giovedì, Luglio 29, 2021
Home Tags Lotteria degli Scontrini

Lotteria degli Scontrini: app, area, premi e come funziona

Lotteria degli scontrini: cos’è, come funziona e premi

La lotteria degli scontrini è uno strumento inserito nel Piano Cashless emanato dal governo che incentiva l’utilizzo dei pagamenti elettronici sul territorio nazionale. Proprio come negli anni ’80 furono varate misure atte ad incentivare l’utilizzo delle carte di credito, ora viene istituita una vera e propria lotteria che presumibilmente dovrebbe portare ad un aumento dei pagamenti cashless negli esercizi fisici. L’iniziativa sarebbe dovuta partire a gennaio 2021, rinviata di un anno rispetto alla prima data stabilita per legge: una ulteriore proroga si è resa necessaria per consentire ai commercianti di poter adeguare la strumentazione di cassa per l’accettazione del codice lotteria personale che ogni persona fisica maggiorenne può richiedere gratuitamente per partecipare.

Si tratta quindi di un incentivo per ridurre l’evasione fiscale, in due modi: da un lato diminuendo i pagamenti non tracciabili in denaro contante, a favore dei pagamenti elettronici; dall’altro disincentivando i negozianti dal non emettere lo scontrino o, come spesso accade, emetterlo con un importo ridotto. Un premio per essersi comportati nel modo che ci si aspetta da un cittadino responsabile: ecco come potremmo riassumere l’iniziativa in poche parole. I premi sono infatti non solo per i clienti che acquistano, ma anche per gli esercenti, i quali sono incentivati a rispettare la legislazione vigente in materia fiscale.

Indice:

Lotteria degli scontrini: il regolamento completo

Inserita con la Legge di Bilancio 2017 e con quattro anni di ritardo sulla tabella di marcia, la lotteria è finalmente partita ufficialmente il 1° febbraio 2021, tra critiche e scetticismo. Il regolamento lotteria degli scontrini poggia sulla legge 11 dicembre 2016 n. 232:

  • Articolo 1, comma 540: “A decorrere dal 1° gennaio 2021 i contribuenti, persone fisiche maggiorenni residenti nel territorio dello Stato, che effettuano, esclusivamente attraverso strumenti che consentano il pagamento elettronico, acquisti di beni o servizi, fuori dall’esercizio di attività di impresa, arte o professione, presso esercenti che trasmettono telematicamente i corrispettivi, ai sensi dell’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, possono partecipare all’estrazione a sorte di premi attribuiti nel quadro di una lotteria nazionale. Per partecipare all’estrazione è necessario che i contribuenti, al momento dell’acquisto, comunichino il proprio codice lotteria degli scontrini, individuato dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, d’intesa con l’Agenzia delle entrate, adottato ai sensi del comma 544, all’esercente e che quest’ultimo trasmetta all’Agenzia delle entrate i dati della singola cessione o prestazione, secondo le modalità di cui ai commi 3 e 4 dell’articolo 2 del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127. A decorrere dal 1° marzo 2021, nel caso in cui l’esercente al momento dell’acquisto rifiuti di acquisire il codice lotteria, il consumatore può segnalare tale circostanza nella sezione dedicata del portale Lotteria del sito internet dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. Tali segnalazioni sono utilizzate dall’Agenzia delle entrate e dal Corpo della guardia di finanza nell’ambito delle attività di analisi del rischio di evasione. I premi attribuiti non concorrono a formare il reddito del percipiente per l’intero ammontare corrisposto nel periodo d’imposta e non sono assoggettati ad alcun prelievo erariale.”
  • Articolo 1, comma 541: “La partecipazione all’estrazione a sorte di cui al comma 540 è consentita anche con riferimento a tutti gli acquisti di beni o servizi, effettuati fuori dell’esercizio di attività d’impresa, arte o professione, esclusivamente attraverso strumenti che consentano il pagamento elettronico documentati con fattura, a condizione che i dati di quest’ultima siano trasmessi telematicamente all’Agenzia delle entrate ai sensi dell’articolo 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, ovvero ai sensi dell’ articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127.”
  • Articolo 1, comma 542: “Con il provvedimento di cui al comma 544 sono istituiti premi per un ammontare complessivo annuo non superiore a 45 milioni di euro. Con lo stesso provvedimento sono, altresì, stabilite le modalità attuative del presente comma, prevedendo premi, nell’ambito del predetto ammontare complessivo, anche per gli esercenti che hanno certificato le operazioni di cessione di beni ovvero prestazione di servizi ai sensi dell’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127. Al fine di garantire le risorse finanziarie necessarie per l’attribuzione dei premi e le spese amministrative e di comunicazione connesse alla gestione della lotteria, il Fondo iscritto nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze ai sensi dell’ articolo 18 del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2018, n. 136, è incrementato di 50 milioni di euro a decorrere dall’anno 2020. I fondi per le spese amministrative e di comunicazione sono attribuiti alle amministrazioni che sostengono i relativi costi.”
  • Articolo 1, comma 544: “Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, d’intesa con l’Agenzia delle entrate, da adottarsi entro e non oltre il 1° febbraio 2021, sono disciplinate le modalità tecniche relative alle operazioni di estrazione, l’entità e il numero dei premi messi a disposizione, nonché ogni altra disposizione necessaria per l’avvio e per l’attuazione della lotteria. Il divieto di pubblicità per giochi e scommesse, previsto dall’articolo 9, comma 1, del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, non si applica alla lotteria di cui al comma 540.”

