Huawei Watch GT 2e

Recensione Huawei Watch GT 2e – In Italia è arrivato il mese scorso, ma a causa dell’emergenza sanitaria legata al COVID-19 ho avuto la possibilità di provare a fondo questo Huawei Watch GT 2e solo nelle ultime settimane.

Scopriamo insieme come funziona, cosa mi è piaciuto e quali sono i (pochi) difetti di questo smartwatch che si pone come uno dei più interessanti punti di unione tra smartwatch e sportwatch, unendo il bello di entrambi i mondi.

Design & Ergonomia

Devo dire che il primo impatto con Huawei GT 2e non è stato dei migliori, proprio a causa della particolare colorazione del cinturino. La versione Mint Green mi sembrava decisamente brutta sia nelle foto che dal vivo. Tutto questo almeno finché non l’ho indossato, e le cose sono decisamente cambiate.

Si tratta di una colorazione che non spicca in maniera esagerata, come potrebbero fare un cinturino rosso o uno nero, e che si armonizza in maniera davvero piacevole con la cassa in metallo grigio satinato. belli anche i riflessi della cornice che circonda l’ampio display da 1,39 pollici.

Lo smartwatch è decisamente grande ma grazie ai due pulsanti laterali che sporgono davvero poco, l’aspetto è molto elegante, distante dall’ideo che si potrebbe avere di uno smartwatch sportivo. Il peso non si fa sentire e l’ho indossato per un paio di settimane sia di giorno che di notte, togliendolo solo durante la doccia.

Il cinturino è morbido e leggermente elastico e grazie ai tantissimi fori permette una buona traspirazione, senza creare quelle fastidiose irritazioni che invece sono tipiche di molti smartwatch più economici. Comodi i pulsanti con un buon feedback tattile, che si rivelano molto comodi durante l’attività sportiva, visto che consentono di passare da una visualizzazione all’altra senza toccare lo schermo.

Molto luminoso lo schermo, perfettamente leggibile anche sotto la luce del solo, soprattutto durante l’attività fisica. Va detto che mentre state registrando un allenamento non potete fare nient’altro, nemmeno avviare la riproduzione musicale, pena l’interruzione dell’operazione. È comunque possibile continuare a ricevere e visualizzare le notifiche dallo smartphone

Funzionalità

Per parlare delle funzionalità di Huawei Watch GT 2e dobbiamo separare le funzioni smart da quelle sport, visto che le prestazioni non sono perfettamente omogenee. Le funzioni smart sono quelle che forse mi hanno deluso maggiormente e mi riferisco in particolare alle notifiche.

La prima difficoltà è rappresentata dalla difficoltà di procurarsi gli HMS più aggiornati, visto che sul Play Store trovate la versione 3 e la versione più recente di Huawei Health, la companion app, richiede almeno la versione 4.0 Basta comunque rivolgersi ad APKMirror per risolvere il problema (a meno che non possediate uno smartphone Huawei)

Non ho avuto modo di provarlo con uno smartphone Huawei, ma con uno smartphone Xiaomi e con un iPhone X i problemi sono stati molto simili. Non tutte le notifiche che arrivano sullo smartphone vengono mostrate sullo smartwatch, a volte succede che per qualche ora la ricezione delle notifiche è praticamente nulla. Solitamente comunque è sufficiente un riavvio di entrambi i dispositivi per risolvere il problema.

Recensione Huawei Watch GT 2e, perfetto connubio tra smartwatch e sportwatch 4

Molto più interessante invece è la possibilità di ascoltare musica senza che sia necessario ricorrere a uno smartphone. è infatti sufficiente accoppiare un paio di cuffie Bluetooth per poter ascoltare la propria musica preferita. È necessario ricorrere allo smartphone per trasferire, via Bluetooth, la musica sullo smartwatch un’operazione che richiede del tempo ma che una volta completata vi darà soddisfazione, se vi piace allenarvi a tempo di musica.

Qualche problema però con la musica via Bluetooth, visto che succede spesso che la riproduzione cada “a salti” in maniera apparentemente casuale. Ho provato a cambiare tre diverse cuffie true wireless di alta qualità senza notare miglioramenti, se non avvicinando lo smartwatch al petto e riportandolo a circa 50 centimetri dalle cuffie.

