Home News La seconda generazione di Google Nest Hub diventa un più smart con...

La seconda generazione di Google Nest Hub diventa un più smart con una novità

0

Motion Sense è probabilmente la caratteristica più importante della seconda generazione di Google Nest Hub, ossia il più recente smart display del colosso di Mountain View con supporto di Google Assistant e pare che il team dell’azienda abbia in progetto di sfruttare al meglio questo sistema di interazione con il device.

Così come apprendiamo da 9to5Google, infatti, gli sviluppatori di Google hanno deciso di introdurre un’altra funzionalità che consentirà agli utenti di “sfogliare le foto” senza la necessità di toccare fisicamente lo smart display.

Ricordiamo che la tecnologia radar Soli, soprannominata dal colosso di Mountain View Motion Sense, è in grado di riconoscere due gesti rapidi eseguiti davanti a Google Nest Hub: un “tocco nell’aria” consente all’utente di avviare la riproduzione dei contenuti multimediali o di metterla in pausa mentre uno scorrimento verso sinistra o destra permette di ignorare i timer o posticipare le sveglie.

Google Nest Hub 2 migliora il sistema Motion Sense

Ebbene, nell’app Google Home è apparsa una terza opzione relativa alla gesture dello scorrimento verso destra e verso sinistra e, in base a quanto è possibile intuire dalla descrizione, dovrebbe permettere agli utenti di sfruttare questo sistema di interazione con il device per navigare tra le foto.

Allo stato attuale questa nuova funzionalità non è ancora disponibile su Google Nest Hub di seconda generazione con firmware Cast 1.56 e il sistema di interazione con la gesture di scorrimento continua a essere supportato solo per ignorare i timer o posticipare le sveglie. Presto, tuttavia, tale feature dovrebbe essere abilitata per tutti gli utenti.

Senza dubbio la decisione di Google di espandere le funzionalità supportate da Motion Sense sarà accolta positivamente dagli utenti e sono in tanti a sperare che tra le implementazioni future vi possa essere anche quella che sfrutterà sempre questo gesto di scorrimento per gestire la riproduzione dei brani musicali (ossia per saltare una canzone o per tornare ad essa).