Clubhouse

Clubhouse continua a essere sulla bocca di tutti dopo l’endorsement pubblico di Elon Musk. Chi in questi giorni ha provato a scaricare Clubhouse si è trovato di fronte ad almeno due imprevisti: l’app non è ancora disponibile sui dispositivi Android; per poterlo usare bisogna ricevere un invito da chi ha registrato il proprio account nella piattaforma.

Sono due elementi che da subito distinguono il social network del momento da Facebook, ma anche due ostacoli per chi non ha un iPhone e almeno un amico già iscritto. Se invece si è felici possessori di un dispositivo iOS e si conosce una persona che ha completato la registrazione del profilo sul social, allora tutto diventa più semplice sebbene possa non bastare.

Vi raccontiamo tutto nel nostro approfondimento dedicato, spiegando come essere invitati su Clubhouse.

Come essere invitati su Clubhouse: i requisiti indispensabili

Prima di tutto, per ottenere un invito su Clubhouse è indispensabile soddisfare due requisiti indispensabili: essere in possesso di un iPhone e avere tra i contatti della rubrica personale una persona iscritta al social network con ancora un invito a disposizione.

Ogni persona che completa l’iscrizione di un nuovo profilo su Clubhouse dispone in automatico di due inviti. Una volta iscritti non si ha l’obbligo di utilizzare subito gli inviti, a meno che non si sappia già a chi indirizzarne uno o entrambi. Di fatto, il requisito più importante è l’avere almeno uno dei contatti che risulti formalmente iscritto alla piattaforma e sperare che si ricordi di noi quando spende uno dei due “gettoni” a disposizione.

Come iscriversi a Clubhouse

Tutto questo però non significa che bisogna starsene con le mani in mano senza poter fare nulla, aspettando chissà quale grazia divina improvvisa. Se si vuole ricevere l’invito, oltre a disporre di un iPhone, bisogna anche scaricare e iscriversi a Clubhouse. Ecco la procedura da seguire:

  • Scaricare l’app Clubhouse: Drop-in audio chat (disponibile a questo link)
  • Pigiare su Get your username (Ottieni il tuo username)
  • Inserire il numero di telefono cellulare
  • Digitare il codice ricevuto via SMS
  • Inserire il nome completo (nome e cognome)
  • Scegliere l’username

Come essere invitati su Clubhouse

Sembrerebbero i passaggi di una normale registrazione a un servizio di social network o di messaggistica istantanea, ma in realtà una volta completata la procedura iniziale l’utilizzo dell’applicazione rimane subordinato alla ricezione di un invito da parte di uno dei contatti presenti nella rubrica personale.

L’inserimento del numero di telefono è necessario per ricevere il codice che Clubhouse invia per completare la registrazione dell’username, oltre naturalmente per identificare i contatti presenti in rubrica. Per quanto riguarda invece il passaggio relativo all’inserimento del nome completo, l’app specifica tra parentesi che sul social network Clubhouse gli utenti utilizzano il loro vero nome. L’username è invece il nickname che gli utenti dovranno digitare per trovare quella determinata persona.

Come iscriversi su Clubhouse

Come accedere a Clubhouse

Come spiegato qui sopra, l’accesso a Clubhouse è possibile soltanto tramite invito. Dopo aver completato i passaggi per la registrazione indicati nel capitolo precedente, bisogna dunque aspettare di ricevere un invito a entrare nel social network. da parte di uno dei propri contatti

L’arrivo dell’app per Android non farà altro che agevolare il processo, dal momento che il numero di utenti Android è nettamente più alto rispetto al pubblico iOS.

Nota: non appena l’applicazione Clubhouse: Drop-in chat audio sarà disponibile anche su Google Play Store vi aggiorneremo con un articolo dedicato a parte. Nel frattempo, vi invitiamo a non scaricare eventuali APK presenti in rete dal momento che correreste il rischio di esporre il vostro dispositivo Android a potenziali minacce.

Prima di andare, date un’occhiata anche alle altre guide sullo stesso argomento che abbiamo preparato per voi:

Potrebbe interessarvi anche: Facebook vuole che Portal diventi il fulcro dello smart working con Zoom e altri