giovedì, Ottobre 22, 2020
Home Tags Twitch

Twitch: cos'è, come funzione, prime, costo, app, streaming

Twitch

Quasi ogni giocatore al mondo conosce Twitch, per vari motivi: magari perché sogna di diventare uno streamer o entrare in relazione con una community di persone interessate allo stesso argomento o videogioco; oppure per seguire una delle personalità presenti sulla piattaforma; o ancora per potersi godere il meglio del panorama eSports. Qualunque sia la motivazione, sappi che se stai cercando informazioni riguardo Twitch, sul suo funzionamento e i suoi vantaggi, allora sei nel posto giusto: nei paragrafi successivi cercheremo di fornire tutte le informazioni necessarie per iniziare ad utilizzare la piattaforma, spiegando come funziona, come registrarsi, come salvare i video, cos’è Twitch Prime e tanto altro del mondo che ruota intorno a questo servizio.

Twitch, cos’è e come funziona

Cos’è twitch

Twitch, anche conosciuta come Twitch.tv, è una piattaforma di streaming online specializzata nel settore gaming: attualmente è leader del suo settore, e conta oltre 20 milioni di utenti attivi al giorno. L’azienda, nata da una costola di Justin.tv per diventarne il servizio principale, è stata acquistata dal colosso delle vendite online Amazon per una cifra di poco inferiore al miliardo di dollari.

Per comprendere l’importanza di Twitch sul panorama mondiale dell’intrattenimento basta soffermarsi sui dati riguardanti il traffico Internet USA: Twitch TV rappresenta l’1.8% del totale, al quarto posto dietro Netflix, Google e Apple.

Cosa vuol dire Twitch

Letteralmente, Twitch in inglese si traduce con “movimento spasmodico”: è lo stesso CEO dell’azienda ad aver commentato sul perché di questa scelta, rispondendo ad un post di un fan su Reddit:

“It was inspired by ‘Twitch gaming’, as the wikipedia article says. I liked the association of ‘speed’ as well, which I felt matched the fact we were a live video platform. And I really liked that we could actually buy twitchtv.com and twitch.tv at reasonable prices!” – Emmett Shear, CEO di Twitch

“[Il nome] è stato ispirato da ‘Twitch gaming’, come riportato dall’articolo wikipedia. Mi piaceva l’associazione a ‘velocità’, che si sposava alla perfezione con il fatto che fossimo una piattaforma di video live. E mi è piaciuta molto la possibilità di comprare twitchtv.com e twitch.tv a prezzi ragionevoli!” – Emmett Shear, CEO di Twitch

Quindi, il nome è stato scelto per associare il servizio a un qualcosa di molto veloce: quando il tuo obbiettivo è quello di creare una piattaforma di streaming live, in cui la velocità di interazione tra streamer e utenti è fondamentale, un’associazione del genere rassicura gli utenti nelle prime fasi in cui il prodotto non è ancora conosciuto ai più; la seconda motivazione fornita per la scelta del nome riguarda l’associazione al Twitch gaming, una branca di giochi che richiedono notevoli doti di velocità e riflessi per essere battuti.

Come funziona Twitch

Il funzionamento di Twitch è molto semplice: chiunque abbia guardato un video su YouTube, Netflix o Prime Video noterà un’interfaccia familiare. Gli streamer che si iscrivono alla piattaforma possono condividere con altri utenti contenuti video in tempo reale, tramite le trasmissioni in diretta, sia catturate dallo stesso computer che adoperano attraverso software specifici, come OBS, oppure da fonti esterne come webcam e fotocamere.

Gli utenti invece possono cercare video live oppure on demand da visualizzare tramite l’opzione di ricerca, che consente non solo di poter trovare il nickname di una persona o quello del canale ad esso associato, ma anche di effettuare una ricerca per genere e categoria. L’utilizzo primario di Twitch è infatti per lo streaming di contenuti gaming: per ognuno dei titoli di maggior successo come Fortnite, PUBG, Counter-Strike, League of Legends, Overwatch e Valorant, sono presenti decine, centinaia o migliaia di streamer, ma non solo. Sulla piattaforma sono presenti anche canali di formazione ed educazione molto apprezzati, come quelli dedicati alla programmazione.

