Siete curiosi di sapere quali sono i migliori robot lavapavimenti disponibili sul mercato? Siete arrivati nel posto giusto. In questa guida, aggiornata in maniera regolare, vi spiegheremo quali sono le tipologie di robot lavapavimenti che potete acquistare, quali sono le differenze, insieme ovviamente a una serie di prodotti che a nostro avviso sono i migliori disponibili sul mercato.

Aggiorneremo regolarmente la guida nel corso del tempo, introducendo le novità che saranno presentate sul mercato ed eliminando quei modelli che con il tempo andranno fuori produzione.

I robot lavapavimenti

Va detto che i robot lavapavimenti, quelli che cioè si “limitano” a lavare il pavimento, non sono molto diffusi, visto che i produttori preferiscono concentrarsi sui modelli ibridi, che svolgono anche funzioni di aspirazione. Ne parleremo però più approfonditamente nel prossimo paragrafo, dedicandoci invece ai quei modelli “puri” la cui unica funzione è quella di pensare al lavaggio del pavimento.

Sono decisamente poco diffusi e non utilizzano, salvo qualche rara eccezione, tecnologie di navigazione ce fanno ricorso al laser, la tecnologia attualmente più precisa per questo genere di operazioni. Leader pressoché indiscusso in questo mercato, al momento molto di nicchia, è iRobot che domina grazie alla serie Braava.

Si tratta di modelli che spruzzano acqua sul pavimento, con la possibilità di aggiungere un detergente apposito per migliorare la pulizia. Va detto che non è previsto l’utilizzo di acqua calda, quindi il livello di pulizia che permettono di raggiungere non può raggiungere quello di un normale mocio. Nella maggior parte dei casi inoltre si tratta di robot che utilizzano un panno in microfibra per passare sulla superficie bagnata e asportare lo sporco. In sostanza dunque puliscono la casa con lo stesso panno, portando quindi un po’ di sporco in giro.

I robot ibridi

Decisamente più diffusi i robot ibridi, alcuni dei quali trovate nella nostra guida ai migliori aspirapolvere robot. Inizialmente i produttori si sono limitati ad aggiungere un serbatoio per l’acqua con un panno in microfibra, mantenuto bagnato con un sistema intelligente, per migliorare la pulizia del pavimento. In tempi più recenti alcuni produttori hanno aggiunto una funzione di vibrazione del panno, che viene così sfregato sul pavimento per simulare la pulizia manuale.

Il principale svantaggio di questa soluzione è rappresentato dal fatto che il panno viene utilizzato per pulire tutta la casa, col rischio di portare lo sporco anche in altre stanze. Inoltre, salvo rare eccezioni, la presenza del panno impedisce di pulire i tappeti, che verrebbero bagnati col rischio di danneggiarli.

Dal 2022 sono però arrivati sul mercato nuove soluzioni ibride evolute, con due panni rotanti nella parte posteriore, così da simulare la classica pulizia col mocio e ottenere risultati decisamente migliori. I modelli base dispongono di un serbatoio che va riempito manualmente, e i panni vanno lavati dall’utente dopo ogni pulizia.

Sono però disponibili alcuni modelli particolarmente avanzati che dispongono di una base completa, dotata di un serbatoio per l’acqua pulita e uno per quella sporca, oltre al serbatoio per raccogliere la polvere aspirata. L’acqua pulita viene utilizzata sia per riempire il serbatoio (alcuni brand aggiungono anche il detergente) sia per lavare i panni a intervalli regolari, per garantire la massima igiene.

I panni vengono fatti ruotare su delle spazzole poste alla base per rimuovere lo sporco e strizzare l’acqua in eccesso. Quest’ultima viene aspirata a convogliata in un apposito contenitore da svuotare regolarmente, anche per prevenire la formazione di cattivi odori.

Meglio un robot ibrido o uno dedicato?

In realtà la domanda dovrebbe essere diversa, e ci si dovrebbe chiedere se un robot che lava i pavimenti è in grado di sostituire i metodi tradizionali. Secondo noi la risposta, almeno per il momento, è no soprattutto a causa delle tecnologie utilizzate. Nella maggior parte dei casi i robot dedicati si limitano a spruzzare acqua (in alcuni casi è possibile aggiungere un detergente specifico) e a passare con un panno umido, un po’ come se voleste pulire il pavimento di casa con uno straccio senza mai strizzarlo né risciacquarlo.

I modelli ibridi, soprattutto quelli più evoluti, sono ora in grado di garantire un lavaggio più accurato, con i moci rotanti che vengono premuti sul pavimento per rimuovere anche lo sporco più ostinato. In questo caso quindi la soluzione è più efficace, soprattutto se abbinata a una base di ricarica che si occupa di risciacquare regolarmente i panni e fare il pieno al serbatoio.

