Come funziona OnlyFans

È il social del momento. O meglio, è il social senza censure, uno spazio libero dove chiunque può condividere qualsiasi cosa abbia in mente, con l’opportunità di guadagnarci qualcosa. Stiamo parlando di OnlyFans, la piattaforma che ospita ad oggi oltre un milione di creator e più di 100 milioni di iscritti, numeri destinati a crescere ancora nel breve-medio termine.

Vuoi saperne di più? Clicca e vai all’argomento che ti interessa di più.

Cos’è OnlyFans

OnlyFans è un social senza censura, ognuno può postare il contenuto multimediale che desidera senza il rischio di essere bannato dalla piattaforma, a differenza di quanto avviene invece su Facebook e Instagram. I contenuti per adulti occupano oggi uno spazio predominante, ma sarebbe riduttivo – oltreché sbagliato – accostare OnlyFans a una piattaforma porno. Nell’ultimo periodo, l’enorme visibilità guadagnata dal social ha fatto sì che si iscrivessero anche personal trainer e food blogger, offrendo così una maggiore pluralità di voci in un contesto che rimane comunque ancora fortemente ancorato al settore adult.

Per essere ancora più sintetici, possiamo definire OnlyFans un Instagram libero e senza censura, con la possibilità di monetizzare grazie ad abbonamenti e contenuti singoli visibili soltanto dietro il pagamento di una determinata somma di denaro stabilita dal creator.

Il social è stato fondato nel 2016 da Tim Stokely, un imprenditore inglese originario di Harlow (distretto dell’Essex), figlio di un banchiere. Prima di aprire OnlyFans, Stokely era titolare di un sito webcam per adulti chiamato GlamGirls. Successivamente, l’imprenditore londinese ha fondato il sito Customs4U, dove gli utenti potevano ordinare ai creatori determinati video per adulti, diventando così loro stessi registi. Di fatto, quindi, Customs4U era una sorta di OnlyFans in beta.

Il lampo di genio di Stokely è stato trovare un modo che potesse consentire agli influencer di monetizzare personalmente i propri contenuti: da qui la nascita di OnlyFans nel 2016, che a distanza di cinque anni si è trasformato nel social del momento.

Come funziona OnlyFans

A grandi linee, OnlyFans funziona come Instagram: ti iscrivi, posti una tua foto o un video, e gli altri iniziano a seguirti, magari gli stessi utenti che ti seguono su Instagram o su altri social network, dove puoi pubblicizzare la tua attività su OnlyFans. Rispetto a Instagram però, non solo puoi decidere liberamente cosa pubblicare, ma puoi anche scegliere di attivare un abbonamento mensile o pubblicare contenuti “segreti”, che un follower può sbloccare pagando la somma di denaro che hai stabilito per quella foto o quel video specifico.

Sarebbe un errore comunque pensare, o peggio, descrivere, OnlyFans come una “piattaforma pay-per-view”. In realtà nasce come social libero, gratuito, tant’è che una delle creator che riesce a guadagnare di più – la cosplayer Lucy L3in – non ha alcun abbonamento attivo: il suo profilo è aperto a tutti, ma chi vuole vedere qualcosa di più spinto deve pagare una tantum per sbloccare quel singolo contenuto.

Detto questo, entriamo ora più nel dettaglio del funzionamento di OnlyFans. Ecco gli argomenti che andremo a trattare:

Come registrarsi su OnlyFans

Registrazione a OnlyFans

La registrazione su OnlyFans è libera, chiunque può iscriversi: basta andare sul sito www.onlyfans.com, cliccare sul link “Iscriviti a OnlyFans.com” in fondo alla pagina e inserire indirizzo email, password e nome, quindi pigia sul bottone “Registrati” per confermare.

Volendo puoi creare un profilo OnlyFans anche con il login tramite il profilo Twitter o l’account Google: per farlo pigia su “Accedi con Twitter” o “Accedi con Google” sotto la frase “Iscriviti per fare soldi e interagire con i tuoi fan!”.

L’iscrizione comporta l’accettazione dei termini di servizio e l’informativa sulla privacy, che puoi leggere a questo link (Terms of service) e a quest’altro (Privacy).

Nota: per registrarsi sulla piattaforma bisogna necessariamente aver compiuto almeno 18 anni.

Come vedere le foto su OnlyFans

Una volta completata la registrazione vieni reindirizzato alla home page di OnlyFans. Nella parte di sinistra c’è il feed dei post delle persone che segui o per cui paghi un abbonamento mensile. All’inizio ti viene mostrato il feed dell’account ufficiale OnlyFans, che mette in mostra i profili più rilevanti della piattaforma. Sulla destra, invece, trovi una serie di profili gratuiti che puoi iniziare a seguire senza dover pagare alcun tipo di abbonamento.

Per vedere le foto su OnlyFans devi aprire un profilo a scelta e cliccare sul tasto “Segui gratis“. Se il profilo che desideri guardare ha attivato un abbonamento, per accedere ai suoi contenuti devi prima sottoscrivere il piano mensile al prezzo indicato dal creator.

Importante: per seguire i profili gratuiti il sistema richiede comunque l’aggiunta di una carta di pagamento (ne parliamo tra poco). Questo perché il creator può sempre decidere di aggiungere dei contenuti a pagamento all’interno del suo spazio.

Nota: diversi profili a pagamento offrono ai loro fan dei pacchetti speciali, proponendo loro un piano di tre mesi a un prezzo inferiore rispetto al costo di un singolo mese.

Come vedere OnlyFans senza abbonamento

Come abbiamo già accennato prima, per vedere OnlyFans senza abbonamento è sufficiente seguire i creator che presentano la dicitura “Gratis” in alto a sinistra nel banner del loro profilo. Una volta che inizi a seguirli, avrai accesso ai loro contenuti gratuiti senza dover pagare alcuna somma di denaro in cambio.

Non esiste, invece, un modo per guardare i contenuti di un account che pubblica contenuti visibili solo dietro il pagamento di un abbonamento mensile: se vuoi vederli devi semplicemente accettare di pagare la somma di denaro richiesta dall’utente, né più né meno. Potrebbe benissimo accadere però che un creator sia iscritto su OnlyFans con due account: uno a pagamento, l’altro gratis, dove nel primo pubblica foto e video premium (diciamo così), nel secondo invece contenuti per tutti. Questa strategia è utilizzata tanto dai creator, che offrono contenuti per adulti, quanto da semplici food blogger, personal trainer o artisti in generale.

Come cercare persone su OnlyFans

OnlyFans, conosciamo meglio il social network senza censura 1

Diversamente da Instagram, la lente d’ingrandimento posizionata nella home page di OnlyFans non consente di cercare gli utenti digitando il loro profilo. Poniamo il caso che sei alla ricerca del profilo della già citata Lucy L3in, la cosplayer intervistata di recente dalla trasmissione Le Iene per capire meglio come funziona il social senza censure: se digiti Lucy L3in la ricerca ti mostra come risultato una pagina bianca con scritto “Non è stato trovato nulla“; questo succede perché il suo profilo non è mai stato menzionato nella descrizione di un post.

Il metodo più semplice e veloce per cercare persone su OnlyFans è aprire il motore di ricerca Google e digitare il nickname utilizzato su Instagram dai profili che desideri vedere, con accanto quello del social, per l’appunto OnlyFans. Prendendo sempre come esempio la nota cosplayer italiana, sappiamo che su Instagram il suo nome è lucyl3in: non ci resta dunque che avviare il motore di ricerca Google, digitare la parola chiave “lucyl3in onlyfans” e attendere il caricamento dei risultati della SERP; nel caso specifico, il profilo OnlyFans di Lucy L3in compare come terzo risultato della prima pagina.

Come si guadagna su OnlyFans

Dopo la crescita esponenziale del numero di iscritti, in qualità sia di creator che di fan, è la domanda che un po’ tutti si fanno. Tutto quello che bisogna fare per guadagnare su OnlyFans è aggiungere un conto bancario tramite le impostazioni del profilo, iniziare a creare i primi contenuti, quindi stabilire il prezzo che si intende far pagare ai follower per avere accesso a foto e video, sia sotto forma di abbonamento sia come pagamento una tantum.

