, questa volta con risoluzione QHD (60 Hz) e copertura 100% Rec 709. Buone le doti ergonomiche, così come la dotazione di porte con DisplayPort 1.2, Mini DisplayPort e hub USB.

Migliori monitor da ufficio Fascia media

Passando alla fascia media e medio-alta, un monitor QHD 1440P da 27 pollici potrebbe essere un ottimo investimento in quanto può coprire le esigenze di un’ampia fascia di utenza. Per la frequenza di aggiornamento possiamo anche non esagerare, mentre nel range di fascia medio-alta potremmo scovare anche qualche display 4K, ma da valutare attentamente. Le offerte in questo caso sono diverse e tra le altre cose si può puntare anche a un monitor valido sotto il profilo ergonomico.

Samsung ViewFinity S50GC 34'', VA WQHD, 100 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 6La serie Samsung ViewFinity non necessita di presentazioni. Questo modello è destinato a chi è in cerca un display con formato 21:9, adatto a particolari ambiti lavorati ma comunque sempre versatile visto il pannello VA. Risoluzione WQHD con refresh a 100 Hz si abbinano a diverse tecnologie per proteggere la vista, previsto anche il FreeSync.

MSI Modern MD271UL 27“, IPS 4K UHD, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 7Rimanendo nel contesto dei monitor versatili, MSI Modern MD271UL è un prodotto che si adatta bene all'ufficio, ma anche per lavorare da casa e non solo. Presenta un design minimalista che non ci dispiace, mentre il pannello IPS 4K da 60 Hz garantisce una buona resa cromatica e copertura DCI-P3 del 99%. Niente male il reparto I/O che prevede tra l'altro USB-C con Power Delivery a 65 watt.
Compralo su Amazon Mktp in offerta a 340.49 euro.

BenQ PD2705U Designer 27'', IPS 4K UHD, 60 Hz

Coccarda Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 8Come suggerisce la sigla, BenQ PD2705U Designer è il prodotto ideale se siete dei professionisti dell'immagine. Questo IPS da 27" con risoluzione 4K ha tutto quello che serve per garantire un resa cromatica impeccabile. Certificazione Pantone, modalità CAD/CAM e molto altro ancora su questo monitor che nella fascia media ha pochi rivali.

Dell U2723QE UltraSharp 27'', IPS 4K UHD, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 9Altro prodotto da valutare se cercate un display che garantisca un resa cromatica di rilievo è il Dell U2723QE. La diagonale da 27" può soddisfare diverse tipologie di utenza e scrivanie, un IPS Black 4K a 60 Hz con contrasto 2000:1 che garantisce il 98% dello spazio colore DCI-P3 e un'ampia gamma di porte.

Migliori monitor da ufficio Fascia alta

Al pari dei monitor da gaming, nella fascia alta svaniscono i compromessi legati al prezzo e proprio in questi casi la scelta risulta più ampia e paradossalmente con una maggiore percentuale di errori nella valutazione. Con un budget di spesa che non prevede restrizioni e tutte le variabili utente non è semplice dare delle linee guida; quello che consigliamo è di cercare sempre di non strafare, puntando magari su un pannello di qualità come un IPS di fascia top (10 bit) o un OLED, ovviamente con una risoluzione non inferiore a 4K, una resa ottimale in fatto di qualità dell'immagine e copertura dei diversi spazi colore (con calibrazione magari), senza dimenticare ergonomia e connettività.

Philips 40B1U5601H 40'', IPS WQHD, 100 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 10Questo Philips da 40" è un monitor pensato per chi guarda al multi-tasking ma vuole contenere il budget, o comunque non vuole esagerare. Si tratta di un display IPS WQHD da 100 Hz con luminosità di 500 cd/m2 e contrasto 1.200. Anche questo versatile, offre una vasta gamma di porte (KVM e USB-C con ricarica), supporto VESA 100x100 e stand regolabile.

