Apple, acquisti universali: si paga una volta per app su Mac e iPhone

Apple ha aggiunto la possibilità per gli sviluppatori di attivare gli acquisti universali per le singole app grazie all’introduzione di Xcode 11.4 beta. Se l’opzione è abilitata, si può acquistare un’app su iOS e utilizzarla su Mac, e viceversa: non dovremo più pagare due volte per utilizzare le app sui differenti ecosistemi software.

Lo sviluppatore Steve Troughton-Smith fa notare, su Twitter, che gli acquisti universali non sarebbero dovuti arrivare ora, ma che avremmo visto con tutta probabilità tra un paio di anni. Fortunatamente ora sono qui, e faranno la felicità di coloro che amano utilizzare la stessa app su piattaforme differenti.

Fino ad ora infatti, gli sviluppatori erano costretti a rilasciare le proprie app a pagamento in modo separato sui differenti store: gli utenti finali erano effettivamente costretti a pagare due volte per assicurarsi il servizio sia su Mac che su iPad/iPhone. Da oggi non sarà più così.

Gli acquisti universali sono abilitati di default sulle nuove app Mac Catalyst create con Xcode 11.4, che quindi utilizzeranno lo stesso identificatore dell’app iOS. Come conseguenza, Apple sta cambiando le categorie in cui sono elencate le app sull’App Store, sia per iOS che per Mac, per una questione di consistenza tra app che condividono lo stesso identificatore.

Ad esempio, per le app iOS ora sull’App Store ci sono le nuove categorie “Developer Tools” e “Graphics & Design“, mentre sull’App Store per Mac troviamo ora “Libri“, “Food & Drink“, “Shopping” e molto altro.

L’introduzione degli acquisti universali sarà sicuramente un incentivo per gli sviluppatore a creare più app Catalyst, un progetto introdotto con macOS Catalina 10.15 che tenta di rendere la vita degli sviluppatori più facile, consentendo il porting rapido delle app sviluppate per Mac su iPhone o iPad.