Era nell’aria già da un po’, oltre che in una recente versione beta di Google Chrome per iOS, ma ora è disponibile ufficialmente l’opzione per spostare in basso la barra degli indirizzi del browser. Si tratta di un’esclusiva degli iPhone, un’opzione apparentemente piccola, ma che ha le potenzialità per cambiare radicalmente il modo in cui si utilizza Google Chrome.

Barra degli indirizzi di Chrome in alto o in basso? Ora si può scegliere, su iOS

È tutto a discrezione dell’utente, una modifica che deriva da un’opzione simile del browser di Apple, Safari, che con iOS 15 introdusse circa due anni fa la possibilità di spostare la barra degli indirizzi in basso per agevolare l’utilizzo a una sola mano, cambiamento accolto con qualche perplessità da vari utenti, per inciso. Ma c’era e c’è ancora la possibilità di scegliere, dal menu impostazioni di Safari fra “Barra pannelli” (l’opzione con la barra degli indirizzi in basso) e “Pannello singolo” (in alto), libertà condivisa con l’opzione in questione di Google Chrome, che su iOS, diventa così un po’ più a portata di dita.

Offerta

HONOR 200 8/256GB

Coupon: ATUTTOANDROID150 + Sconto permuta, click in pagina (anche se non hai uno smartphone usato)

399€ invece di 599€
-33%

In quest’ultimo caso, di serie, è impostata in alto, ma basta tenere premuta la barra degli indirizzi per far comparire una finestra dalla quale scegliere l’opzione dedicata “Sposta la barra degli indirizzi in fondo“; altrimenti, Google consente di fare lo stesso selezionando l’opzione “Barra degli indirizzi” dal menu delle impostazioni di Chrome.

Come si evince dagli screenshot qui sopra, questa nuova opzione di Google Chrome è già disponibile, o comunque in fase di rilascio, per iOS. Al momento non è chiaro se l’azienda di Mountain View decida di dare questa libertà anche agli utenti Android, ma c’è ragione di sperare, soprattutto alla luce del fatto che, con buone probabilità, potrebbe essere benaccetta e tornare utile a molti, sottoscritto compreso.

Leggi anche: Smartphone Android o iPhone? Come scegliere e come funziona il nuovo sistema di Google per la pubblicità mirata senza cookie