Checkra1n 0.9.7 aggiunge il supporto al jailbreak iOS 13.3

Ottime notizie per chi è desideroso di effettuare il jailbreak di iOS 13.3, grazie alla nuova versione di checkra1n 0.9.8 beta, che aggiunge il supporto all’ultimo aggiornamento software per iPhone e iPad.

Tutti i dispositivi da iPhone 5S a iPhone X, compresi molti iPad, sono vulnerabili a questo exploit bootrom, grazie ad una falla di sicurezza hardware che Apple non può in alcun modo arginare con un update software. Questo significa che, fintanto che ci sarà un team di sviluppo alle spalle, il jailbreak checkra1n riuscirà a supportare anche le versioni future di iOS 13 e iPadOS 13.

I dispositivi non supportati

Al momento i dispositivi che non sono ufficialmente supportati, e per cui c’è un limitato supporto sperimentale a rischio e pericolo degli utenti, sono:

  • iPhone 5s
  • iPad Mini 2
  • iPad Mini 3
  • iPad Air

Ricordiamo inoltre che il jailbreak checkra1n per iPhone e iPad sfrutta la vulnerabilità nota checkm8, di cui abbiamo già parlato negli scorsi mesi. Si tratta di una falla di sicurezza hardware, a cui Apple non può rimediare in alcun modo. Inoltre, i dispositivi supportati devono per forza avere almeno iOS 12.3 installato a bordo: per le versioni inferiori di iOS, sono a disposizione altri jailbreak.

Checkra1n 0.9.8 beta – Changelog

Ecco la lista completa dei cambiamenti presenti nella nuova versione 0.9.8 beta:

  • Il support per Linux è arrivato!
  • Introdotto webra1n un’interfaccia web per i dispositivi headless (ex: Raspberry Pi).
  • Le patch di basso livello sono ora gestite dal nostro nuovo pongoOS, ingegnerizzato da zero con la massima flessibilità in testa. Maggiori informazioni su questo arriveranno presto!
  • Aggiunte una nuova CLI, costruita su ncurses, che ora supporta FasfDFU.
  • Aggiunto un nuovo flag –version  a CLI per motivi di debug.
  • Aggiunta una nuova opzione nella GUI e in CLI che permette di settare boot-args custom.
  • Aggiunta un’opzione per saltare il controllo della versione per le nuove versioni di iOS e iPadOS che non sono ancora ufficialmente testate.
  • Aggiunto il supporto per iOS e iPadOS 13.3.1
  • L’app checkra1n non ha più bisogno di internet per essere utilizzata.

Uno dei problemi noti di checkra1n riguarda Apple TV 4K, che mostra un messaggio di errore -20, anche se viene effettuato con successo il jailbreak. La beta di checkra1n supporta solo Cydia come package manager, ed è disponibile solo per macOS e Linux. Il supporto aWindows verrà aggiunto a data da destinarsi.

Come effettuare il jailbreak su iOS 13

Requisiti per effettuare il jailbreak

  • Un iPhone o iPad con a bordo il chip A5-A11;
  • Una macchina con a bordo macOS o Linux. Il supporto per Windows arriverà in un secondo momento;
  • L’ultima versione di iTunes, ma nota bene: se utilizzate macOS Catalina non ne avete bisogno, dato che il nuovo Finder ha già le funzionalità necessarie integrate;
  • L’ultima versione dell’app jailbreak checkra1n, scaricabile dal sito ufficiale.

Ora che siamo pronti, possiamo cimentarci nell’operazione vera e propria.

Istruzioni per effettuare il jailbreak su iOS 13

  • Collega iPhone o iPad alla tua macchina Mac o Linux e lancia l’app jailbreak checkra1n.
  • Una volta connesso il device e riconosciuto da checkra1n, premi il pulsante Start.
  • Premi il pulsante Next nella schermata successiva.
  • L’app checkra1n indicherà le istruzioni per abilitare il dispositivo alla modalità DFU. È un passaggio fondamentale per passare alla fase successiva.
  • Quando il dispositivo sarà correttamente disposto in modalità DFU, checkra1n avvierà in automatico il processo di jailbreak.
  • Una volta terminato il processo, vi ritroverete nella Home screen con l’app checkra1n sullo schermo dell’iPhone o iPad.
  • Apriamo l’app checkra1n e troveremo la nuova schermata Loader. Selezioniamo Cydia e installiamolo sul dispositivo.
  • Dopo un rapido riavvio dovreste trovare Cydia tra le app esulla Home screen.
  • Congratulazioni: avete appena effettuato il jailbreak sul vostro dispositivo!