Una delle caratteristiche principali di iPadOS 16 sono le finestre mobili, tuttavia questa funzionalità richiede il chip M1 secondo Apple, il che taglia fuori gli utenti dei precedenti modelli di iPad.

Dopo le comprensibili polemiche riguardanti la disponibilità di questa funzionalità “Stage Manager”, il team di 9to5Mac ha deciso di esaminare il codice di iPadOS 16 scoprendo qualcosa di interessante.

Offerta

HONOR 200 8/256GB

Coupon: ATUTTOANDROID150 + Sconto permuta, click in pagina (anche se non hai uno smartphone usato)

399€ invece di 599€
-33%

iPadOS 16 contiene una modalità per abilitare le finestre mobili sugli iPad meno recenti

Il codice di iPadOS 16 contiene riferimenti a un’impostazione interna che abilita Stage Manager per gli iPad non basati sul chip M1.

Questo rispecchia quanto precedentemente dichiarato da Craig Federighi di Apple, il quale ha affermato che la società ha condotto dei test con Stage Manager su più modelli di iPad prima di stabilire che la funzionalità richieda il chip M1.

Il fatto che esistano le prove dei test della funzionalità sugli iPad non M1 non significa che Stage Manager potrebbe diventare in futuro disponibile anche sui vecchi iPad, ma la presenza di questa opzione nascosta nella prima beta per sviluppatori di iPadOS 16 suggerisce che gli ingegneri di Apple potrebbero ancora eseguire dei test su altri modelli di iPad.

È logico che un nuovo prodotto hardware introduca nuove funzionalità, ma per quanto riguarda Stage Manager, gli utenti sembrano scettici sui requisiti segnalati da Apple e più di uno sospetta che si tratti di un modo per spingere gli utenti a sostituire prematuramente il proprio iPad.

Al momento non è chiaro se Apple riconsidererà i requisiti per Stage Manager in iPadOS 16. Guardando al passato, quando è stato annunciato macOS 12 Monterey l’anno scorso, Live Text era una funzionalità esclusiva per i Mac M1, ma dopo diversi reclami Apple ha reso disponibile la funzionalità anche per i Mac Intel.

Potrebbe interessarti: La 10° generazione di iPad sta arrivando, ecco le novità