Come fare live su Twitch? Prima di tutto bisogna registrarsi al servizio, e per farlo dovremo per forza di cose creare un nuovo account. Molti si chiedono se Twitch è gratuito, o si deve pagare una quota di abbonamento per poterlo utilizzare. Tutti possono registrare un account Twitch di base, senza sborsare un centesimo, che consente non solo di poter guardare contenuti in streaming, ma anche di diventare uno streamer a nostra volta.

Esiste anche il piano Twitch Prime, che si ottiene gratuitamente con una sottoscrizione ad Amazon Prime, che permette di avere molti vantaggi aggiuntivi rispetto all’account gratuito, ma su questo ci torneremo più avanti.

Interfaccia Twitch

L’interfaccia di Twitch è relativamente semplice: nella barra di ricerca in alto possiamo cercare nuovi contenuti digitando le parole chiave relative ad un gioco, ad un canale o ad una categoria. Come dicevamo in precedenza, il focus è sul gaming, ma esistono anche canali musicali, podcast, stream in cui si effettuano performance live di artisti, concerti, sessioni di Q&A (domande e risposte) e tanto altro.

Nella parte centrale dell’interfaccia troveremo i suggerimenti di Twitch per noi, basati sui canali guardati in precedenza. Nella parte in alto a sinistra c’è l’accesso rapido ai canali da noi seguiti, ai raccomandati, alla sezione esplora e alla sezione Musica; in alto a destra invece trovano posto i pulsanti per le notifiche, i messaggi privati, i bits e il nostro profilo personale.

Coloro che sono iscritti al programma Twitch Prime troveranno anche a loro disposizione l’icona con una corona, che simboleggia il Prime Loot, o Ricompense Prime: un mondo di vantaggi che viene aggiornato spesso nel tempo, per lo più composto da oggetti da riscattare all’interno dei giochi ed offerte a tempo che riguardano oggetti cosmetici da sbloccare per vari titoli videoludici.

Come registrarsi su Twitch

Per registrare un account su Twitch seguiamo questi passaggi:

  • Colleghiamoci all’indirizzo https://www.twitch.tv/
  • Clicchiamo sul pulsante Iscriviti in alto a sinistra
  • Completiamo il form indicando nome utente, password, data di nascita e mail
  • Riceveremo sulla mail un codice di verifica: se abbiamo chiuso la finestra di Twitch relativa alla creazione dell’account, potremo cliccare sul pulsante Verifica il tuo account presente all’interno del corpo della mail
  • Dopo aver validato l’indirizzo email inserendo il codice di verifica, ci verrà chiesto di inserire tre categorie o canali di nostro interesse: in questo modo Twitch potrà consigliarci ulteriori contenuti che riterrà adatti a noi, basandosi sui nostri gusti

Una volta completata la registrazione ci ritroveremo nella schermata principale: possiamo cliccare sul pulsante profilo in alto a destra e scegliere se impostare il tema con colori scuri, cambiare la lingua, settare le impostazioni, andare sul nostro canale o visualizzare abbonamenti e lista amici.

Twitch impostazioni profilo

Se andiamo in Impostazioni possiamo accedere ad opzioni avanzate di personalizzazione: da qui potremo cambiare l’immagine del nostro avatar virtuale, impostare un banner profilo, modificare il nome utente (limitato ad una volta ogni due mesi), creare la propria biografia personale o disattivare l’account.

Cos’è una sub su Twitch

Molti streamer hanno vere e proprie carriere su Twitch: l’impegno costante che li vede protagonisti è spinto dalla voglia di creare nuovi contenuti sulla piattaforma, proprio come accade per qualsiasi altro lavoro orientato ad obbiettivi. Ecco perché Twitch integra un sistema per poter supportare gli streamer, attraverso un sistema di sottoscrizioni e donazioni.

Una sub, diminutivo di subscription, è una sottoscrizione remunerata che gli utenti pagano per poterla donare ai canali e creator preferiti. Esistono 3 livelli di sub, che permettono di sostenere economicamente la persona o il gruppo di persone che sono dietro il canale: così come si paga un biglietto per guardare un film al cinema o andare a vedere una partita di calcio, si può scegliere di pagare un biglietto virtuale per far conoscere il nostro apprezzamento per i contenuti creati. Non esiste un intrattenimento di serie A e uno di serie B.

sub twitch

Le sub possono essere di tre livelli: livello 1, livello 2 e livello 3; queste costano $4,99, $9,99 e $24,99, rispettivamente. Non ci sono limiti al numero di sottoscrizioni che possiamo donare, così come non è necessario farlo: è un gesto spontaneo che mostra l’apprezzamento verso il lavoro di intrattenimento o informazione adoperato dal curatore del canale, ma non è obbligatorio e tutti possono comunque visualizzare tutti i contenuti non esclusivi o destinati agli abbonati presenti su di un canale..

Con Twitch Prime è anche possibile elargire una sub di primo livello gratuitamente, ogni 30 giorni: come farlo lo spieghiamo nel paragrafo dedicato più in basso.

Come salvare i video su Twitch

Normalmente, quando si condivide una trasmissione live, una volta terminata questa scompare. Tuttavia, possiamo abilitare Twitch per salvare le live streaming passate ed elencarle come Video On Demand o VOD. Dopo aver abilitato tale impostazione, possiamo mettere in evidenza le trasmissioni e salvarle per sempre sul canale. Nelle prossime righe ti mostreremo come salvare i flussi live di Twitch come VOD e highlights.

Come salvare una live streaming

  • Vai sulla pagina principale di Twitch
  • Clicca sulla tua icona profilo in alto a destra
  • Vai al tab Dashboard autore
  • Dal menù hamburger in alto a sinistra seleziona Preferenze > Canale
  • Abilitiamo il toggle Archivia le trasmissioni precedenti

Quando finiamo una live ora troveremo il relativo video nella sezione corrispondente del nostro canale: clicchiamo sull’icona profilo in alto a destra e scegliamo Canale > Video per visualizzarli. Selezioniamo quindi i video che desideriamo mettere in evidenza, i quali verranno salvati senza scadere mai più.

Come collegare Twitch a Fortnite

Fortnite è uno dei giochi più di successo degli ultimi anni, e Twitch ha sicuramente giocato un ruolo fondamentale nella sua ascesa. Considerato per molto tempo il re del genere battle royale, grazie alla sua grafica cartoonesca e alla semplicità dei controlli, che però richiedono tempo e bravura per poterli perfezionare e diventare così campioni dell’arena, Fortnite sta subendo una spietata concorrenza che lo ha sicuramente indebolito, ma continua a macinare numeri da primo della classe.

Ora, è un dato di fatto che ogni gioco migliora sensibilmente se ci sono oggetti in regalo disponibili per tutti gli utenti, e Fortnite non fa eccezione: collegando l’account Fortnite a quello di Twitch potrete sbloccare vantaggi aggiuntivi che i normali utenti non possono avere. Tutto ciò che devi fare per connettere Twitch Prime a Fortnite è questo:

  • Vai alla pagina Fortnite qui
  • Fai clic sulla casella per gli utenti di Twitch Prime e accedi
  • Connetti gli account, quindi ricorda di rivendicare ogni pacchetto Fortnite singolarmente accedendo ogni volta che ne riscatti uno
  • Vai al tuo locker e vedrai il bottino gratuito presente al suo interno

fortnite twitch

Come streammare su Twitch da PS4

Molti utenti chiedono come possono streammare su Twitch da PS4: il servizio è contenuto già all’interno del sistema, e non c’è bisogno di installare nulla. Per poterlo utilizzare dobbiamo soltanto attivare un un’opzione quando desideriamo iniziare un video in diretta. Ecco i passaggi da seguire per iniziare subito e diventare streamer su Twitch:

  • Inizia il gioco che desideri trasmettere in streaming
  • Premi il pulsante Condividi
  • Seleziona Trasmissione
  • Seleziona Twitch tra i servizi disponibili
  • Collega il tuo profilo Twitch inserendo le tue credenziali utente
  • Assegna un titolo alla trasmissione
  • Imposta le opzioni di streaming
  • Premi il pulsante Avvia trasmissione

ps4 twitch

I commenti degli utenti saranno visibili sullo schermo, così da poter anche rispondere agli spettatori collegati in tempo reale. Quando si desidera terminare la sessione di streaming basterà premere nuovamente il pulsante Condividi. Ricordiamo agli utenti Playstation che sul servizio Live possono essere visti soltanto stream provenienti da console.

Cosa sono i Bits

I bits (al singolare bit) sono un bene virtuale che si può acquistare su Twitch, una specie di fiche in stile casinò da poter donare agli streamer per incoraggiarli e supportarli, ma non solo. Vengono utilizzati spesso dagli utenti per farsi notare in chat, oppure per ottenere dei vantaggi esclusivi o ricompense durante gli eventi eSports, come in occasione della Overwatch League.

tifo bits Twitch

È anche possibile utilizzare i bits per fare il tifo e mostrare il proprio gradimento e supporto, ad esempio utilizzandoli per festeggiare il raggiungimento di un traguardo: a seconda della quantità di bits utilizzati per il tifo, questi si configureranno in particolari emoticon dalle animazioni vivaci.

Questo bene virtuale va  acquistato, per poter essere utilizzato su Twitch. Quanto vale 1 bit? Nel momento in cui scriviamo, senza alcun discount o offerta attiva, 1 bit vale 0,0154 euro o in generale circa 1 centesimo; il costo di ogni bit diminuisce quando ne acquistiamo in grandi quantità.

costo bits

Più si spendono bits per fare il tifo e mostrare emoticon in un determinato canale, e più potremo mostrare a tutti i membri della community e spettatori il nostro grado di supporter attraverso i Chat Badges: si tratta di stemmi colorati che identificano il nostro status, come mostrato qui in basso.

chat badges twitch

Twitch Prime, cos’è e come funziona

Twitch Prime è l’account premium di Twitch, un’esperienza più godibile e ricca di vantaggi disponibile per chi sottoscrive un account Amazon Prime e Prime Video, disponibile collegando il proprio account Twitch alle credenziali di accesso su Amazon. Per coloro che chiedono quanto costa Twitch Prime, la risposta è: zero, proprio perché è un vantaggio che Amazon offre ai propri utenti premium, Twitch Prime è completamente gratis.

Di seguito ecco alcuni dei vantaggi che gli utenti Twitch Prime hanno rispetto a quelli con piano gratuito:

  • Sub gratuita con Twitch Prime (abbonamento): ai membri Twitch Prime viene regalato un abbonamento a un canale di propria scelta, che non differisce da quello che si potrebbe acquistare pagando; pertanto si possono ottenere tutti i vantaggi di un abbonamento vero e proprio, senza dover sborsare un centesimo di tasca propria.
  • Accesso riservato a giochi gratuiti e oggetti in-game: spesso vengono proposti titoli gratuiti a cui giocare o vantaggi da attivare per giochi di successo grazie a Prime Loot, come ad esempio oggetti cosmetici ed armi per Warframe, World of Tanks, Rainbow Six, Dauntless e tanti altri.
  • Condivisione delle ricompense: alcune ricompense selezionate possono essere condivise con altri utenti della community dopo che sono state riscattate su Twitch Prime.
  • Emoticon esclusive: alcune emoticon utilizzabili nei canali sono appannaggio esclusivo di chi possiede un abbonamento a Twitch Prime.
  • Badge di riconoscimento: gli utenti che utilizzano il servizio Twitch Prime hanno uno stemma a forma di corona nelle chat di canale per distinguerli dagli utenti gratuiti, ma gli utenti possono anche scegliere di disattivare la visualizzazione di questo badge.
  • Streaming in archivio fino a 60 giorni: invece dei soliti 14 giorni, le trasmissioni possono essere archiviate per 60 giorni.

Collegare Amazon Prime a Twitch Prime

Come avere Twitch Prime se siamo già abbonati Amazon Prime? Come abbiamo detto, il servizio viene offerto gratuitamente a chi già possiede un abbonamento premium con il servizio di Amazon, che offre numerosi altri vantaggi. Il primo passo da fare è quello di creare un account Twitch, se non lo possediamo già; una volta terminata la creazione dell’account, procediamo in questo modo:

  • Dalla schermata principale di Twitch clicchiamo sulla corona in alto dove c’è scritto Ricompensa Prime
  • Nella nuova schermata clicchiamo sul pulsante Inizia la prova gratuita
  • Ci verrà chiesto di provare Amazon Prime per 30 giorni: se invece siamo già clienti Prime, clicchiamo in alto sul pulsante Accedi
  • Inseriamo le credenziali di accesso ad Amazon e clicchiamo sul pulsante Accedi
  • Verrà chiesto di collegare l’account Twitch al nostro account Amazon Prime
  • Clicchiamo sul pulsante Conferma per validare l’operazione

Collegare Amazon Prime a Twitch Prime è un’operazione semplice, ma gli utenti su smartphone e tablet potrebbero avere qualche problema, dato che non è possibile collegare i due account utilizzando l’app per dispositivi mobili. Pertanto, se proprio volete collegare i due account da un dispositivo mobile, vi consigliamo di utilizzare il browser del telefono o del tablet e seguire la procedura descritta qui in alto.

Come disattivare Twitch Prime

Avete usufruito della prova gratuita di un mese di Amazon Prime, vi siete goduti la sottoscrizione a Twitch Prime e i suoi vantaggi per 30 giorni, ma avete deciso che pagare un abbonamento al servizio non vale la pena? Bene, sappiate che disattivare Twitch Prime è molto semplice: basta non rinnovare l’abbonamento Amazon Prime.

Dato che i due servizi sono collegati, e che Twitch Prime viene offerto come vantaggio esclusivo per chi sottoscrive un abbonamento Amazon Prime, basterà non pagare il rinnovo per riportare il nostro account premium allo status precedente. Non ci sarà neanche bisogno di scollegare l’account Twitch da quello di Amazon.

Per modificare il rinnovo di Amazon Prime seguiamo questi passaggi:

  • Colleghiamoci al sito di Amazon
  • Effettuiamo l’accesso con le nostre credenziali: nome utente o numero di telefono e password
  • Dalla barra in alto selezioniamo il pulsante Account e liste
  • Clicchiamo sul pulsante Prime
  • Andiamo su Gestisci Iscrizione e poi selezioniamo Termina l’iscrizione
  • Nella pagina successiva selezioniamo Termina i miei benefici
  • Confermiamo la nostra decisione cliccando su Cancella iscrizione
  • Congratulazioni: avete disattivato con successo Twitch Prime e Amazon Prime

Continuerete ad usufruire dei benefici dell’account Prime fino a quando non scadrà il termine di pagamento, a seconda del piano sottoscritto: mensile o annuale.

Quanto costa e quanto si guadagna su Twitch

Twitch è una piattaforma in cui i veri protagonisti sono la passione per i videogames, l’arte, la programmazione e la musica, che spesso vedono i creator all’opera per puro spirito di condivisione, senza ricercare un vantaggio economico. Sono molti però i canali che riescono a guadagnare grazie a Twitch, soprattutto in ambito gaming, e i numeri lo confermano: oltre il 21% delle visioni totali su Twitch riguardano gli eSports, ovvero giocatori professionisti che si allenano e combattono in preparazione di o durante tornei internazionali.

Attorno a Twitch c’è un giro d’affari miliardario: nel 2019 le entrate sono state di 1.54 miliardi di dollari, di cui soltanto 300 milioni arrivano sotto forma di pubblicità, ovvero aziende interessate a sponsorizzare i propri prodotti e servizi sulla piattaforma. Così come su YouTube, anche le aziende ricercano infatti canali che possano “influenzare” le scelte e gli acquisti di spettatori e abbonati, e l’alto tasso di fiducia e fidelizzazione che i fan mostrano verso gli streamer di Twitch crea opportunità di guadagno non indifferenti.

La pubblicità però non è l’unico modo con cui i creatori di contenuti possono supportarsi finanziariamente, arrivando anche a guadagnare cifre considerevoli, che diventano stratosferiche se guardiamo ai canali più seguiti, con lo scettro detenuto da Tyler “Ninja” Blevins, lo streamer più visto ed amato su Twitch, con oltre 16 milioni di followers all’attivo prima dell’annuncio del suo passaggio alla piattaforma concorrente Microsoft Mixer.

Come funzionano i guadagni su Twitch

Ne parlavamo qualche riga più su: esistono diversi modi per guadagnare su Twitch per i creatori di contenuti. Qui elencheremo i metodi principali, ma le tipologie sono pressoché identiche a quelle presenti su altre piattaforme video, come ad esempio YouTube, con qualche differenza tangibile solo nel modello di monetizzazione degli abbonamenti e delle donazioni.

Visto che li abbiamo menzionati, parliamo degli abbonamenti: gli utenti Twitch Prime possono “regalare” una sub (sottoscrizione) al proprio canale preferito, una volta al mese, gratuitamente. I canali ricevono lo stesso importo di un utente che acquista una sottoscrizione da regalare sul sito di Twitch. Molti utenti Twitch Prime sono giovanissimi i quali hanno un account Twitch collegato a quello Amazon Prime dei propri genitori: in questo modo, anche coloro che non possono permettersi di supportare economicamente i propri streamer preferiti, possono contribuire nel loro piccolo a farli guadagnare su Twitch.

In media, circa il 50% del costo di un abbonamento viene devoluto al canale, con percentuali variabili che arrivano fino al 70% per gli Affiliati e Partner più gettonati e grandi sulla piattaforma. Questo significa, ad esempio, che regalando un abbonamento da $9,99 ad un canale, circa $5 arriveranno nelle tasche dello streamer. Questo permette, anche a chi ha un pubblico fatto di piccoli numeri ma molto fidelizzato dal punto di vista dei contenuti, di potersi sostenere economicamente attraverso gli abbonamenti.

Un altro metodo per guadagnare su Twitch è tramite la pubblicità: le aziende sono sempre interessate ad avere un pubblico appartenente ad una determinata nicchia da poter “influenzare” nell’acquisto o utilizzo di beni e servizi. Ecco perché le aziende pagano i canali per poter mostrare brevi ad pubblicitari, o organizzano partnership con gli streamer che consente, tramite programmi di affiliazione, di poter ricevere una percentuale sui guadagni provenienti dalla vendita di beni e servizi, che avviene tramite l’utilizzo di un codice sconto o link di acquisto personalizzato.

Il prezzo per questo tipo di servizi è molto variabile: ci sono aziende che pagano decine di migliaia di euro per poter visualizzare un ad della durata di 10 secondi su canali seguiti da centinaia di migliaia di persone, ma potrebbero offrire poche decine di euro per un canale seguito da 500 o 1000 spettatori. È difficile quantificare ed avere un’immagine chiara di quanto le aziende siano disposte a pagare, perché spesso le cifre vengono tenute segrete nella speranza di poter pagare quanto meno possibile chi non è avvezzo al sistema.

Anche le donazioni sono una possibilità concreta di guadagno su Twitch. La piattaforma possiede la sua personale forma di donazioni denominata Bits, ma non tutti i canali possono usufruirne: bisogna essere Affiliati o Partner Twitch. Coloro che non lo sono possono però chiedere donazioni direttamente ai propri fan e aggiungere un link PayPal o Patreon alla propria pagina personale, così gli utenti saranno liberi di inviare denaro nella misura che ritengono più opportuna.

