Home Telefonia News iOS 15 potrebbe fare fuori tre iPhone molto popolari

iOS 15 potrebbe fare fuori tre iPhone molto popolari

0
iPhone 6s

Senza dubbio c’è da riconoscere ad Apple il merito di tenere aggiornati all’ultima versione di iOS disponibile il maggior numero possibile di iPhone, inclusi anche modelli piuttosto “datati” ma per tutti arriva prima o poi il momento di essere messi da parte e nel 2021 potrebbe essere la volta di tre melafonini molto popolari: stiamo parlando di iPhone SE, iPhone 6s e iPhone 6s Plus.

Stando alle ultime indiscrezioni, infatti, il colosso di Cupertino avrebbe deciso di mettere fine al supporto di questi tre device e ciò dovrebbe avvenire il prossimo anno, in occasione del rilascio di iOS 15.

Tale report è stato diffuso da The Verifier, una fonte che negli ultimi tempi si è rivelata attendibile quando si è parlato di iOS e device via via messi da parte al rilascio di ogni nuova versione del sistema operativo mobile del colosso di Cupertino.

I device che supporteranno iOS 15

Volendo dare fiducia a tale anticipazione, iOS 15 dovrebbe essere pertanto supportato dai seguenti modelli:

  • iPhone 12 Pro Max
  • iPhone 12 Pro
  • iPhone 12 mini
  • iPhone 12
  • iPhone 11
  • iPhone 11 Pro
  • iPhone 11 Pro Max
  • iPhone XS
  • iPhone XS Max
  • iPhone XR
  • iPhone X
  • iPhone 8
  • iPhone 8 Plus
  • iPhone 7
  • iPhone 7 Plus
  • iPhone SE (seconda generazione)
  • iPod touch (settima generazione)

Ovviamente iOS 15 supporterà anche la gamma di iPhone che Apple ha in programma di lanciare il prossimo anno.

Tornando a parlare dei modelli che dovrebbero essere “tagliati”, iPhone 6s e iPhone 6s Plus sono stati lanciati nel settembre del 2015, seguiti da iPhone SE nel marzo del 2016 e si tratta di tre melafonini che sono stati molto popolari e che hanno potuto contare su oltre 4 anni di aggiornamenti software da parte di Apple.

Non c’è da stupirsi, pertanto, che l’azienda possa avere deciso di mandarli in pensione e c’è da notare, anzi, come Apple da questo punto di vista offra agli utenti un supporto ben più duraturo di quello che invece garantisce la maggior parte dei produttori Android.