Home News Amazon dice basta agli oggetti in plastica monouso, anche in Italia

Amazon dice basta agli oggetti in plastica monouso, anche in Italia

0
Amazon Prime pacchi

Il tema dell’inquinamento e dell’impatto ambientale delle attività umane rimane di viva attualità e, se tutti siamo chiamati ad assumere nel quotidiano maggiore consapevolezza e senso di responsabilità, un segnale importantissimo arriva da Amazon: il colosso dello shopping online ha deciso di dire basta agli oggetti in plastica monouso, mettendoli ufficialmente al bando nei Paesi Ue, Italia ovviamente compresa.

Negli ultimi tempi anche in ambito tech si è tornati a parlare di ambiente e il merito è in buona parte di Apple: la decisione della casa di Cupertino di rimuovere caricabatterie e cuffie dalle confezioni di vendita degli iPhone 12 e dei modelli precedenti ancora in commercio ha fatto discutere, ma ha anche portato attenzione su un tema molto delicato.

Apple ha giustificato la propria scelta con la volontà di ridurre l’impatto ambientale dei propri prodotti e questo, pur essendo vero soltanto in parte, ha portato anche altri giganti del settore tech a dire la propria sull’argomento. Basti pensare a Xiaomi, che dopo aver sbeffeggiato il prestigioso competitor, ha prontamente sottolineato l’intenzione di ridurre drasticamente la plastica degli imballaggi dei propri prodotti.

Amazon mette al bando gli oggetti in plastica monouso

Da qui arriviamo ad Amazon, il cui annuncio è ancora più importante: come riportato da ANSA, la compagnia di Jeff Bezos ha comunicato la prossima interruzione delle vendita di oggetti in plastica monouso e di quelli realizzati con plastica oxo-degradabile in Italia, negli altri Paesi Ue in cui opera – Regno Unito, Francia, Spagna, Germania, Olanda – e in Turchia.

Non si tratta di meri proclami, anzi c’è già una data di scadenza fissata: i suddetti oggetti verranno rimossi da Amazon il 21 dicembre 2020.

L’interruzione riguarderà non soltanto i prodotti che Amazon vende direttamente, ma anche quelli presenti sul marketplace. In particolare, la messa al bando coinvolgerà prodotti quali cotton fioc, posate, piatti, cannucce, bastoncini per palloncini, contenitori per alimenti e bevande in polistirolo espanso.

Questa, comunque, non è la prima misura ambientale assunta da Amazon: il gigante dello shopping online ha già fissato l’obiettivo di raggiungere la carbon neutrality entro il 2040, il 100% di energia rinnovabile entro il 2025 e di arrivare a emissioni zero sul 50% delle spedizioni entro il 2030.