LG ha condiviso, in occasione della tavola rotonda con cui è stata inaugurata IFA 2019, la visione dell’azienda per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale legata alla sua linea di prodotti smart LG ThinQ: secondo LG nel futuro Anywhere is Home.

Ogni giorno vengono annunciati decine di nuovi prodotti smart o che sfruttano l’intelligenza artificiale per migliorare la nostra vita: il Presidente e Chief Technology Officer di LG Electronics, I.P. Park, ha voluto rimarcare i progressi dell’azienda nello sviluppo di soluzioni per la smart home.

L’intelligenza artificiale dei prodotti LG si orienta sempre più verso un medoto di apprendimento intelligente: LG Neural Engine consentirà ad esempio, sui modelli di aspirapolvere robotizzati dell’azienda, di evitare di rimanere bloccati da ostacoli o negli angoli.

Ma l’IA può anche diversificare il modo in cui gli utenti interagiscono con i dispositivi, abilitando metodologie che vanno oltre il riconoscimento vocale a cui siamo ormai abituati da tempo grazie ad Amazon Alexa, Google Assistant, Cortana e Siri. Per questo l’azienda coreana ha sviluppato Vision Pack, un sensore visivo collegato al cloud, che connesso ad LG Styler permette di riconoscere i capi di abbigliamenti presenti nel nostro armadio e formulare così delle proposte tenendo conto anche di fattori esterni, come il nostro gusto personale o il meteo.

Sul palco anche LG ThinQ Fit, uno Smart Mirror dotato di telecamere 3D che misurano il corpo dell’utente, generando così un avatar virtuale realistico. Park ha anche sottolineato l’importanza di un approccio aperto alle collaborazioni: ecco perché LG lanciato la piattaforma LG ThinQ, dove partner e sviluppatori esterni potranno contribuire allo sviluppo di soluzioni AI.

Nelle parole di Park è racchiusa il leitmotiv della spinta innovativa di LG:”Non si tratta solo di migliorare ciò che stiamo facendo ora, ma di trasformare radicalmente il nostro modo di vivere e pensare”.