Disney+

Disney+ è ufficialmente disponibile in Italia da oggi, martedì 24 marzo 2020. Dopo aver dato un’occhiata all’intero catalogo di lancio con qualche ora di anticipo, è ora di scoprire tutto quello che dovreste sapere: vediamo come funziona la prova gratuita, come creare un account, come installare l’app, i metodi di pagamento e non solo.

Disney+, come ormai dovreste sapere, è un nuovo servizio di streaming che racchiude in un unico posto tutto il catalogo di contenuti del colosso dell’intrattenimento: al suo interno è possibile trovare film e serie TV targate Disney, Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic. Durante il primo anno, gli abbonati avranno a disposizione oltre 7000 episodi di serie TV e 500 titoli cinematografici. Vediamo come funziona, partendo da come creare l’account.

Come creare un account Disney+

Dopo aver aperto la home di Disney+, avete a disposizione due possibilità: iniziare la prova gratuita o abbonarvi per 12 mesi (con un risparmio di oltre il 15%). In realtà in entrambi i casi è possibile sfruttare la prova di sette giorni per testare il servizio di streaming e decidere se vale la pena abbonarsi o meno: dopo la settimana gratuita potrete proseguire con la visione pagando mensilmente (6,99 euro) oppure annualmente (69,99 euro).

Dopo aver selezionato “Prova gratuitamente”, il sito vi chiederà di creare un account: dovete inserire la vostra e-mail, accettare le condizioni generali di abbonamento, creare una password (almeno 6 caratteri con un numero o carattere speciale) e infine inserire un metodo di pagamento. Questo è necessario anche se già non avete intenzione, almeno per ora, di andare oltre la prova gratuita.

I metodi di pagamento accettati sono Carta di credito (Visa, Mastercard, American Express) e PayPal, e con l’avvio della prova vi verrà addebitato un piccolo importo (1 euro generalmente) che vi sarà poi restituito: serve solo per verificare l’effettiva validità della carta o dell’account PayPal. Fate attenzione a non utilizzare ricaricabili completamente vuote.

Come installare l’app

Disney+ è disponibile per dispositivi mobili (smartphone e tablet Android, iOS e Amazon Fire), console (PlayStation 4 e Xbox One), smart TV, Google Chromecast, Apple TV, Amazon Fire TV e Fire TV Stick, oltre che ovviamente su PC (Windows, Mac, Chrome OS). In futuro sarà disponibile anche sui decoder Sky Q.

Installare l’app Disney+ è molto semplice:

  • Android: su smartphone e tablet del robottino basta collegarsi al Google Play Store e scaricare gratuitamente l’applicazione;
  • iOS: anche su smartphone e tablet Apple il discorso è semplice, basta andare sull’App Store e scaricare gratis l’app;
  • PC: tramite browser, è sufficiente eseguire il login sul sito Disney+;
  • console: dovete recarvi sul PlayStation Store direttamente dalla vostra PS4 e cercare “Disney+”; anche su Xbox One basta cercare l’app all’interno del Microsoft Store;
  • smart TV: Disney+ è già disponibile anche su diversi modelli di smart TV, come Samsung, Sony (Android TV), LG e Amazon Fire TV; dovreste già trovarla a bordo, ma se così non fosse potete scaricarla manualmente;
  • Chromecast: viene automaticamente riconosciuta all’interno dell’app Android; per trasmettere lo streaming basta selezionarla in alto a destra.

dispositivi compatibili Disney+

Limite dispositivi e streaming contemporanei

Come tutti i servizi di streaming, anche Disney+ ha un limite di dispositivi associabili e di streaming contemporanei. Partiamo innanzitutto con lo specificare che non è possibile condividere l’abbonamento, tranne che in famiglia: potete creare al massimo 7 profili diversi (uno per ogni membro della famiglia) e associare 10 dispositivi, tutti in grado di scaricare offline i contenuti. Quest’ultimo punto richiede una precisazione: una volta raggiunti i 10 device non sarà più possibile aggiungerne altri; l’unico modo per rimuoverli dalla lista sembra essere quello di contattare il servizio clienti.

Per quanto riguarda gli streaming contemporanei il limite è impostato a quattro: ogni membro della famiglia potrà riuscire a vedere ciò che vuole (famiglia numerosa e quantità di dispositivi permettendo).

Qualità video e audio

Disney+ rileva automaticamente i formati video supportati e riproduce la qualità video più alta disponibile, connessione permettendo (consigliati 25 Mbps o più per il 4K). Per i contenuti Ultra HD e 4K HDR i display esterni devono supportare HDCP 2.2. Solo alcuni dei contenuti possono arrivare fino alla risoluzione 4K, e sono in continua espansione: per il resto potrete comunque godervi l’alta definizione (HD). Potete vedere se film e serie TV possono essere visualizzati in 4K Ultra HD alla voce “Dettagli” di ogni titolo.

Per quanto riguarda la qualità audio, Disney+ offre una libreria di contenuti con audio surround 5.1 e Dolby Atmos: per usufruirne dovete disporre di un sistema compatibile con Dolby Digital Plus (5.1) e/o Dolby Atmos.

Temporaneamente, con il periodo di emergenza Coronavirus, Disney+ ha deciso di ridurre l’utilizzo della larghezza di banda: di conseguenza i contenuti in streaming nei formati HD e UHD sarà limitato o a volte non disponibile.

Come disdire l’abbonamento Disney+

Disdire l’abbonamento Disney+ è piuttosto semplice: dovete eseguire il login sul sito, selezionare il profilo e l’account, premere su “Dati di fatturazione” e selezionare “Disdici abbonamento“. Dopo aver dato la conferma potrete continuare a godervi i contenuti fino alla data di scadenza: questo significa che se volete solo sfruttare il periodo di prova potete disdire subito per evitare dimenticanze.

Abbiamo comunque fatto una guida ad-hoc su come annullare o cambiare il proprio piano d’abbonamento.

Per ogni altro dubbio potete fare riferimento al video qui in basso, dove il nostro Mikhael vi spiegherà tutto ciò che dovete sapere su Disney+ nel dettaglio.

Potrebbe interessarti: migliori siti di streaming film e serie TV