Samsung Galaxy Watch5 Pro è il nuovo smartwatch della casa coreana. In un mercato con pochi concorrenti il prodotto in sé spicca particolarmente per dotazione hardware e software che migliora rispetto alla precedente generazione e razionalizza un po’ l’offerta con meno modello e meno differenze.

Esistono diverse versioni di questo smartwatch infatti, eccole con i relativi prezzi di listino:

Lungo questa recensione di Samsung Galaxy Watch5 Pro affronteremo ovviamente anche le differenze rispetto al modello base.

Video recensione Samsung Galaxy Watch 5 Pro

Come è fatto Galaxy Watch5 Pro

Esteticamente non è lo smartwatch più bello in circolazione ma per lo meno differisce dal principale competitor per avere un aspetto di forma circolare e non squadrata. Il display è di tipo AMOLED da 1,4 pollici con risoluzione 450×450, bello, ben visibile anche all’aperto e protetto da un vetro in zaffiro, 2 volte più resistente della serie Watch4) incastonato al di sotto della cornice così da evitare spiacevoli scontri con superfici dure rischiando di rovinarlo. Scontato a questo punto dirlo ma ovviamente è dotato di certificazione contro acqua e polvere IP68 con resistenza fino a 5 atmosfere.

Per gli amanti della ghiera girevole non preoccupatevi, non è presente fisicamente ma è comunque implementata via software, basta infatti scorrere il dito sul bordo interno per scorrere rapidamente pannelli, voci o menu.

Esteticamente gli aspetti più divisivi comunque sono lo spessore, 10,5mm e il peso pari a 46 grammi, insomma è un prodotto impegnativo e che sul polso si fa sentire.

Il cinturino in confezione viene fornito è in  silicone di colore grigio fissato da una fibbia mobile e che ho apprezzato in quanto consente una vestibilità più precisa non essendo vincolati ai fori.

L’orologio ha due pulsanti hardware e la funzione a pressione lunga o doppia possono essere personalizzati. Per impostazione predefinita, una pressione prolungata del pulsante in alto attiva Bixby e il pulsante in basso fa apparire Samsung Pay. Mi sono sbarazzato subito di entrambi e li ho sostituiti con Google Assistant e YouTube Music.

A proposito di Google Assistant per abilitarlo dovrete seguire una semplice guida, altrimenti vi dirà che non è compatibile con la vostra lingua: come attivare Google Assistant su Galaxy Watch5 Pro.

Non manca l’NFC che è possibile sfruttarlo per i pagamenti sia con Samsung Pay che Google Pay.

Hardware e connettività

L’orologio è dotato di tutti i sensori che si possono pensare per uno smartwatch, compresi i componenti di base come accelerometro, giroscopio, barometro, ma anche sensori cardiaci ottici ed elettrici e BIA (Body Composition Analysis). Quest’ultimo è stato introdotto nel Galaxy Watch 4 dell’anno scorso e rileva essenzialmente la percentuale di grasso corporeo di chi lo indossa inviando segnali elettrici che attraversano il corpo. C’è anche un sensore di temperatura della pelle a infrarossi, che è una novità per l’orologio di quest’anno, ma non è disponibile per l’uso al momento del lancio. Probabilmente però verrà implementato non tanto per misurare la temperatura che sarebbe poco precisa, quanto per segnalare eventuali variazioni rilevanti rispetto alla media.

Il processore di cui è dotato è l’Exynos W920 dual core con 1,5GB di ram e 16GB di memoria interna, per cui volendo si possono caricare e memorizzare foto o musica. Sono poi presenti la connettività Bluetooth 5.0, Wi-Fi 802.11 b/g/n a doppia banda, NFC, LTE (nella versione dedicata), GPS, GLONASS, BeiDou, Galileo.

In confezione è presente un unico cavo con modulo di ricarica wireless magnetico per ricaricare lo smartwatch tramite standard Qi.

Recensione Samsung Galaxy Watch5 Pro: ha tutto ciò che serve, anche un'ottima batteria 4

Funzioni smart

Il sistema operativo è Android o per meglio dire Wear OS 3 con interfaccia grafica personalizzata da Samsung molto simile a quella dell’era Tizen. Una personalizzazione doverosa per differenziarlo sul mercato e molto vicina a quella degli smartphone.

Non a caso l’app per configurare lo smartwatch al telefono è Samsung Wearable, in ogni caso mantiene la compatibilità con qualsiasi smartphone Android, non solo quelli a marchio Samsung, fatta eccezione per alcune funzionalità come l’elettrocardiogramma. Samsung Galaxy Watch5 Pro non è compatibile invece con iPhone.

Per alcune di queste funzioni infatti lo smartwatch chiede di installare sul Samsung Galaxy App Store delle app aggiuntive non disponibili sul Google Play Store.

Se avete posseduto Galaxy Watch4 non ci sono sostanziali differenze su questo aspetto, le gesture sono le classiche e quindi swipe dal basso per accedere alla lista delle applicazioni fra cui è presente il Play Store per installare nuove app, swipe dall’alto verso il basso per accedere ai collegamenti rapidi, swipe laterale per accedere alle notifiche sul lato sinistro e ai panelli rapidi sul lato destro, ovviamente personalizzabili.

L’unica vera novità di Galaxy Watch 5 Pro sta nel fatto che può sfruttare i vantaggi del GPX per scaricare e seguire itinerari escursionistici direttamente dall’orologio, senza necessità di connessione allo smartphone ma semplicemente usando il GPS integrato allo smartwatch.