Va detto che la cosa peggiora se insieme alla riproduzione musicale è attivata anche la segnalazione vocale degli obiettivi raggiunti. Nessun problema invece lasciando attivi solo questi ultimi. È possibile inoltre personalizzare l’aspetto dello smartwatch scegliendo tra le decine di quadranti a disposizione, molti dei quali però a pagamento. Da segnalare che ci sono ancora numerose parti dell’applicazione, troppe a mio avviso, ancora in cinese: la sezione “Scopri” è da tempo solo in lingua inglese con pochi termini tradotti, i consigli nelle varie pagine sono tutti in cinese così come le indicazioni relative ad altri dispositivi suggeriti.

Al di là di questo non ci sono molte altre funzioni, non è possibile installare nuove applicazioni e quelle presenti non offrono niente di particolare: cronometro, timer, previsioni meteo, sveglia e torcia. Dotazione standard ma nulla di più.

Decisamente più interessante la parte sportwatch, che grazie a un recente aggiornamento si è arricchita della misurazione del valore SpO2, non disponibile inizialmente. I dati possono essere visualizzati sullo schermo dello smartwatch o sul proprio smartphone, grazie alla sincronizzazione automatica tra i dispositivi.

Sono disponibili oltre 80 diverse modalità di allenamento personalizzato, è possibile impostare degli obiettivi da raggiungere, in termini di distanza o tempo di allenamento e sono supportate attività particolari, come skateboard e parkour. Durante l’allenamento è possibile visualizzare in tempo reale l’effetto dell’esercizio, impostare soglie di allarme per la frequenza cardiaca e al termine degli esercizi conoscere il tempo di recupero.

Se indossate le cuffie durante l’allenamento potrete ricevere, al momento solo in inglese, indicazioni sui risultati parziali e promemoria legati alla frequenza cardiaca, molto comodi se volete essere certi di seguire un determinato ritmo ma senza strafare.

Buona la precisione del cardiofrequenzimetro, anche se non è il massimo della reattività e non potrete utilizzarlo per rilevare variazioni repentine di frequenza. Più a suo agio con variazioni più limitate o con curve di variazione poco pronunciate.

Manca la possibilità di esportare i dati verso una qualsiasi applicazione, così come quella di sincronizzare i dati degli allenamenti con piattaforme di terze parti, come Strava. Niente da fare dunque per gli appassionati ma se non siete sportivi appassionati non ci farete particolarmente caso. Per chi si avvicina al mondo del running sono presenti una serie di esercizi guidati per evitare di strafare e raggiungere gradualmente uno stato di forma ideale.

Molto precisa la registrazione del sonno, con un grafico molto curato sull’andamento delle varie fasi, buona anche la misurazione continua del livello di stress. È possibile misurare il valore SpO2 anche al di fuori degli allenamenti, ma solo in maniera manuale.

Batteria & Autonomia

Huawei dichiara, per questo Watch GT 2e, circa due settimane di autonomia e direi che ci siamo. Utilizzandolo un paio di volte alla settimana per la registrazione di attività sportive di circa 60 minuti l’una, l’autonomia si attesta sui 12 giorni circa, un risultato decisamente soddisfacente.

Non ho mai notato consumi anomali né picchi in particolari momenti e un’ora di attività con GPS attivo porta a un consumo compreso fra il 3 e il 4%, in linea dunque con le specifiche del costruttore. la ricarica avviene tramite una basetta proprietaria e la ricarica richiede poco meno di due ore se la batteria è completamente scarica.

In conclusione

Questo Huawei Watch GT 2e è un prodotto a due facce, con due giudizi ben distinti. Se come smartwatch convince ma non fino in fondo, con qualche problema legato alle notifiche e alla scarsità di funzioni intelligenti (non è possibile rispondere ai messaggi, la visualizzazione delle notifiche è limitata e non è possibile installare altre applicazioni), la parte sportiva ci ha piacevolmente sorpreso, con una grande quantità di dati raccolti e a disposizione per essere analizzati. Peccato solo che manchi una qualsivoglia possibilità di esportarli verso servizi di terze parti, cosa che vanifica in parte lo sforzo.

Considerando il prezzo di vendita, attualmente 149 euro su Amazon, possiamo comunque considerare Huawei Watch GT 2e un ottimo prodotto, con qualche inevitabile limitazione ma comunque superiore alla maggior parte dei suoi simili, molti dei quali decisamente più costosi, soprattutto per quanto riguarda la registrazione della attività fisiche. Se siete sportivi “della domenica” e vi servono solo delle indicazioni e degli stimoli per migliorarvi, allora la soluzione di Huawei è ideale.