risoluzione fhd 4k

Se stai pensando di acquistare una nuova smart TV o un nuovo monitor sicuramente ti è sorto il dubbio su quale sia la differenza tra FHD e 4K magari considerando anche la risoluzione HD sempre meno di moda. Le risoluzioni HD, FHD e 4K sono un fattore molto importante da tenere a mente nella scelta di una nuova TV magari legata ai servizi di streaming più diffusi come Amazon Prime Video, Netflix e Disney+.

Risoluzione HD, FHD e 4K

smart working

La risoluzione di una smart tv o di un monitor non è un dato da tenere in considerazione solo se si è un gamer e si ricerca il massimo del dettaglio, non è nemmeno uno di quei dati per soli esperti, è importanti che tutti sappiano quali siano le differenze tra le varie risoluzioni e in che modo possono influenzare non solo la scelta ma anche la riuscita di un prodotto.

Partiamo dalle basi con la risoluzione HD: una delle risoluzioni più diffuse degli ultimi dieci anni ma vista la crescita dei servizi in streaming, delle smart TV e dell’incremento tecnologico è sempre più in disuso e non si consiglia l’acquisto di una risoluzione solo HD se non per budget estremamente limitati. La risoluzione HD è di 1280 x 720 pixel, di solito può essere indicata anche con 720p e su alcune TV con la scritta HD Ready. Ribadiamo ancora una volta che non è lo standard a cui puntare.

Si prosegue con la risoluzione FHD: la risoluzione del momento è in grado di essere soddisfacente un po’ per tutti i contesti di utilizzo. Ha una grande duttilità sia per il classico utilizzo da tv e sia per la compatibilità con i servizi di streaming più diffusi. Molte emittenti delle tv nazionali stanno iniziando in questi anni a trasmettere contenuti in FHD mentre i servizi di streaming riescono a veicolare la miglior qualità con minor consumo di dati possibile proprio in FHD. La risoluzione FHD è di 1920 x 1080 pixel, di solito può essere indicata anche con 1080p o 1080i.

Che differenza c’è tra 1080i e 1080p? La differenza tra 1080i e 1080p oggi è praticamente nulla perché sul mercato si trovano solo 1080p. Nella risoluzione 1080i le schermate vengono create da linee pari e dispari creando un flusso “Interlacciato”, nei 1080p la schermata viene riprodotta sempre omogeneamente e per questo è definita “Progressiva”. Questa è la risoluzione più diffusa sul mercato delle smart TV e dei monitor, riesce ad assicurare una buona densità di pixel, una discreta definizione su quasi tutte le diagonali.

Si chiude con la risoluzione 4K: è la miglior risoluzione che si possa valutare nel 2020, è in grado di regalare un notevole vantaggio a chi ne fa utilizzo. Il 4K è lo standard per le smart TV di fascia alta, per i monitor per professionisti ed è anche la risoluzione di riferimento per i videomaker professionisti e non. Questo significa che i contenuti in 4K sono in rapida ascesa anche se la tv tradizionale è in tremendo ritardo su questo aspetto, forse solo Sky come pay tv è in grado di offrire qualche grande evento sportivo in 4K. Le piattaforme di streaming come Prime Video, Netflix e Disney+ offrono tantissime serie tv, film e documentari in 4K. Addirittura anche i “semplici” video su Youtube possono essere visti in 4K. La risoluzione 4K è di 4096 x 2160 pixel, può essere indicata anche come Ultra HD 4K, UltraHD o con la sigla UHD con risoluzione leggermente inferiore pari a 3840 x 2160. Una risoluzione 4K però ha alcuni compromessi da dover tenere a mente, per esempio nei servizi di streaming c’è bisogno di una buona connessione per gestire il flusso dati in 4K.

Differenze tra HD, FHD e 4K

Che differenza c'è tra risoluzione HD, FHD e 4K: tutti i pro e contro e l'importanza dei servizi in streaming 1

Dopo essere entrati nei dettagli delle sigle spesso troppo confusionarie che i produttori inseriscono su smart TV e monitor, è il caso di chiedersi che differenze reali ci siano tra le risoluzioni HD, FHD e 4K. La prima regola de tenere in considerazione è che dipende molto dalla sensibilità di ogni persona. Se è vero che ci sono delle differenze nette che un vero appassionato noterà al primo sguardo comparando le risoluzioni, molte persone potrebbero non notare così tante differenze tra una risoluzione HD e FHD e potrebbe chiedersi cosa cambia tra HD e FullHD. Chiaro, comparare la risoluzione 720p e la 1080p magari su diagonali di tv diverse ha in tipo di impatto visivo meno netto rispetto alle seguenti risoluzioni confrontate al 4K.