L’ultimo metodo per guadagnare su Twitch di cui vogliamo parlare sono i Tornei: gli streamer che giocano ad un livello professionistico possono partecipare ad un torneo e vincere premi in danaro. Si tratta di una possibilità che soltanto una piccolissima percentuale riesce realmente ad attuare, ma vincere un torneo è una fonte di guadagno.

Non dimentichiamo però che i soldi ricevuti dagli streamer sono cifre lorde: molti streamer professionisti hanno una partita IVA e pagano regolarmente tasse e contributi, per cui le cifre vanno rivalutate al netto, ovvero il guadagno vero su Twitch, che è realisticamente circa il 50% o meno del totale lordo percepito.

Come diventare affiliato Twitch

Diventare partner di Twitch non è affatto difficile, soprattutto per chi inizia da zero e non sa da dove partire. Non vogliamo darvi dritte su come poter aumentare il numero di spettatori e abbonati su Twitch, ma soltanto indicarvi come poter diventare Affiliato Twitch e Partner Twitch, così da poter monetizzare grazie follower e abbonati al vostro canale.

Quando si inizia su Twitch non c’è alcuna possibilità di monetizzare, né con i bits né con le pubblicità: per farlo dovremo raggiungere un certo livello di autorevolezza sulla piattaforma. Ci sono dei veri e propri limiti da superare e obbiettivi da completare prima di poter raggiungere lo status di affiliato e, successivamente, quello di partner. Per diventare Affiliato bisogna:

  • Trasmettere per almeno 8 ore negli ultimi 30 giorni
  • Trasmettere in almeno 7 giorni diversi negli ultimi 30
  • Raggiungere 3 spettatori medi negli ultimi 30 giorni
  • Raggiungere e mantenere almeno 50 follower

affiliato twitch

Analizzando questi paletti, ci si rende subito conto che non è molto difficile diventare affiliati: una media di 3 spettatori durante una trasmissione non è molto, e si richiede una trasmissione in almeno 7 giorni differenti nell’arco temporale di un mese.

Diventare affiliato Twitch sblocca la possibilità di guadagnare dagli abbonamenti, dalle donazioni di bits e dalla pubblicità: potremo infatti inviare ad pubblicitari durante la trasmissione di una diretta, o selezionare anche mid-rolls (pubblicità di intermezzo) da mostrare quando vengono visualizzati i video archiviati.

Per diventare Partner invece dovremo:

  • Trasmettere per almeno 25 ore negli ultimi 30 giorni
  • Trasmettere in almeno 12 giorni diversi negli ultimi 30
  • Raggiungere 75 spettatori medi negli ultimi 30 giorni

partner twitch

I requisiti crescono ovviamente, e per alcuni raggiungere 75 spettatori di media risulterà molto difficile, specie quando la nicchia in cui ci si colloca è iper-competitiva. Non demordete e continuate a creare contenuti di qualità, studiando strategie per dare visibilità al vostro canale, e raggiungerete questo obbiettivo in breve tempo.

Ora, supponiamo di aver raggiunto questi obbiettivi: come fare per diventare affiliato o partner Twitch? Una volta raggiunti questi obbiettivi i canali idonei riceveranno un invito via email: cliccando su Inizia all’interno della mail potrete cominciare la fase di registrazione. Si tratta di rispondere ad alcune domande pertinenti la vostra persona e compilare un modulo contenente i dati per il pagamento:

  • Fornite le informazioni generiche di base per essere registrato nel programma.
  • Firmate l’Accordo per gli affiliati Twitch accettando i termini del programma.
  • Fornite ad Amazon i dati fiscali compilando i questionari fiscali sulle royalty e sui servizi (TIMS).
  • Indicare come inviare i pagamenti compilando il modulo Tipalti.

Le domande per la partnership vengono valutate dallo staff di Twitch e le risposte vengono normalmente inviate entro 7 giorni lavorativi.

Twitch, app e piattaforme supportate

Di seguito troverete tutti i link per download Twitch sulle piattaforme supportate:

15,605FansMi piace
1,925FollowerSegui
803FollowerSegui
25,700IscrittiIscriviti