Nello specifico, il regolamento è espletato nei seguenti provvedimenti:

Con la Legge di Bilancio 2021 sono emerse numerose novità: eliminata la possibilità di partecipazione con pagamento in contanti, in coerenza con il piano Italia Cashless, mentre le spese sanitarie ora rientrano tra quelle idonee a partecipare alla lotteria, purché non venga comunicato, in fase di emissione dello scontrino, il proprio codice fiscale ai fini di eventuali deduzioni fiscali.

Come funziona la lotteria degli scontrini

In sintesi, la lotteria degli scontrini riguarda tutte le persone fisiche maggiorenni residenti sul territorio nazionale, le quali potranno partecipare a decorrere dal 1° febbraio 2021 a questa iniziativa socio-economica varata per promuovere i pagamenti cashless, ovvero senza l’utilizzo di contanti. Per poter partecipare alla lotteria è necessario creare un proprio codice personale, o bar code, sul sito ufficiale dell’iniziativa, disponibile al seguente indirizzo

Una volta ottenuto il codice, questo va mostrato all’esercente prima di finalizzare l’acquisto con la relativa emissione dello scontrino: per ogni euro speso si ha diritto ad un biglietto virtuale, fino ad un massimo di 1000 biglietti cumulabili per ogni singolo scontrino. Anche se il prodotto acquistato ha un valore superiore ai 1000 euro, non potranno mai essere erogati più di 1000 biglietti virtuali per singolo scontrino emesso.

È possibile partecipare soltanto utilizzando metodi di pagamento cashless, ovvero:

  • Carte di credito;
  • Carte di debito;
  • Bancomat;
  • Carte prepagate;
  • Carte e app connesse a circuiti di pagamento privativi e a spendibilità limitata.

Al momento i buoni pasto sono esclusi dalla lotteria, e non si sa se verranno implementati in futuro. Gli acquisti effettuati online, in farmacia con l’utilizzo del codice fiscale, di importo inferiore ad un euro o destinati all’esercizio di attività di impresa non permettono di partecipare alla lotteria. Altri beni acquistabili che non partecipano alla lotteria sono i biglietti del cinema, del teatro o del museo, per i quali non è prevista una certificazione fiscale memorizzata e trasmessa telematicamente, indispensabile per la produzione dei biglietti virtuali della lotteria; lo stesso discorso vale anche per benzinai e parcheggi.

Ogni estrazione è legata al numero di biglietti emessi per singolo scontrino, quindi se una persona risulta vincitore/vincitrice di un premio settimanale, mensile o annuale, non potrà partecipare ad ulteriori estrazioni con gli stessi biglietti dello scontrino risultato vincente. In caso di importi decimali, questi verranno arrotondati al numero successivo se l’importo è superiore ai 49 centesimi: ad esempio, nel caso in cui viene effettuato un acquisto per un totale di 1,59 euro, i biglietti virtuali della lotteria emessi saranno due a causa dell’arrotondamento. I premi in denaro saranno suddivisi in estrazioni settimanali, mensili e annuali con un super-premio da 5 milioni di euro: maggiori informazioni sono consultabili nel paragrafo successivo.

I premi della lotteria degli scontrini

Ci sono tre tipologie di premi: settimanale, mensile ed annuale. Lo scontrino vincente a cui è associato il biglietto virtuale estratto premia sia l’acquirente che il venditore, secondo la seguente tabella:

  • premi settimanali: 15 premi da 25.000 euro per chi compra; 15 premi da 5.000 euro per chi vende;
  • premi mensili: 10 premi da 100.000 euro per chi compra; 10 premi da 20.000 euro per chi vende;
  • premi annuali: 1 premio da 5.000.000 euro per chi compra; 1 premio da 1.000.000 euro per chi vende;

In caso di vincita si riceverà una notifica via PEC / AR dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli, ma si potrà anche controllare personalmente dopo ogni estrazione se si è possessori di un biglietto vincente. Se volete conoscere le modalità di estrazione dei vincitori potete cliccare qui e consultare il nostro approfondimento.

