Home Wearable Le metriche di benessere arrivano su questi dispositivi Fitbit

Le metriche di benessere arrivano su questi dispositivi Fitbit

0
Fitbit Charge 4

Buone notizie per i possessori di Fitbit Versa 2, Inspire 2 e Charge 4, che possono utilizzare gratuitamente la dashboard “Metriche di benessere”, già disponibili dalla fine del 2020 sui più quotati Fitbit Sense e Versa 3.

Le metriche di benessere per tutti

Grazie alla nuova funzione, che viene estesa alla maggior parte degli utenti nel mondo, sarà possibile consultare l’andamento dei dati e dei trend settimanali, in maniera completamente gratuita.

La funzione sta per arrivare anche su Fitbit Premium che saranno in grado di individuare molto più rapidamente le oscillazioni di valori che finiscono al di fuori di un range abituale, questo per ogni metrica registrata.

Cosa sono le metriche di benessere

Per capire al meglio il proprio stato di salute, e per raggiungere il benessere fisico, Fitbit raccoglie ogni notte importanti informazioni, come il respiro, il battito cardiaco, la temperatura della pelle o il livello di ossigeno nel sangue. Tutti questi dati vengono raccolti e visualizzati all’interno dell’apposita dashboard.

Analizzando questi dati è possibile scoprire in anticipo l’arrivo di una influenza, o lo stato di stress da tenere sotto controllo con esercizi adeguati, il tutto con i dati anormali messi in evidenza.Le metriche di benessere arrivano su questi dispositivi Fitbit 1

Novità per Fitbit Charge 4

Per i possessori di Fitbit Charge 4 è ora disponibile un aggiornamento del firmware che permette di controllare il valore SpO2, che indica il livello di ossigeno nel sangue, direttamente dal polso. Potranno inoltre visualizzare tale valore, insieme a quello della temperatura cutanea, nella dashboard “Metriche di benessere”.

Se possedete uno degli smartwatch/smartband interessati non vi resta che controllare, tramite la companion app installata sul vostro smartphone, la presenza di eventuali aggiornamenti di sistema.

Potrebbe interessarti: Recensione Fitbit Charge 4