Qualche giorno fa, in occasione del dodicesimo Microsoft Ability Summit, il colosso di Redmond ha annunciato diverse novità riguardanti la tecnologia inclusiva, ovvero quella tecnologia sviluppata specificamente per persone con vari tipi di disabilità, come i nuovi accessori adattivi firmati Microsoft che arriveranno il prossimo autunno (almeno negli Stati Uniti).

Oltre alle novità hardware, l’azienda ha annunciato tutta una serie di funzionalità legate all’accessibilità che arriveranno presto su Windows 11.

Offerta

Samsung Galaxy Book3, 16/512 GB

15.6'' FHD, Intel Core i5-1335U 13th gen, 16GB RAM, 512GB SSD, Windows 11 Home, Graphite

529€ invece di 709€
-25%

Microsoft continua a focalizzarsi sulla tecnologia inclusiva

Lo scorso autunno, Microsoft ha lanciato il Surface Adaptive Kit, un kit versatile composto da etichette con dettagli in rilievo da applicare sui tasti e a fianco delle periferiche, dedicato alle persone con disabilità che facilita loro l’accesso e l’uso ai laptop e ai tablet dell’azienda.

Quest’anno, al dodicesimo Microsoft Ability Summit, il gigante americano ha proseguito su questa strada, espandendo i lavori nell’area dell’inclusività, rinnovando il proprio Inclusive Tech Lab e annunciando un nuovo kit di accessori adattivi, pensati per abbattere tutta una serie di barriere e donare nuove possibilità di interazione con i computer e sviluppati in stretta collaborazione con una community composta da persone affette da disabilità.

Il colosso di Redmond rinnova il proprio Inclusive Tech Lab

Il nuovo Inclusive Tech Lab di Microsoft si pone come successore di quello inaugurato dal team di Xbox nel 2017 e porta avanti lo scopo originale della struttura che era quello di apprendere e sviluppare tecnologie specifiche per persone con varie tipologie di disabilità, creando una vera e propria tecnologia accessibile.

Il tutto viene fatto in uno spazio più ampio, in cui l’azienda ha confluito tutta la conoscenza appresa negli ultimi anni per consentire ai propri ingegneri di espandere l’offerta attraverso l’introduzione di nuovi dispositivi.

Il nuovo “laboratorio” non deve essere visto come una sorta di spazio o vetrina sulle persone con disabilità ma come un vero e proprio incubatore di design inclusivo in cui Microsoft e le comunità di persone affette da disabilità possano ideare e valutare la progettazione e lo sviluppo di ogni prodotto.>>>

Microsoft ha presentato i nuovi Accessori Adattivi

Tutto ciò è culminato nei nuovi Adaptive Accessories di Microsoft, una serie di accessori, come mouse e tastiere (sistemi per l’input in generale), totalmente adattabili alle esigenze del singolo soggetto che potrà  trovare la propria configurazione ideale per aumentare la produttività e sfruttare qualsiasi PC Windows in maniera più efficace.

La peculiarità di questi accessori è che possono svolgere svariate funzioni, permettendo agli utenti di oltrepassare eventuali limiti nell’utilizzo di tastiere e mouse tradizionali: questa famiglia di prodotti è formata da tre componenti principali che promettono di essere altamente personalizzabili, grazie alla stampa 3D, per le esigenze del singolo utente.

Nel dettaglio, questi sono i nuovi accessori adattivi presentati dal colosso di Redmond:

  • Microsoft Adaptive Mouse
    Si tratta di un mouse modulare che può essere personalizzato a partire da un “core” al quale possono essere applicati una coda, altamente personalizzabile grazie alla stampa 3D, e un supporto per il pollice per utenti destrorsi o mancini.
  • Microsoft Adaptive Hub
    È il dispositivo che vuole sostituire la tastiera tradizionale. È un dispositivo composto da un hub che può essere accoppiato in maniera wireless con un massimo di quattro pulsanti personalizzabili (i Button di cui parleremo fra poco), che presenta tre profili d’uso distinti, per essere accoppiato con più dispositivi (sia in modalità wireless che tramite cavo USB Type-C).
  • Microsoft Adaptive Button
    I pulsanti adattivi sono costituiti da una basetta alla quale potrà essere applicato un copri-pulsante altamente personalizzabile in base alle esigenze dell’utente, che potrà scegliere tra un pad a croce, un joystick, un doppio pulsante o qualsiasi cosa voglia grazie alla stampa 3D.