Con la lotteria degli scontrini i miei acquisti vengono tracciati?

La lotteria non è un sistema per tracciare gli acquisti effettuati: all’interno del sistema arrivano soltanto i dati relativi all’importo speso collegati al codice a barre utilizzato per finalizzare il pagamento, che viene generato dal proprio codice fiscale. In sostanza, la lotteria non può conoscere dati qualitativi come la tipologia di bene o servizio acquistato. In caso di vincita, i dati vengono controllati dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli per assicurarsi che il biglietto virtuale generato dall’acquisto sia lecito e soprattutto che non ci sia stato un reso del prodotto/servizio, il quale invalida la vincita.

Come partecipare alla Lotteria degli scontrini

Partecipare alla lotteria è molto semplice: ogni persona avrà a propria disposizione un codice generato a partire dal proprio codice fiscale, da mostrare all’esercente all’atto dell’acquisto di un bene o di un servizio per un importo maggiore o uguale ad 1 euro. Il codice alfanumerico si presenta come un normale codice a barre che tutti conosciamo: questo viene scansionato dall’atto dell’acquisto o inserito manualmente, permettendo di partecipare alla lotteria. È importante notare che bisogna esplicitamente indicare al commesso o al proprietario dell’esercizio la volontà di voler partecipare alla lotteria degli scontrini, prima di mostrare il codice e finalizzare l’acquisto.

 

lotteria degli scontrini codice smartphone

Per maggiori informazioni vi rimandiamo alla guida ad-hoc che abbiamo preparato sull’argomento: come partecipare alla lotteria degli scontrini.

Come scoprire se si ha vinto alla lotteria degli scontrini

L’Agenzia delle dogane e monopoli, in caso di vincita, invierà una raccomandata AR o una mail tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo del vincitore. Questa informazione è preziosa, in quanto si prevedono numerosi tentativi di truffa e phishing attraverso l’invio di email fraudolente proprio con a tema la nuova iniziativa delle lotteria: ricordate che l’Agenzia delle dogane e monopoli non vi chiederà mai informazioni personali per stabilire la vostra identità, semplicemente perché non ne ha bisogno. È importante inoltre sapere che è l’Agenzia delle dogane e monopoli a interfacciarsi con l’utente, e non l’Agenzia delle Entrate.

Chiunque può andare a controllare il biglietto estratto vincente al termine di ogni estrazione dall’area pubblica del Portale Lotteria degli Scontrini presente sul sito ufficiale: gli utenti registrati potranno accedere alla propria area riservata e scoprire se hanno vinto. In caso di vincita, un messaggio nell’area personale sarà visibile fino al ritiro del premio o in alternativa fino al termine dei 90 giorni utili previsti dalla legge per ritirare il premio. Per maggiori informazioni vi rimandiamo alla guida ad-hoc che abbiamo preparato sull’argomento.

Come sapere se un negozio ha aderito alla Lotteria degli Scontrini

Non soltanto i clienti che acquistano beni e servizi, ma anche gli esercenti possono trarre vantaggio dalla nuova lotteria degli scontrini: c’è tempo fino al 1 Aprile per adeguarsi ed essere in regola con la normativa, la quale prevede l’utilizzo dello scontrino elettronico. La proroga lotteria degli scontrini, che sarebbe dovuta entrare in vigore dal 1° Gennaio, si è resa necessaria per permettere ai negozi di attrezzarsi adeguatamente: per farlo serve un registratore di cassa moderno, il quale andrà aggiornato per poter leggere ed inviare in modo automatico i dati del codice lotteria, il quale va scansionato con il lettore di codici a barre in dotazione. Gli esercenti possono scaricare, stampare ed affiggere una delle tante locandine messe a disposizione sul sito ufficiale, così da segnalare l’adesione alla lotteria degli scontrini: di seguito trovate un fac-simile della locandina, così da avere un’idea. Esporre la locandina non è obbligatorio, per cui bisogna chiedere esplicitamente se il negozio ha già aderito ed è in regola per la partecipazione alla lotteria.

lotteria degli scontrini locandina

Al momento attuale sembra che soltanto il 50% dei negozi potrà offrire questo servizio, mentre alcuni esercizi sono completamente esclusi: per conoscere maggiori informazioni al riguardo potete consultare la nostra guida ad-hoc cliccando qui.

Lotteria degli scontrini: le principali FAQ

Posso partecipare alla lotteria se pago in contanti?

No, si può partecipare alla lotteria degli scontrini solo se il pagamento viene fatto con strumenti di pagamento elettronico (carte di credito, carte di debito, bancomat, carte prepagate, carte e app connesse a circuiti di pagamento ecc.).

Posso partecipare alla lotteria se effettuo il pagamento parte in contanti parte cashless?