Cosa cambia da HD a Full HD? 720p vs 1080p quali sono le differenze? La risoluzione HD è capace di gestire l’immagine su 1280 colonne verticali e 720 righe orizzontali mentre la risoluzione FHD ha un notevole incremento con 1920 colonne verticali e 1080 righe orizzontali. Il Full HD risulta essere una risoluzione più elevata rispetto al semplice HD ed è particolarmente consigliata per la visione della tv classica, dei DVD e di tutte le serie tv dei servizi in streaming che grazie alla risoluzione FHD riescono a restituire agevolmente una grandissima qualità senza dover avere una connessione Wi-Fi o cablata particolarmente intensa. Quindi alla domanda è meglio 720p o 1080p, è meglio HD o FHD, la risposta è una. Molto, molto meglio la risoluzione FHD detta anche FullHD e 1080p. La realtà dei fatti è che è davvero difficile oggi trovare una tv o un monitor solo HD, per fortuna.

Cosa cambia da FullHD a 4K? La qualità di visione qui è decisamente diversa anche se restano validi tutti i discorsi della sensibilità personale alla visione. La risoluzione FHD è capace di gestire l’immagine su 1920 colonne verticali e 1080 righe orizzontali mentre la risoluzione 4K ha un grandissimo miglioramento con 4096 colonne verticali e 2160 righe orizzontali tanto da essere uno standard cinematografico DCI 4K.  Anche lo standard televisivo UHD o UltraHD 4K risulta essere una risoluzione più elevata rispetto al FullHD, ha 3840 colonne verticali per 2160 righe orizzontali. La differenza qualitativa c’è, è netta e con i contenuti giusti si riesce a notare anche se non si è particolarmente esperti.

La risoluzione 4K però ha ancora delle piccole limitazioni non legate alla tecnologia in sé ma relative alla carenza di contenuti in 4K se non provenienti dalle piattaforme di streaming online. Prime Video, Netflix e Disney+ hanno tantissimi contenuti in 4K nativi in modo da poterli apprezzare al meglio sul supporto ad altissima risoluzione appena acquistato che sia monitor o smart TV non importa. Ci sono anche altri piccoli dettagli tecnici che la risoluzione 4K si porta dietro come la necessità di un cavo HDMI 2.0 per riprodurre contenuti in 4K a 60 fps e una connessione a banda larga molto stabile e affidabile per non vedere uno scalo di risoluzione nella riproduzione di contenuti in streaming.

In definitiva la risoluzione 4K è comunque quella consigliata al momento, è la scelta ottimale per avere una grandissima qualità visiva oggi e nel futuro prossimo. La differenza tra HD e 4K è notevole, la differenza tra FHD e 4K è tangibile anche su monitor o tv da diagonali diverse tra di loro e distanze dallo schermo non troppo accentuate. Si sta però entrando nei dettagli, il 4K apre le porte all’intrattenimento cinematografico a casa, è doveroso fare una ricerca minuziosa dei dettagli per apprezzare al meglio i contenuti in 4K. per fare un semplice esempio, alla distanza consigliata dalla tv, i dettagli del 4K potrebbero sembrare meno incisivi ma ad uno sguardo più ravvicinato, sono davvero impressionanti soprattutto sui contenuti nativi e non quelli in upscaling. Il 4K generalmente porta con sé anche tantissime specifiche e sigle tecniche come la profondità colore a 10 bit, la tecnologia HDR e tanti altri certificati di qualità anche legati al settore audio.

guida migliori smart tv

Se qualcuno ha già sentito parlare di risoluzione 8K, è ancora un discorso prematuro. La risoluzione 8K è di 7680 x 4320 pixel ed è l’ultimo ricercato tecnologico dei produttori di display per tv e monitor, al momento però non si trovano sul mercato smart TV 8K da acquistare. Mancano anche i contenuti in 8K, forse le Olimpiadi di Tokyo saranno trasmesse in 8K in Giappone ma è il primo passo verso una risoluzione che arriverà in maniera importante solo nei prossimi anni. Non è assolutamente consigliato puntare ad una risoluzione 8K sia per assenza di prodotti validi e sia per assenza di contenuti. Se state cercando una nuova smart TV abbiamo dedicato un focus esclusivo, una guida alle migliori smart TV del mercato che verrà aggiornata ogni mese.