Anzitutto, è indispensabile inserire il conto bancario dove ricevere il pagamento da parte della piattaforma. Per farlo clicca sull’icona del profilo posizionata in alto a destra nella home page, poi dal menu a tendina che si apre seleziona la voce “Aggiungi conto (per guadagnare)”. Nella nuova schermata ti viene richiesta la verifica dell’identità. Puoi scegliere come opzioni le app Microsoft o Google Authenticator, la verifica via SMS aggiungendo il numero di telefono cellulare, oltre alla verifica dell’indirizzo email con cui hai completato la registrazione in precedenza. Come viene riportato sul sito web del social, quest’ultima verifica è indispensabile per accedere all’area dove inserire i propri dati bancari.

Una volta verificato l’indirizzo di posta elettronica, prima di procedere con l’inserimento dei dati bancari il sistema richiede il caricamento di un’immagine profilo, una foto per l’intestazione e l’aggiunta di una breve biografia all’interno del campo Bio. Adesso puoi finalmente inserire i dati della tua banca, su tutti il codice IBAN del conto corrente, sul quale riceverai ogni 21 giorni il pagamento da parte di OnlyFans.

Quanto si guadagna su OnlyFans

OnlyFans, conosciamo meglio il social network senza censura 2La maggior parte dei creator iscritti su OnlyFans guadagna cifre basse, indicativamente dai 0 ai 1.000 dollari al mese, mentre solo il 10% riesce a ottenere un guadagno superiore ai 1.000 dollari. Man mano che si arriva in cima alla piramide i guadagni aumentano però in maniera sensibile, con utenti che portano a casa anche oltre 10.000 dollari al mese. Tra loro ci sono diverse creator italiane, tra cui Malena, celebre adult performer ed ex concorrente dell’Isola dei famosi. In una recente intervista rilasciata alle Iene, Malena ha confermato di guadagnare poco meno di 20 mila euro lavorando soltanto il sabato e la domenica. Oltre a lei segnaliamo poi Elena Berlato, Naomi De Crescenzo e Martina Vismara, che arrivano a guadagni anche superiori a quelli della “Malena Nazionale”.

Ciò comunque non significa che OnlyFans sia il nuovo El Dorado o il sito dove è possibile fare soldi facili, anzi. Anticipando la nostra riflessione finale, con il passare del tempo non solo aumenterà la concorrenza interna, ma anche quella esterna, con la nascita dunque di nuove piattaforme concorrenti: di conseguenza, i creator che oggi guadagnano cifre importanti faranno fatica a contenere l’arrivo di nuovi utenti, magari con molti più seguaci di loro sugli altri social (ci arriviamo tra poco), e soprattutto la comparsa di tanti piccoli OnlyFans sparsi per la rete, che porteranno a un’inevitabile frammentazione dei guadagni.

Che cosa succederebbe, poi, se una vera celebrità sbarcasse su OnlyFans? Volendo ci possiamo già fare un’idea con l’iscrizione della famosissima Bella Thorne, che in appena una settimana ha guadagnato qualcosa come due milioni di dollari. Il suo ingresso nella piattaforma non ha fatto altro che attirare le critiche di migliaia di creator, che non solo la accusavano di danneggiare loro dal punto di vista economico, ma anche di promettere ai fan contenuti “piccanti” senza poi mantenere la parola data (ricevendo però ugualmente denaro in cambio).

Come pagare su OnlyFans

Sei un fan e hai scelto di abbonarti al profilo di un utente che già seguivi da un po’? Per pagare devi aggiungere una carta di pagamento valida tramite le impostazioni del tuo account. I metodi di pagamento accettati su OnlyFans sono le carte di credito appartenenti ai circuiti Visa, MasterCard, Maestro, Diners Club, Discover e JCB.