LG 27UN880 ERGO 32'', IPS 4K UHD, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 11La gamma LG ERGO è molto nota nel segmento dei monitor per ufficio, pur rimanendo versatile e soprattutto adatta alle postazioni dove ci sono problemi di spazio. Il pannello IPS 4K da 32 pollici con HDR garantisce immagini nitide copertura DCI-P3 del 98%, il tutto abbinato a una buona capacità di espansione e altoparlanti da 10 watt incorporati.

ASUS ProArt PA32UCR-K 32”, IPS 4K UHD, 60 Hz

Coccarda Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 12Nella top 3 dei monitor di fascia alta ASUS ProArt PA32UCR-K si inserisce di prepotenza come uno dei prodotti più adatti ai professionisti. Parliamo di un prodotto impeccabile, IPS 4K da 32" e 1.000 nit, calibrato di fabbrica e completo in tutto. Consigliato se avete il budget giusto.

Samsung ViewFinity S90PC 27'', IPS 5K, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 13Se il vostro obiettivo è un monitor ad altissima definizione, Samsung ViewFinity S90PC con il suo pannello IPS 5K potrebbe fare al vostro caso. Supporta Thundebolt 4, WiFi, Bluetooth oltre a tutte le tecnologie per salvaguardare la vista. Un vero top di gamma.

BenQ PD3220U 31.5', IPS 4K UHD, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 14Un altro classico nel segmento di fascia alta per i professionisti, BenQ PD3220U è un display 32" 4K ottimizzato per la produttività oltre che per una resa cromatica fedele. Supporta la tecnologia daisy chain via Thunderbolt 3, calibrazione di fabbrica e diversi profili preimpostati per vari ambiti di utilizzo.

Offerte BenQ PD3220U 31.5', IPS 4K UHD, 60 Hz

ASUS ProArt PA32DC 31,5'', OLED 4K, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 15ASUS ProArt PA32DC è il monitor ideale per i professionisti che non hanno problemi di budget e puntano al meglio in fatto di fedeltà cromatica. Il pannello OLED 4K da 60 Hz supporta la calibrazione automatica con DeltaE <1, garantendo al contempo copertura del 99% sia per lo spazio colore DCI-P3 che Adobe RGB. Poco altro da aggiungere su questo prodotto straordinario che, purtroppo, non tutti possono permettersi.

Apple Pro Display XDR 32'', IPS 6K, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio: la nostra selezione di Aprile 2024 16Il Pro Display di Apple è tra i migliori monitor a cui può mirare un professionista dell’immagine, rappresentando un prodotto quasi fuori dal contesto se guardiamo al prezzo. Un IPS da 32″ con tecnologia Oxide TFT e risoluzione Retina 6K, 1000 nit costanti su tutto il display e picco di 1600. Gamma cromatica P3, profondità colore 10 bit e dinamicità estrema che gli fa guadagnare la nota XDR (oltre HDR). Certo, il prezzo è fuori portata, tipico di Apple ma c’è ben poco da obiettare.

Offerte Apple Pro Display XDR 32'', IPS 6K, 60 Hz

Migliori monitor da ufficio in assoluto

Se non avete trovato il prodotto che cercavate in questa guida ai migliori monitor da ufficio, il motivo è uno. Questa è una selezione dei migliori monitor da ufficio che verrà aggiornata ogni mese in base alle nuove uscite o al riposizionamento sul mercato dei vari modelli, in futuro potrebbe essere aggiunto anche il monitor su cui avevate puntato da tempo. Un consiglio è quello di salvare questa pagina nei preferiti e di controllarla di tanto in tanto per seguire i nuovi aggiornamenti.

Avete ancora dubbi o domande? In questo caso potete lasciare un commento in basso oppure entrare nella nostra Community su Facebook e sul nostro canale Telegram delle offerte Offerte Tech, il team di TuttoTech e TuttoAndroid è sempre pronto ad aiutarvi a scegliere il monitor da ufficio più adatto alle vostre esigenze. Se invece siete alla ricerca di un consiglio rapido, netto e deciso, ecco i migliori monitor da lavoro in assoluto da prendere in considerazione: