La famigerata controversia riguardante il design difettoso delle impopolari tastiere con meccanismo a farfalla di Apple ha finalmente raggiunto un punto di svolta decisivo. Il peculiare meccanismo delle tastiere del colosso tra il 2015 e il 2019 si è reso protagonista della scena tecnologica a causa delle aspre critiche ricevute per via della fragile qualità costruttiva che provocava continui malfunzionamenti causati da eventi comuni nel ciclo di vita di una tastiera – soprattutto di un laptop – quali la presenza di granelli di polvere, sporco o semplice usura.

Situazione che ha poi portato alla fine del 2019 l’azienda di Cupertino ad abbandonare il meccanismo a farfalla per un ritorno alle origini con il classico meccanismo a forbice, meno peculiare ma sicuramente più affidabile. Ebbene, la controversia ha un verdetto definitivo: Apple è stata condannata a risarcire gli utenti colpiti da questo difetto. Ecco i dettagli.

Offerta

CMF by Nothing Buds

Auricolari wireless, 42 dB ANC, modalità Trasparenza, Tecnologia Ultra Bass 2.0

29€ invece di 39€
-26%

Apple condannata a pagare 50 milioni per le tastiere a farfalla difettose

La controversia subì un punto di svolta decisivo quando, nel novembre 2022, un tribunale concesse l’approvazione preliminare a un accordo di risarcimento di 50 milioni di dollari per risolvere la class action indetta contro Apple in merito proprio ai difetti di questo tipo di tastiera. La causa, certificata nel 2021 e avviata nel 2018, ha riguardato i proprietari dei modelli di MacBook, MacBook Air e MacBook Pro rilasciati nel 2015 e nel 2016.

Venerdì scorso, il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti, Edward Davila, ha respinto un tentativo di modifica dell’accordo e ha sottolineato che ben 86000 persone hanno presentato reclami relativi al difetto della tastiera, definendo il risarcimento “Equo, adeguato e ragionevole”. Sottolineiamo che l’accordo non implica una ammissione di colpa da parte di Apple, nonostante, come ampiamente documentato, fosse a conoscenza dei difetti della tastiera a farfalla e abbia cercato di rinviarne il più possibile la dismissione.

In concreto, l’accordo condanna Apple a pagare 395 dollari a coloro i quali hanno effettuato una sostituzione mentre 125 dollari per quelli che non si sono ancora avvalsi dell’assistenza tecnica dedicata.

Allo stato attuale, il risarcimento è ufficiale; monitoreremo la situazione in attesa di una risposta da parte di Apple e vi terremo aggiornati qualora dovessero emergere ulteriori informazioni.

Potrebbe interessarti anche: Apple accetterà le permute di tre nuovi Mac a partire dal WWDC