Home News Amazon Echo 4° generazione testato da DxOMark: se la cava decisamente bene

Amazon Echo 4° generazione testato da DxOMark: se la cava decisamente bene

0
Echo 4a gen

A soli 13 mesi dalla precedente iterazione, Amazon ha lanciato il nuovo Echo di quarta generazione lo scorso ottobre. Con un nuovo design sferico, materiali riciclati e nuove feature precedentemente riservate al solo Echo Plus (che sostituisce), il nuovo dispositivo si appresta non solo a battagliare con gli altri smart speaker ma anche a portare una ventata d’aria fresca tra i device di Amazon.

Amazon Echo 4° generazione testato da DxOMark: se la cava decisamente bene 1

DxOMark ha analizzato la componente audio dell’Amazon Echo di 4a Generazione, apprezzandone le qualità soprattutto per quanto riguarda il “soundstage”, cioè la capacità dello speaker di creare la sensazione di ampiezza del suono. In generale comunque il punteggio complessivo di 109 lo pone tra il Google Nest Audio (112) e l’HomePod Mini di Apple (98).

Più di quel che sembra

Il nuovo smart speaker presenta due tweeter da 20 mm e un woofer da 70 mm, che coadiuvati dalla nuova forma sferica e dalla collaborazione di Dolby lo fanno ben figurare per quanto riguarda i bassi e l’ampiezza del suono, considerate anche le dimensioni ridotte del prodotto. I medi sono ben rappresentati; un buon impatto e una buona dinamicità rendono l’Echo uno speaker piuttosto buono, anche se DxOMark fa notare che in alcuni frangenti questi possono disturbare i bassi rendendoli poco definiti.

amazon echo 4a generazione

A basso volume, grazie proprio ai medi così presenti, il dinamismo viene conservato, anche se diventa percepibile del rumore di fondo; di contro, proprio ciò che lo rende così efficace nella riproduzione di un soundstage ampio, lo penalizza, in quanto, sempre a basso volume, si fatica a localizzare il posizionamento degli strumenti.

In conclusione si può dire che questo nuovo Amazon Echo può essere sicuramente molto valido per la fruizione di contenuti multimediali di qualsiasi genere, mentre per il solo ascolto musicale non è una soluzione ideale; ad esempio Google Nest Audio, pur avendo un suono “mono” è sicuramente più performante in ambito prettamente musicale.