Microsoft presenta nuovi accessori e funzioni per l’accessibilità in Windows 11 4

La sezione dedicata ai nuovi accessori adattivi è già disponibile sul Microsoft Store statunitense, alla pagina dedicata.

Offerta

Apple iPad Pro 11'' (2022)

Wi-Fi, 128GB - Grigio siderale (4ª generazione)

739€ invece di 959€
-23%

Nuove funzioni per l’accessibilità in arrivo su Windows 11

Proseguendo sulla filosofia intrapresa lo scorso anno, Microsoft continua a sviluppare Windows 11 per arricchirlo di nuove funzionalità utili per migliorare le opportunità educative e occupazionali per le persone con disabilità.

Windows 11 è la versione di Windows più accessibile mai sviluppata da Microsoft e, oltre ad alcune di quelle funzionalità introdotte con l’evento Windows Powers the Future of Hybrid Work dello scorso aprile, si prepara a ricevere ulteriori funzionalità pensate appositamente per l’accessibilità, illustrate all’interno di un post sul blog ufficiale.

  • Modalità Focus (sessioni produttive)
    Si tratta di una funzionalità già ampiamente discussa, pensata da Microsoft per migliorare il lavoro ibrido e prevenire problematiche come continue distrazioni e affaticamento mentale. Le sessioni produttive potrebbero tornare molto utili alle persone affette da ADHD (disturbo da deficit di attenzione/iperattività), per le quali il lavoro a distanza potrebbe risultare piuttosto impegnativo. La funzionalità è già presente nell’app Orologio e consente di avviare dei timer per migliorare la concentrazione, consigliando di prendersi una pausa ogni tanto.

Windows 11 modalità focus (sessioni produttive)

  • Sottotitoli in tempo reale
    Per migliorare l’esperienza d’uso delle persone non udenti o, in generale, con problemi d’udito, Windows 11 supporterà la sintesi vocale in molti più contesti grazie ai sottotitoli in tempo reale, che possono trascrivere automaticamente il contenuto parlato proveniente da qualsiasi audio proveniente da applicazioni o periferiche (anche attraverso gli stessi microfoni). Microsoft ha cercato di implementare al meglio questa funzionalità, scegliendo di piazzare il testo nella parte superiore dello schermo (ma può essere spostato un po’ a piacimento) e permettendo una discreto livello di personalizzazione (tipo di carattere, dimensioni, colore). Va sottolineato che si tratta di una funzionalità disponibile completamente in locale, senza la necessità di una connessione ad internet, e che quindi garantisce e rispetta la privacy degli utenti.

Windows 11 sottotitoli in tempo reale

  • Nuovo accesso vocale per controllare il PC
    Si tratta di una funzionalità pensata per coloro che riscontrano difficoltà nell’uso di tastiera e mouse o, in generale, per persone con mobilità ridotta. L’accesso vocale supporta scenari come apertura di app o passaggio tra le app, navigazione web, lettura e scrittura di messaggi di posta elettronica, consentendo in generale di sfruttare la voce in luogo delle periferiche di input classiche. Il nuovo accesso vocale è già disponibile agli iscritti al programma Windows Insider.

Windows 11 accesso vocale

  • Voci “naturali” per l’assistente vocale
    Seguendo quanto emerso dal feedback della community, Microsoft ha deciso di migliorare l’esperienza fornita dall’assistente vocale di Windows 11, sviluppando nuove voci “naturali” in luogo di quelle attuali, non proprio bellissime da ascoltare. Questa novità migliorerà indubbiamente l’esperienza degli utenti ipovedenti. Al momento, purtroppo, il supporto alle voci naturali è esclusivo della lingua inglese (Stati Uniti).

Windows 11 voci naturali per l'assistente vocale

Queste erano tutte le novità legate alla tecnologia inclusiva che Microsoft ha annunciato negli scorsi giorni in occasione del Microsoft Ability Summit. Se per le novità legate Windows 11 non vi sono tempistiche precise sul rilascio, per quanto concerne gli accessori adattivi l’arrivo è previsto durante l’autunno 2022, almeno negli Stati Uniti.

Potrebbe interessarti anche: Ottimizzazione Windows 11: i migliori modi per farlo