La gestione delle notifiche è completissima, anche qui sia con uno smartphone Samsung che di qualsiasi altro brand ed in pratica sono uno specchio rispetto alle notifiche visualizzate dallo smartphone. Se qui è visibile un file media lo si vedrà anche sullo smartwatch, idem per le emoji ed è possibile archiviare la notifica e così facendo si eliminerà anche dallo smartphone e soprattutto rispondere con uno dei numerosi metodi: digitazione testo, dettatura vocale, tramite emoji.

Non manca anche un’ampia possibilità di personalizzazione dell’orologio dove oltre poter cambiare quadranti e scaricarne di nuovi, ciascuno di essi è ulteriormente personalizzabile nello stile e nelle complicazioni, ovvero nelle informazioni mostrate.

Recensione Samsung Galaxy Watch5 Pro: ha tutto ciò che serve, anche un'ottima batteria 5

Salute e Funzioni sportive

Samsung Galaxy Watch 5 Pro è un prodotto versatile e che vuol soddisfare le esigenze più disparate. Non è prettamente uno sportwatch ma per chi non ha troppe pretese è più che soddisfacente e completo, al tempo stesso fornisce un buon mix di funzioni e attività smart che semplificano la vita di tutti i giorni e permettono di mantenere una distanza maggiore dallo smartphone.

Lo smartwatch può contare di un sensore biometrico 3 in 1 ovvero può essere utilizzato come sensore del battito cardiaco, sensore elettrico cardiaco e impedenziometrico, ovvero può misurare la frequenza cardiaca, l’ossigenazione del sangue, effettuare un ECG e valutare la composizione corporea.

Samsung Galaxy Watch5 Pro è poi in grado di misurare la pressione cardiaca, dopo un processo di taratura che va effettuato misurando per 3 volte la propria pressione con un misuratore esterno, ed è anche in grado di rilevare la temperatura ambientale percepita.

In ambito sportivo la suite di monitoraggio del fitness è stata arricchita ed ora integra anche l’escursionismo, il trail running, canoa, sci e anche attività come Ballo e Yoga; sono disponibili oltre 90 sport differenti.

L’orologio poi si occupa giornalmente di monitorare il numero dei passi, le calorie bruciate, oltre a rilevare con buona precisione il sonno con le varie fasi. Durante l’attività fisica possiamo anche scegliere di mantenere lo schermo acceso così da evitare di doverlo toccare o compiere il gesto del polso per risvegliarlo, cambiare traccia musicale o addirittura uscire dalla schermata di allenamento per svolgere altre attività come ad esempio consultare le notifiche, senza che la registrazione dell’attività venga interrotta.

La rilevazione continua del battito cardiaco è di buon livello, ovviamente non preciso quanto potrebbe essere una fascia cardio ma la stima non si discosta eccessivamente; per le sessioni outdoor poi grazie al GPS, che si aggancia in circa 15 secondi, è possibile avere un dettaglio abbastanza preciso del tracciato direttamente su mappa e le informazioni riguardo l’altitudine.

Funzionalità impeccabile è la rilevazione automatica dell’attività sportiva per cui registra automaticamente eventuali camminate o corse e dopo alcuni minuti ci chiede se vogliamo passare alla modalità manuale per attivare contestualmente anche la geo-localizzazione. Sempre in automatico poi registrerà la pause, ovvero quando ci fermiamo, andando ad interrompere il tempo, per riprendere non appena rileverà un movimento.

Ovviamente poi è possibile consultare tutti i dati tramite l’app Samsung Health, sia sullo smartwatch che sullo smartphone. Le statistiche fornite sottoforma di report sono numerose; è chiara ed esaustiva la visualizzazione al polso, ma soprattutto è ricca di informazioni la scheda riassuntiva consultabile dal telefono con la possibilità di consultare i dati della misurazione della composizione corporea e soprattutto, cosa non disponibile sullo smartwatch, visionare i dati storici per eseguire un confronto e capire l’andamento. La stessa cosa anche per i dati riguardanti il sonno.

Batteria, ricarica e autonomia

La batteria è un vero e proprio punto forte di questo smartwatch, al contrario di quanto è stato fino alle precedenti generazioni. Grazie alla batteria da 590 mAh infatti è possibile arrivare fino a 3 giorni completi di utilizzo con una singola ricarica, utilizzandolo però in modalità Bluetooth/WiFi.

Se attivata l’eventuale connettività LTE il consumo della batteria sarà più importante e difficilmente in quel caso si riuscirà a superare le 36h di utilizzo.

Recensione Samsung Galaxy Watch5 Pro: ha tutto ciò che serve, anche un'ottima batteria 9

In conclusione

Samsung Galaxy Watch5 Pro rappresenta la miglior soluzione smartwatch per chi possiede uno smartphone Android, ancor di più per chi possiede uno smartphone Samsung. La sinergia con Google è ormai consolidata e l’esperienza d’uso più che promossa e completa. Rispetto a Samsung Galaxy Watch4 Classic, suo predecessore, le novità non sono così importanti da consigliare un passaggio al nuovo modello ma se non avete ancora uno smartwatch al polso e lo farete vostro indubbiamente vi resterà per molto tempo.

Vi ricordiamo che è compatibile con praticamente tutti gli smartphone Android (non con iOS e quindi con iPhone), l’unica accortezza è verificare se potete installare le app Galaxy Wearable e Samsung Health tramite il Play Store.

Un prodotto promosso che finisce dritto fra i migliori smartwatch, se vi ha conquistato potete acquistarlo in offerta su Amazon al prezzo di circa 340 Euro nella versione Bluetooth invece che 499 Euro.