TV & Streaming

HDR10, HDR10+, HLG e Dolby Vision: cosa cambia fra i diversi HDR?

Samsung QLED 2018 HDR10+

Nonostante si pensa che la tecnologia HDR sia uno standard in quanto pubblicizzato a destra e manca in questo modo, è bene sapere che esistono diverse versioni di HDR, ognuna caratterizzata dai propri pregi e dai propri difetti. In particolare, esistono 4 diversi tipi di HDR: HDR10, HDR10+, HLG e Dolby Vision.

In questa semplice guida vi mostreremo quali sono le principali differenze fra i 4 e quale sarebbe da preferire in base al tipo di contenuto. Sottolineiamo che descriveremo i vari standard dal meno qualitativo al più qualitativo, così da fornirvi anche un’indicazione base.

HLG

Iniziando da quello di qualità inferiore, lo standard HLG (Hybrid Log-Gamma) è il preferito nelle trasmissioni televisive live (ad esempio su Sky Q per le partite di Serie A o per la Formula 1) in quanto non ha bisogno di utilizzare i metadati poiché è compatibile con entrambi i display SDR e i display HDR. Ciò significa che, con un solo segnale, è possibile veicolare sia il contenuto in SDR che in HDR. Un vantaggio non da poco in termini di peso e banda necessaria.

HDR10

Si tratta dello standard più utilizzato per via del suo essere open source: chiunque voglia creare contenuti compatibili HDR10 può farlo senza pagare alcuna royalty ovvero nessun costo di licenza. A differenza dello standard HLG, con HDR10 è necessario veicolare un flusso video specifico arricchito con dei metadati statici.

I metadati statici fanno in modo di adattare tutti i parametri della TV, fra cui luminosità, colore, contrasto e gamma, una singola volta per tutta la durata del video. Non si tratta della miglior soluzione in termini qualitativi ma è sicuramente un ottimo compromesso pensando anche alla banda necessaria.

HDR10+

Diretta evoluzione dello standard HDR10, consiste in una tecnologia dotata di metadati dinamici. In altre parole, informano il TV di modificare i vari parametri con ciascun fotogramma che compone le sequenze video.

Pur utilizzando ancora lo stesso pannello a 10 bit introdotto con lo standard HDR10 (circa 1 miliardo di colori), con lo standard HDR10+ si arriva fino a 4.000 nits il livello massimo di luminosità ottenibile con un bel balzo in avanti rispetto ai 1.000 nits di HDR10.

Chiaramente tutte le TV compatibili con HDR10+ lo sono anche con HDR10. A questo indirizzo sono pubblicati i nomi di tutte le aziende che hanno deciso di abbracciare lo standard aperto HDR10+.

20th Century Fox garantisce che i nuovi film di prossimo rilascio saranno compatibili HDR10+ mentre Amazon Prime Video sta già distribuendo in streaming alcuni titoli in questo formato. Netflix ha confermato che si aggiungerà a breve.

Dolby Vision

Ultra Blu-Ray 4K Dolby Vision HDR

Sviluppato da Dolby Labs e quindi non open source e soggetto al pagamento di royalties sul suo utilizzo, lo standard Dolby Vision è senza dubbio il più qualitativo di tutti. Esso abbina ai metadati dinamici l’utilizzo di un pannello a 12-bit (fino a 70 miliardi di colori), per una resa qualitativa senza paragoni.

Di contro, l’eccessiva complessità del processo di veicolazione del video e della decrittazione fanno si che il suo utilizzo sia preferibile solo attraverso dei supporti ottici (Ultra HD Blu-Ray) che non richiedono nessuna trasmissione a distanza (TV satellitare, Digitale Terrestre oppure ancora lo streaming).

Al momento solo Netflix fornisce il supporto a Dolby Vision. Fra l’altro, per utilizzare questa tecnologia è necessario passare per un processo di certificazione, pagare i costi di licenza e impiegare hardware specializzato.

Fonte: Ilsoftware

Comments

TuttoTech, il tuo nuovo punto di riferimento per la tecnologia

2018 © TuttoTech.net di Mikhael Costa - MK Media S.r.l. c.r. - P.Iva: 08123000963 Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.

To Top