Home News Caccia ai furbetti del Cashback, via alla cancellazione delle transazioni sospette

Caccia ai furbetti del Cashback, via alla cancellazione delle transazioni sospette

0

Dopo il periodo di prova nel mese di dicembre, a gennaio 2021 è partito ufficialmente il Cashback di Stato, con il Super Cashback che ha attirato l’attenzione di molti utenti, allettati dalla possibilità di portarsi a casa 1.500 euro. Tra le centinaia di migliaia di utenti che si sono comportati in maniera corretta, c’è stato chi ha provato a fare il furbo, utilizzando tecniche a dir poco discutibili per scalare la classifica e assicurarsi l’ambito premio.

Cancellate le transazioni illecite

Nel corso dei semi mesi di validità del Super Cashback, sono state numerose le segnalazioni relative a micro-transazioni ripetute a breve distanza di tempo, soprattutto presso i distributori di benzina, ma c’è stato anche chi ha diviso su più scontrini la spesa del supermercato. Il governo ha dunque deciso di intervenire, iniziando a cancellare dal computo totale le transazioni sospette, in particolare le micro transazioni effettuate a brevissima distanza l’una dall’altra.

In mezzo alle tante transazioni cancellate è comunque possibile che ci sia qualche transazione più che lecita, e gli utenti che dovessero riscontrare problemi hanno la possibilità di presentare un reclamo per fare in modo che la transazione cancellata venga conteggiata regolarmente.

E necessario collegarsi al sito di Consap, visitando questa pagina, effettuare la registrazione di un nuovo account e seguire la procedura guidata per la compilazione del reclamo per “mancata o inesatta contabilizzazione dei rimborsi“. I reclami possono essere presentati a partire da domani, 15 luglio, e fino al prossimo 29 agosto.

Sottolineiamo che questa è la sola procedura che può essere utilizzata per ottenere il riaccredito delle transazioni. Consap, in seguito all’autorizzazione del Ministero dell’Economia, fornirà un riscontro motivato entro 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo. Nel caso la domanda venga accolta si occuperà di ripristinare correttamente la transazione.

Se da una parte la procedura consentirà di fare chiarezza sulle situazioni controverse, il rovescio della medaglia è rappresentato dallo slittamento dei tempi di rimborso del Super Cashback, che dovranno essere emessi entro il 30 novembre 2021. Per i rimborsi del Cashback “normale” il limite fissato è quello del 31 agosto, data entro cui sarà accreditato il rimborso dal valore massimo di 150 euro.