smartphone ricondizionati

Gli italiani sono sempre più propensi a considerare l’acquisto di dispositivi elettronici ricondizionati, che siano smartphone, tablet, PC o quant’altro. A confermarlo sono i dati diffusi da Back Market, primo market place del settore, che fanno segnare un record di vendita per il mese di marzo 2020.

Boom dei dispositivi ricondizionati durante l’emergenza

Lo scorso mese di marzo Back Market ha fatto registrare un incremento di vendite del 41% rispetto al mese precedente, segno di come gli italiani guardino sempre di più al ricondizionato (e non solo Apple), anche durante questo periodo di emergenza sanitaria.

Raggiungere questo risultato nel periodo di forte difficoltà che l’Italia e moltissimi altri Paesi stanno attraversando ci riempie di orgoglio, in quanto testimonia il valore della nostra offerta e del nostro servizio per consentire a chiunque di far fronte in modo efficace a un’esigenza inedita e imprevedibile, sia per ragioni professionali che di gestione familiare” ha dichiarato Simone Marchiori, Marketing Manager di Back Market Italia.

Ecco alcune delle principali ragioni del successo crescente secondo l’azienda:

  • i prodotti ricondizionati possono essere utili per chi necessita di dispositivi efficienti per lo smart working o per la scuola a distanza e non vuole spendere troppo (il risparmio può essere tra il 30 e il 70% rispetto al nuovo);
  • il prodotto viene testato e, se necessario, riparato, in laboratori selezionati e certificati; i controlli vengono definiti come scrupolosi, con garanzia da 6 a 24 mesi in base al dispositivo;
  • sugli smartphone (e non solo) usati si annidano moltissimi germi, ma i ricondizionati vengono puliti in maniera profonda e igienizzati;
  • un ricondizionato potrebbe a volte essere pari al nuovo: possono capitare dispositivi solo di esposizione (in vetrina magari) o rifiutati all’arrivo senza che siano nemmeno stati accesi;
  • un prodotto ricondizionato è utile all’ambiente, con un impatto ecologico dell’80% inferiore rispetto al nuovo.

Avete mai acquistato uno smartphone o un dispositivo ricondizionato? Come vi siete trovati? Fateci sapere come sempre la vostra.

Potrebbe interessarti: guida allo smart working