Samsung Galaxy Book Flex autonomia

La richiesta di nuovi notebook è schizzata alle stelle durante questo periodo prolungato di difficoltà che ha imposto lo smart working come modello di lavoro consigliato ma in un mercato così popolato di proposte non è semplice orientarsi verso la scelta di un nuovo pc portatile. Abbiamo già visto cosa valutare prima di acquistare un nuovo pc portatile, ora concentriamoci su 5 errori da non fare prima di acquistare un nuovo notebook.

5 errori da non fare nella scelta di un nuovo notebook – Video

1 – Esigenze attuali e future per il nuovo notebook

Lenovo ThinkPad T495 autonomia

Il primo errore da non fare è di non considerare le esigenze attuali e quelle future. Comprare tanto per comprare non è mai cosa buona, in particolare se si ha fretta di un nuovo portatile, la fretta è cattiva consigliera. Meglio prendersi due minuti di riflessione e provare a pre configurarsi quale sarà lo scenario di utilizzo del nuovo notebook, provare anche a capire che tipo di esigenze si avranno in futuro e se la macchina scelta oggi sarà in grado di essere soddisfacente anche domani.

Esempio: siete degli studenti con un budget non elevato, probabilmente non vi servirà un notebook molto potente se lo andrete ad utilizzare solo per lo studio. Però c’è da chiedersi, scuola o università? Questo cambia molto la scelta di un notebook perché magari per studenti di architettura o ingegneria servirà una macchina abbastanza potente. Il quadro delle domande da farsi si allarga ancora di più se con il nuovo portatile ci si deve lavorare perché le esigenze di ognuno di noi sono variegate e molteplici, per questo motivo è importante avere ben in mente che cosa si andrà a fare con quel portatile.

2 – Approfondire la scheda tecnica del nuovo notebook

Huawei Matebook 14 AMD prestazioni

Il secondo errore da non fare è quello di non approfondire la scheda tecnica. Per molti queste indicazioni possono risultare scontate ma per la maggior parte delle persone non lo sono. Non si deve sottovalutare la scelta del processore, è importantissimo saper riconoscere la generazione del processore per non incorrere in un acquisto sbagliato. Abbiamo due guide in merito per i migliori notebook con processori AMDmigliori notebook con processori Intel.

Ma un notebook non è solo processore, è importante valutare anche la dotazione di memoria RAM e di storage interno. Per quanto riguarda la RAM, il consiglio generale è di non andare sotto gli 8 GB di RAM, non sono tantissimi ma se un utilizzo tranquillo possono andare bene. Su alcuni notebook è possibile anche aggiungere fisicamente più RAM ma complessivamente più RAM c’è, meglio è e la stessa cosa vale per lo storage.

Per lo storage ci sono ulteriori dritte. Evitargli hard disk, anche se sono spesso molto capienti diventeranno il collo di bottiglia del vostro nuovo notebook, hanno velocità di lettura e scrittura dati troppo lente e siccome sopra c’è installato il sistema operativo, è il caso di puntare ai nuovi formati di storage come gli SSD. Anche per gli SSD c’è da fare una distinzione, puntare se possibile ai moduli SSD M.2 con protocollo NVMe, sono assolutamente le memorie più veloci e daranno un bel boost prestazionale. Attenzione però, esistono anche SSD M.2 con protocollo SATA che sono più lenti.

3 – Scegliere un buon display per il nuovo notebook

In cerca di un nuovo Notebook? Ecco 5 errori da non fare 1

Il terzo errore da non fare riguarda il display. Il display è la parte del notebook che osserviamo di più, è dove ci viene mostrato il sistema operativo. Avere un buon display permette di poterlo consultare in ogni condizione di luce o di ambiente. Ci sono display di tipo lucido, opaco. Ci sono display TN, LCD, IPS e OLED con annesse risoluzioni HD, FullHD e 4K. Cambiano anche i rapporti di forma, ci sono i classici 16:9 più adatti alla multimedialità o i 3:2 perfetti per il lavoro e la consultazione di documenti.

Altro grande snodo per il display è la scelta della diagonale. Abbiamo pensato di suddividere due guide sui migliori notebook da 13 pollici e 15 pollici che sono i due tagli che vanno per la maggiore. Per schiarire un po’ le idee lasciamo delle specifiche base per la scelta del display di un notebook. Se state puntando a qualcosa di economico, cercate almeno di prendere un display dalla risoluzione FullHD con tecnologia IPS.

4 – Valutare gli aspetti secondari del nuovo notebook

Asus ROG Zephyrus G14 interno

Il quarto errore da non fare è quello di ignorare quei piccoli aspetti secondari che in realtà tanto secondari non sono. Sempre consigliato andare alla ricerca di una tastiera precisa e di un trackpad che non vi costringa ad utilizzare un mouse esterno. Dare tanta importanza al set di porte che ormai stanno scomparendo dai notebook. Per stare tranquilli bastano 3 porte usb full size, il jack audio, 1 hdmi ed un lettore di schede sd. Il bonus è andare alla ricerca delle porte usb tipo c che con un semplice dongle permettono di avere una serie di espansioni notevoli.

Potrebbe essere utile sapere quali componenti interne possono essere aggiornate sul nuovo pc portatile. Su quasi tutti i notebook è possibile cambiare il modulo SSD, in alcuni è anche possibile aggiornare la RAM e la scheda wifi ma se non siete particolarmente esperti basterà fare una ricerca su Youtube “nome notebook + disassembly”. Ci sarà sicuramente qualcuno che avrà smontato il notebook e che permetterà di capire come aggiornarlo.

5 – Adeguare le aspettative del nuovo notebook in base al prezzo

Samsung Galaxy Book Flex design

Il quinto errore da non fare è quello di non adeguare le aspettative in base al prezzo. Spendendo poco, magari meno di 500 euro è bene sapere di dover accettare dei compromessi. Il primo riguarda l’estetica e la qualità dei materiali, anche la tastiera non restituirà un feedback eccezionale così come il trackpad che verosimilmente sarà piccolo e non troppo scorrevole. Le prestazioni invece iniziano ad essere sufficienti in particolare se si sceglie bene un processore moderno come Ryzen 3 o Core i3 ed una memoria veloce mentre per quanto riguarda la multimedialità, il display avrà una luminosità bassina e l’audio sarà poco piacevole.

Tra i 500 e i 1000 euro le aspettative possono alzarsi un bel po’, è un’ottima fascia di prezzo in cui muoversi. Si trovano notebook con prestazioni interessanti grazie alla presenza di Ryzen 5, 7 Serie 4000 e Core i5, i7 di 10 e 11 generazione, memorie RAM in dual channel, moduli SSD NVMe rapidissimi e un’esperienza complessiva decisamente valida grazie a display borderless, tastiere precise, trackpad grandi e look estetici che li fanno sembrare di fascia molto più alta.

Chi va oltre i 1000 euro per un nuovo notebook o è un gamer e vuole il massimo delle prestazioni o è un professionista che ricerca alcuni caratteristiche in particolare. In questo caso è ancora più importante tornare al punto uno e quindi chiedersi per bene cosa si andrà a fare con quel notebook, che tipo di lavoro si andrà a svolgere o che tipo di prestazioni si ricercano perché oltre i 1000 euro ci sono notebook fantastici che riescono a soddisfare qualsiasi esigenza.

Potrebbe Interessarti: Migliori Notebook del mese

Scatti realizzati con Canon EOS 90D – Acquista su Amazon