No, come detto in precedenza, è possibile partecipare alla lotteria degli scontrini solo se il pagamento dellʼintero importo avviene con strumenti di pagamento elettronico.

Cosa accade se non ho la maggiore età?

Se non si è maggiorenni non si potrà avere il codice lotteria e partecipare di conseguenza alla lotteria degli scontrini.

Tutti i miei acquisti mi consentono di partecipare alla lotteria?

Non tutti gli acquisti permettono di partecipare alla lotteria. Non te lo consentono:

  • gli acquisti effettuati in contanti;
  • gli acquisti di importo inferiore a 1 €;
  • gli acquisti effettuati online;
  • gli acquisti destinati all’esercizio di attività di impresa, arte o professione;
  • nella fase di avvio della lotteria, gli acquisti documentati mediante fatture elettroniche;
  • sempre nella fase di avvio della lotteria, gli acquisti per i quali i dati dei corrispettivi sono trasmessi
    al STS (per esempio gli acquisti effettuati presso farmacie, parafarmacie, ottici, laboratori di analisi,
    ambulatori veterinari ecc.);
  • sempre nella fase di avvio della lotteria, gli acquisti per i quali l’acquirente richieda all’esercente
    l’acquisizione del proprio codice fiscale a fini di detrazione o deduzione fiscale.

Posso partecipare alla lotteria se utilizzo una gift card per i miei acquisti?

No, gli acquisti effettuati utilizzando una gift card non possono partecipare alla lotteria; se invece si acquista una gift card utilizzando strumenti di pagamento elettronico puoi parteciparvi.

Ci sono limiti di spesa minimi o massimi per partecipare alla lotteria?

Sì, si potrà partecipare alla lotteria con tutti gli scontrini di importo pari o superiore a € 1 rilasciati per acquisti cashless: spetterà un biglietto virtuale per ogni euro speso fino a un massimo di 1.000 biglietti virtuali per acquisti di importo pari o superiore a € 1.000.

Se partecipo alla lotteria i miei acquisti vengono tracciati?

La lotteria degli scontrini non consente il tracciamento dei tuoi acquisti. Al Sistema Lotteria arrivano solo dati riguardanti l’importo speso, la modalità di pagamento elettronico e il tuo codice lotteria. Questi dati sono raccolti e conservati nella banca dati del Sistema Lotteria dellʼAgenzia delle Dogane e possono essere utilizzati esclusivamente dallʼAgenzia delle Dogane nelle estrazioni e per risalire alla persona solo in caso di vincita (tramite lʼabbinamento codice lotteria – codice fiscale). Né lʼesercente né altri potranno invece risalire alla persona.

A chi vengono forniti i dati relativi ai miei acquisti?

Importi, modalità di pagamento e codice lotteria relativi ai tuoi acquisti sono trattati telematicamente e convogliati nella banca dati del Sistema Lotteria dell’Agenzia delle Dogane, per essere utilizzati esclusivamente nelle estrazioni e per risalire al vincitore (tramite l’abbinamento codice lotteria – codice fiscale).

Come vengono utilizzati i dati relativi ai miei acquisti?

Le informazioni riguardanti l’acquisto (importo, modalità di pagamento e codice lotteria) vengono utilizzati esclusivamente dal Sistema Lotteria dellʼAgenzia delle Dogane, per generare i biglietti virtuali che consentono di partecipare alle estrazioni e risalire al vincitore in caso di vincita.

Come viene tutelata la privacy dei miei acquisti?

Le informazioni raccolte nella banca dati del Sistema Lotteria sono trattate dallʼAgenzia delle Dogane (di seguito ADM) esclusivamente per le finalità della lotteria, in qualità di titolare autonomo, nel rigoroso rispetto delle regole di legge. ADM si avvale di Sogei spa come responsabile del trattamento ai sensi dellʼart. 28 del Regolamento (UE) 2016/679. Il trattamento dei tuoi dati – rilevati dai singoli esercenti e convogliati telematicamente alla banca dati del Sistema Lotteria – è incompatibile con qualsiasi trattamento effettuato per finalità diverse dalla partecipazione alla lotteria. Non a caso non è prevista, né al momento della generazione del codice lotteria né al momento dellʼacquisto, lʼidentificazione di chi chiede e di chi utilizza il codice lotteria. Al fine di minimizzare il trattamento dei tuoi dati, potrai ottenere il codice lotteria inserendo il tuo codice fiscale nellʼarea pubblica o nellʼarea riservata del Portale Lotteria. Anche lʼutilizzabilità del tuo codice fiscale per ottenere il codice lotteria è verificata da ADM attraverso un servizio informatico che lʼAgenzia delle Entrate rende disponibile al Sistema Lotteria.

15,605FansMi piace
1,925FollowerSegui
816FollowerSegui
34,700IscrittiIscriviti