Home News Bitcoin potrebbe chiudere aprile in rosso per la prima volta dal 2015

Bitcoin potrebbe chiudere aprile in rosso per la prima volta dal 2015

0

Con una contrazione del 7,40% quello di quest’anno è stato l’aprile peggiore di sempre per Bitcoin (BTC) che diventa il primo in rosso in 6 anni nonostante il recente massimo storico.

Il 2021 si è dimostrato essere un anno di contraddizioni per BTC. Nel primo trimestre la criptovaluta ha vissuto tre mesi consecutivi di rialzo, fatto che non accadeva dal 2013.

Bitcoin potrebbe chiudere aprile in rosso per la prima volta dal 2015 1

Al momento della stesura la coppia BTC/USD oscilla attorno ai 54.250 dollari, ma recentemente la criptovaluta ha toccato un picco di 56.200 a seguito della notizia secondo cui Facebook avrebbe investito in BTC, voci rivelatesi prive di fondamento.

ETH è ora inversamente correlato a BTC

Dopo sei mesi di incredibili rialzi i trader hanno tuttavia la sensazione che la crescita di Bitcoin stia iniziando a rallentare e molti prevedono che durante questo periodo, che dovrebbe durare fino all’autunno, le altcoin diventeranno protagoniste.

Questa settimana la criptovaluta Ether (ETH), la più grande altcoin per capitalizzazione di mercato, ha raggiunto nuovi massimi storici dimostrando una scarsa correlazione diretta con BTC.

Il trader Scott Melker afferma che le due cripto sono invece entrate in correlazione inversa visto che la coppia ETH/BTC è cresciuta in modo significativo quando il prezzo di BTC è diminuito.

Bitcoin potrebbe chiudere aprile in rosso per la prima volta dal 2015 2

Nel quarto trimestre Bitcoin dovrebbe tuttavia riprendersi e continuare il proprio percorso verso l’alto.

Recentemente Tesla ha liquidato una parte dei Bitcoin ricavando oltre 100 milioni di dollari, tuttavia Bankitalia e Consob lanciano l’allarme: con Bitcoin il rischio è alto.

Fonte