Ecco la procedura da seguire per aggiungere una carta di credito:

  1. Clicca sull’icona dell’omino in alto a destra nella home page
  2. Scegli l’opzione “Le tue carte” (per iscriverti)
  3. Seleziona il bottone “Aggiungi carta” nella nuova schermata
  4. Inserisci i dettagli di fatturazione richiesti, tra cui Paese, Provincia, Via, Città, CAP, Email, Nome sulla carta, Numero carta e scadenza
  5. Aggiungi un segno di spunta accanto a “Seleziona qui per confermare che hai almeno 18 anni e hai raggiunto la maggiore età nel tuo luogo di residenza” e clicca su “Invia” per confermare l’aggiunta della carta

Nota: quando aggiungi una carta OnlyFans procede con l’addebito di una somma una tantum pari a 0,10 dollari. Inoltre, gli addebiti derivanti dall’utilizzo della piattaforma vengono visualizzati nella lista dei movimenti del conto bancario con il nome di OnlyFans.

Perché non esiste un’app Android o iOS

Se cerchi l’app ufficiale del social di Tim Stokely su Google Play Store o App Store non la troverai. Perché? OnlyFans non è presente né sugli smartphone Android né su iPhone come app perché i contenuti per adulti caricati dai creator violano i termini di utilizzo sia di Google che di Apple.

A questo proposito, è interessante anche una dichiarazione rilasciata dallo stesso Stokely, il quale ha affermato come sia difficile per lui immaginare in futuro un’app di OnlyFans su App Store, alla luce della commissione imposta da Apple, che ricordiamo essere pari al 30% sui guadagni generati dalle vendite e dalle transazioni all’interno dell’app.

Importante: con la sua crescente popolarità, sono aumentati in maniera esponenziale anche i file APK che promettono di guardare gratis i profili che richiedono la sottoscrizione di un abbonamento o tutti quei contenuti singoli caricati dagli utenti e “sbloccabili” solo mediante il pagamento di una determinata somma di denaro. Come abbiamo già avuto modo di ripetere qui sopra, non esiste alcuna possibilità di vedere gratis i contenuti che non lo sono, per i quali cioè un creator ha attivato un piano di abbonamento mensile. Dunque, ti suggeriamo di diffidare dagli APK di OnlyFans per Android, per il semplice fatto che non fanno ciò che promettono, senza stare qui a ricordare i rischi collegati a installare un’app esterna al Play Store di Google.

Nota: solo una nota a margine per concludere l’argomento. Se cerchi OnlyFans tramite il motore di ricerca Google, tra i risultati della SERP c’è tutto meno che il sito ufficiale del social. L’unico collegamento lo si trova nello spazio destinato agli annunci pubblicitari, ma non si tratta della home page del sito, bensì di un profilo che sta pagando una campagna di Google Ads (la piattaforma pubblicitaria di Google) per essere visibile con la stessa parola chiave che gli utenti del web usano per visualizzare la pagina iniziale di OnlyFans. Tra le altre cose, quasi sempre si tratta di un profilo a pagamento. Qual è il motivo per il quale il sito web onlyfans.com non viene mostrato nella prima pagina della SERP? Lo stesso per il quale non esiste al momento un’app per Android: tutta colpa della presenza dei contenuti per adulti presenti sul social.

Quale futuro per OnlyFans?

Bene, siamo arrivati finalmente alle conclusioni. Prima di salutarti però, ci piacerebbe fare una riflessione finale sul fenomeno OnlyFans. Vero, il social senza censura di alcun genere è oggi sulla bocca di tutti, ma lo era anche Clubhouse fino a un paio di mesi fa, prima di scomparire nel nulla (o quasi). Alla base del suo successo c’è la possibilità per i creator di monetizzare i propri contenuti direttamente, instaurando un rapporto molto più diretto con i propri follower: chi ci dice però che già da quest’anno non nascano piattaforme simili a quella fondata da Tim Stokely? D’altronde Twitter ha inferto un duro colpo a Clubhouse aprendo Spaces, che nel giro di un paio di settimane si è imposto come un’alternativa più che valida a un social che solo ora sta arrivando sugli smartphone Android (ma non in Italia).

E a proposito di app, fino a quando gli utenti continueranno a chiudere un occhio sull’assenza di un’app per dispositivi mobili, soprattutto se la concorrenza troverà un modo per averne una? Dalle risposte a queste domande dipenderà molto probabilmente il futuro di OnlyFans, così come quello degli stessi creator, almeno quelli che hanno trasformato il social del momento nella nuova gallina dalle uova d’oro.