Immuni

Tramite le FAQ sul sito ufficiale, gli sviluppatori dell’app Immuni rispondono alle domande di compatibilità poste dagli italiani che hanno installato l’applicazione pensata per il tracciamento dei contatti in modo che possano ricevere notifiche di eventuali esposizioni al Coronavirus.

Leggendo le risposte alle FAQ sul sito, Immuni spiega che senza uno smartphone compatibile non si può scaricare e utilizzare l’app, inoltre, tra le risposte viene confermata anche la temporanea incompatibilità con gli smartphone Huawei e HONOR, ma non a causa di difetti dovuti all’applicazione, bensì all’interazione tra il sistema di notifiche di esposizione messo a disposizione da Google e il dispositivo.

L’app Immuni è incompatibile con Huawei e HONOR

Secondo quanto riportato nella specifica FAQ, Google è al corrente della problematica e sta lavorando per trovare al più presto una soluzione, tuttavia, in attesa che il problema venga risolto lo sviluppatore ha disabilitato il download dell’app Immuni dal Play Store per gli smartphone Huawei e HONOR.

In Italia il 75% degli smartphone eseguono Android, mentre il restante 25% esegue iOS e secondo i dati di Gfk, nel Bel Paese uno smartphone Android su tre sarebbe Huawei, pertanto il problema temporaneo riguarderebbe un numero piuttosto elevato di smartphone.

Gli smartphone Android attualmente non compatibili sono anche quelli con sistema operativo Android 5.0 o versioni precedenti che in Italia, secondo i dati di StatCounter relativi al mese di maggio 2020, sono meno del 10%, inoltre è necessario che lo smartphone supporti la tecnologia Bluetooth Low Energy.

In ambito iOS, attualmente non sono compatibili gli iPhone 6 del 2014 e i modelli precedenti che non eseguono almeno la versione 13.5 del sistema operativo di casa Apple, tuttavia, secondo StatCounter, a maggio il 77% di iPhone e iPad in Italia disponevano di iOS 13.

Leggi anche: Disponibile l’app IMMUNI: ecco come e dove scaricarla