Apple iPhone SE (2020)

L’Antitrust (AGCM) ha avviato un’istruttoria nei confronti di Apple e Amazon per limitazioni a rivenditori non ufficiali. Il procedimento ha portato oggi gli ispettori nelle sedi delle due società: vediamo di cosa si tratta più da vicino.

L’Antitrust apre un’istruttoria nei confronti di Apple e Amazon

L’istruttoria da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) è diretta ad accertare se Apple e Amazon abbiano effettivamente messo in atto un’intesa restrittiva della concorrenza, per vietare la vendita di prodotti a marchio Apple e Beats da parte dei rivenditori di elettronica non aderenti al programma ufficiale della casa di Cupertino. Questi ultimi acquistano comunque legittimamente i prodotti dai grossisti per poi rivenderli al dettaglio.

I funzionari dell’Autorità hanno svolto oggi le ispezioni nelle sedi di Amazon Italia Services e Apple Italia, con Amazon che ha già fatto sapere di voler offrire “la massima collaborazione alle Autorità“. L’istruttoria viene avviata ai sensi dell’articolo 101 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea, che prevede il divieto di accordi tra imprese e di “tutte le decisioni di associazioni di imprese e tutte le pratiche concordate che possano pregiudicare il commercio tra Stati membri e che abbiano per oggetto o per effetto di impedire, restringere o falsare il gioco della concorrenza all’interno del mercato interno“.

Secondo l’Autorità potrebbe infatti esserci stato un accordo per escludere alcuni soggetti portando potenzialmente alla riduzione della concorrenza, il tutto a danno dei rivenditori non ufficiali costituiti di solito da piccole e medie imprese che sfruttano i servizi di marketplace per le vendite online. Tale accordo potrebbe far calare qualsiasi incentivo a competere sui prezzi dei prodotti a marchio Apple e Beats, portando ovviamente a effetti negativi nei confronti dei consumatori e delle imprese stesse.

Vi ricordiamo che di recente l’Antitrust (in questo caso USA) ha già preso di mira alcuni colossi della tecnologia, come Google, per questioni differenti ma sempre inerenti alla concorrenza. Come andrà a finire la vicenda riguardante Apple e Amazon? Sicuramente torneremo a parlarne, quindi continuate a seguirci.

Potrebbe interessarti: recensione iPhone SE (2020)