A distanza di due settimane dal rilascio della prima versione beta, gli sviluppatori di Apple hanno avuto il via libera per rilasciare iOS 13, macOS 10.15 e watchOS 6 beta 2 per gli sviluppatori.

iOS 13 beta 2

Fra le novità introdotte con iOS 13 beta 2 troviamo:

  • L’opzione Connettti ad SMB funziona ora in Files, permettendo di avere una maggiore flessibilità nel collegarsi a un HDD esterno;

  • Richiesta di attivare la Dark Mode al primo avvio;
  • Nell’app Calendario sono stati modificati alcuni pulsanti e la colorazione degli inserti;
  • La traduzione non perfetta in italiano è stata perfezionata;
  • In Apple Mappe è stata introdotta una nuova schermata di benvenuto (al primo avvio);
  • Aggiunta di nuove Memoji;
  • Miglioramenti delle performance in generale.

Ricordiamo che con iOS 13 sono diverse le novità che vengono introdotte sugli iPhone. Fra le principali troviamo la dark mode, una maggiore privacy  e il supporto per il nuovo Cryptokit, framework utile per la gestione delle criptovalute. In attesa del changelog di iOS 13 beta 2, per maggiori informazioni sulle novità che iOS 13 porta con se, vi rimandiamo al nostro articolo di approfondimento.

macOS 10.15

macOS 10.15 Catalina invece introduce una rivoluzione in iTunes in quanto sta venendo sostituito dalle tre app Musica, Podcast e TV, introduce Sidecar che facilita il collegamento di monitor esterni a macOS ma soprattutto la possibilità di utilizzare gli iPad come se fossero un monitor aggiuntivo e la funzione Find My anche con i Mac offline. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo al nostro articolo di approfondimento.

watchOS 6

watchOS 6 invece porta con se l’aggiunta di un App Store per il download diretto delle app, la possibilità per gli sviluppatori di sfruttare nuove API per riprodurre tramite Apple Watch file audio più lunghi di quanto è possibile finora e leggere più dati e la capacità di monitorare la salute dell’udito in ambienti rumorosi. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo al nostro articolo di approfondimento.

Ricordiamo infine che la nuova versione beta non può essere installata sin da ora da tutti. Trattandosi di un aggiornamento beta dedicato a coloro che hanno un account sviluppatori, per poterlo provare non solo dovreste essere iscritti al programma Apple Beta ma dovreste anche essere in possesso di un account sviluppatore dal costo di 99 euro l’anno.