Home Cultura Tech Inizia la certificazione Wi-Fi 6E per la prima ondata di dispositivi

Inizia la certificazione Wi-Fi 6E per la prima ondata di dispositivi

0
Wi-Fi 6E

Wi-Fi Alliance, il gruppo di settore che sovrintende al Wi-Fi, sta iniziando a certificare la prima ondata di prodotti con supporto per Wi-Fi 6E. Secondo il gruppo di ricerca IDC, smartphone, PC e notebook con supporto per questa tecnologia dovrebbero iniziare a raggiungere il mercato nei primi mesi del 2021, mentre le smart TV e dispositivi VR che la supportano dovrebbero arrivare entro la metà di quest’anno.

Alcuni dei primi dispositivi Wi-Fi 6E saranno probabilmente annunciati nella prossima settimana durante il CES che inizierà l’11 gennaio. I produttori di router mostreranno in anteprima ciò che hanno in serbo per il 2021.

Dal momento che il recente SoC Snapdragon 888 include il supporto per Wi-Fi 6E, molti degli smartphone Android top di gamma che arriveranno quest’anno dovrebbero offrire  questa tecnologia.

La tecnologia Wi-Fi sta ottenendo il suo più importante aggiornamento degli ultimi 20 anni

Il più grande aggiornamento Wi-Fi degli ultimi decenni sta iniziando e consentirà connessioni molto più veloci e affidabili. I dispositivi Wi-Fi esistenti operano sulle bande 2,4 GHz e 5 GHz, mentre Wi-Fi 6E aggiunge la terza banda a 6 GHz, quadruplicando la quantità totale di onde radio utilizzate per il tipico Wi-Fi, inoltre le onde radio hanno meno probabilità di essere congestionate.

Tuttavia ci vorrà ancora del tempo prima che la maggior parte dei nuovi dispositivi venga spedita con supporto Wi-Fi 6E. IDC prevede che entro l’inizio del 2022 solo il 20% dei prodotti Wi-Fi 6 spediti supporterà anche Wi-Fi 6E.

Un elemento determinate per la diffusione di questa tecnologia sarà rappresentato dalle autorità di regolamentazione di tutto il mondo. Wi-Fi Alliance afferma che Regno Unito, UE, Corea del Sud, Cile e Emirati Arabi Uniti hanno dato il via libera per consentire l’utilizzo del Wi-Fi a 6 GHz, allo stesso modo degli organi regolatori in Brasile, Canada, Messico e Giappone.

Leggi anche: Migliori router e modem router di Dicembre 2020: ecco i nostri consigli