Resta per tutti la difficoltà di raggiungere gli angoli della casa e di infilarsi sotto ai mobili più bassi, di passare dietro alle porte o in alcuni punti troppo stretti. Nel complesso i robot ibridi sono la soluzione migliore, soprattutto se utilizzati quotidianamente, così da mantenere sempre pulita la casa. In questo caso sarà sufficiente passare il mocio una volta al mese, o di più a seconda delle esigenze), per tenere pulite anche le zone che non possono essere raggiunte dal robot. L’alternativa è quella di avere una casa con mobili sospesi e porte scorrevoli, così da non creare alcun problema al robot delle pulizie.

Migliori robot lavapavimenti base

Dreame D10s con panno

Migliori robot lavapavimenti di Aprile 2024: ecco i nostri consigli 1Si muove agevolmente in casa grazie a un sistema laser e usa un tradizionale panno in microfibra che viene trascinato sul pavimento. Un sistema elettrico gestisce il flusso dell'acqua per rispondere alle esigenze di ciascun tipo di superficie. Può creare mappe multipiano per pulire la casa da cima a fondo e si controlla agevolmente attraverso la companion app.

Dreame D10s Plus

Coccarda Migliori robot lavapavimenti di Aprile 2024: ecco i nostri consigli 2È tra i più evoluti del brand, con un sistema di navigazione in grado di rilevare ostacoli imprevisti, base di ricarica con funzione di autosvuotamento e telecamera frontale per sorvegliare la casa. Per il lavaggio del pavimento utilizza un panno in microfibra e un serbatoio da 235 ml che non lascia troppa acqua sul pavimenti.

Migliori robot lavapavimenti a sfregamento

roborock S7 Max Ultra

Migliori robot lavapavimenti di Aprile 2024: ecco i nostri consigli 3È il migliore tra i modelli con panni vibranti. In questo caso, grazie a un sistema ultrasonico, si raggiungono le 3.000 vibrazioni al minuto per rimuovere anche lo sporco più ostinato. È dotato di una base di svuotamento evoluta che raccoglie la polvere, fa il pieno al serbatoio dell'acqua pulita e lava i panni al termine della pulizia, raccogliendo l'acqua sporca in un apposito contenitore. Il panno si alza per evitare i tappeti e per non trascinare umido e sporco per casa.

Migliori robot lavapavimenti con moci rotanti

Ecovacs DEEBOT X1 OMNI con mocio e autosvuotamento

Migliori robot lavapavimenti di Aprile 2024: ecco i nostri consigli 4Il modello di punta di ECOVACS è dotato di due moci che ruotano a 180 giri al minuto e vengono premuti sul pavimenti per rimuovere anche le macchie più ostinate. La tecnologia 3D AIVI permette di evitare gli ostacoli imprevisti. È possibile creare una mappa multipiano, una delle quali in 3D, per gestire abitazioni molto grandi.

ECOVACS DEEBOT X2 OMNI

Migliori robot lavapavimenti di Aprile 2024: ecco i nostri consigli 5Lanciato nell'autunno del 2023 è uno dei robot più potenti sul mercato, con i suoi 8.000 Pa di forza aspirante. La forma quadrata della parte frontale gli permette di raggiungere più facilmente gli angoli e pulire più a fondo. È dotato di doppio mocio rotante, che viene sollevato fino a 15 mm quando passa sui tappeti o quando il robot torna alla base. La navigazione utilizza un laser e un sistema a luce strutturata per evitare gli ostacoli. La base si occupa di rifornire il robot di acqua e di lavare i panni con acqua calda per una maggiore igiene. Qui trovate la nostra recensione

DreameBot L10s Ultra

Coccarda Migliori robot lavapavimenti di Aprile 2024: ecco i nostri consigli 6È il top della produzione DreameTech, con due panni che ruotano a 180 giri al minuto e vengono premuti sul pavimento. I moci possono essere sollevati per non bagnare i tappeti e il pavimento a fine pulizia e vengono lavati automaticamente nella base di ricarica. Quest'ultima si occupa anche di riempire il serbatoio di acqua pulita, aggiungendo il detergente e asciugando i moci al termine della pulizia.

DreameBot L20 Ultra

Migliori robot lavapavimenti di Aprile 2024: ecco i nostri consigli 7Annunciato durante IFA 2023 a Berlino, è uno degli aspirapolvere robot più evoluti di sempre. Oltre a una elevata potenza di aspirazione, che raggiunge i 7.000 Pa, dispone di navigazione LiDAR e a luce strutturata 3D, per evitare gli ostacoli imprevisti. Dispone di due moci rotanti che vengono montati automaticamente solo quando è richiesto il lavaggio di una stanza, e che vengono alzati passando sui tappeti o tornando alla base per evitare di trascinare sporco. La stazione di ricarica si occupa di fare il pieno di acqua pulita e detergente, lavare i moci e asciugarli per evitare la formazione di muffe e batteri. Qui trovate la nostra recensione

I migliori robot aspirapolvere in assoluto

Questi erano dunque i migliori robot lavapavimenti, sia dedicati che ibridi di questo mese e sarà aggiornata per introdurre i nuovi modelli e rimuovere quelli che nel frattempo saranno stati superati. Se siete interessati alla sola funzione di aspirazione, potete consultare anche la nostra guida ai migliori robot aspirapolvere.