TV & Streaming

Altroconsumo consiglia a DAZN di estendere il mese gratuito

DAZN Diletta Leotta Serie A

Sappiamo bene che DAZN non è partito col piede giusto relativamente alla Serie A, con alcuni problemi legati alla diretta streaming nelle “partite di cartello” Lazio Napoli e Sassuolo Inter. A ciò è seguita una dura critica del Codacons sulla pubblicità ingannevole avuta da DAZN sulla qualità del proprio servizio (promessa del calcio “quando vuoi, dove vuoi” dati i problemi tecnici di fruizione che hanno reso DAZN non funzionante).

Adesso è il turno di Altroconsumo che condanna il servizio di streaming, sempre relativamente ai problemi avuti durante i primi big match di Serie A. La critica di Altroconsumo però si estende anche alla scelta in se del doppio abbonamento per poter seguire tutto il campionato: “il doppio abbonamento è un abuso, è mancanza di trasparenza e di rispetto dei diritti dei consumatori“.

Quanto costa DAZN per gli utenti Sky | Listino

Per Altroconsumo quindi il primo mese offerto in maniera gratuita da DAZN in realtà dovrebbe essere considerato di “Beta Test”, motivo per cui consiglia al servizio di offrire un ulteriore mese di prova a tutti gli utenti.

Siamo soddisfatti per l’apertura dei procedimenti e restiamo in attesa che l’iter faccia il suo corso. Da subito però i tifosi hanno il diritto di vedere le partite. In vista della terza giornata di campionato, riteniamo che Dazn debba risolvere le limitazioni tecniche della fruizione televisiva e mantenere la promessa del primo mese gratuito. Per le prime due giornate di campionato i consumatori hanno fatto da tester e non hanno potuto vedere le partite: Dazn deve quindi garantire un mese extra gratis per tutti gli abbonati”.

Se volete partecipare alla protesta, Altroconsumo ha messo a punto un form per far sapere che voi siete d’accordo.

Fonte: Altroconsumo

Comments

TuttoTech, il tuo nuovo punto di riferimento per la tecnologia

2018 © TuttoTech.net di Mikhael Costa - MK Media S.r.l. c.r. - P.Iva: 08123000963 Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari.

To Top