Web&Social

Le canzoni più ascoltate su Spotify per San Valentino

Spotify

Attraverso l’analisi delle statistiche del 14 Febbraio, Spotify ha pubblicato quattro liste delle canzoni più dagli utenti durante San Valentino. Le classifiche non prendono in considerazione un relativo mercato ma sono globali.

Chiaramente San Valentino è un giorno particolare che non tutti passano allo stesso modo e le classifiche riflettono, per l’appunto, questo aspetto.

Top Global Love Songs

  1. Ed Sheeran – Perfect
  2. James Arthur – Say You Won’t Let Go
  3. Ed Sheeran – Photograph
  4. John Legend – All of Me
  5. Ed Sheeran – Thinking Out Loud
  6. Bazzi – Mine
  7. Christina Perri – A Thousand Years
  8. Sam Smith – Stay With Me
  9. Kendrick Lamar – LOVE. FEAT. ZACARI.
  10. G-Eazy – Him & I (with Halsey)

Top Global Sex Songs

  1. The Weeknd – Earned It (Fifty Shades Of Grey)
  2. Jeremih – Birthday Sex
  3. The Weeknd – Often
  4. Jeremih – All The Time
  5. Ginuwine – Pony
  6. SoMo – Ride
  7. Rihanna – Sex With Me
  8. Trey Songz – Slow Motion
  9. Ty Dolla $ign – Or Nah (feat. The Weeknd, Wiz Khalifa and DJ Mustard) – Remix
  10. The Weeknd – The Hills

Top Global Heartache Songs

  1. Sam Smith – Too Good At Goodbyes
  2. Adele – Someone Like You
  3. Passenger – Let Her Go
  4. A Great Big World – Say Something
  5. Gnash – i hate u, i love u (feat. olivia o’brien)
  6. Birdy – Skinny Love
  7. Post Malone – I Fall Apart
  8. Ed Sheeran – Happier
  9. Christina Perri – Jar of Hearts
  10. Sam Smith – Stay With Me

Top Global Anti-Valentine’s Songs

  1. TLC – No Scrubs
  2. Kelly Clarkson – Since U Been Gone
  3. Beyoncé – Single Ladies (Put a Ring on It)
  4. CeeLo Green – Fuck You
  5. Justin Timberlake – Cry Me a River
  6. Carrie Underwood – Before He Cheats
  7. Justin Bieber – Love Yourself
  8. Cherish – Unappreciated
  9. Kanye West – Heartless
  10. Destiny’s Child – Survivor

Come usare Spotify su HomePod attraverso AirPlay

Per via di un ecosistema molto chiuso, per chiedere a Siri su HomePod di riprodurre della musica, è necessario essere iscritti ad Apple Music. Per il momento infatti non è possibile utilizzare servizi di streaming di terze parti. Tuttavia, utilizzando il protocollo AirPlay è possibile trovare una soluzione e usare i vari Spotify, Google Play Music ecc.

Per usare HomePod con un servizio di streaming differente da Apple Music vi basta:

  • Aprire l’app su iPhone o iPad e scegliere la traccia da riprodurre;
  • Effettuare un tap su “Connetti a un dispositivo”  e selezionare “Più dispositivi”;
  • Selezionare l’icona dell’HomePod e godersi la musica.

In questo modo Spotify riprodurrà la musica sul vostro iPhone o iPad, il quale la reindirizzerà verso l’HomePod sfruttando la rete WiFi locale. Non una soluzione perfetta ma un “workaround” accettabile in attesa che Apple ampli la compatibilità dello smart speaker.

Tutto quello che c’è da sapere su Spotify:

Cos’è Spotify

Lanciato per la prima volta nel 2008, Spotify è un servizio di streaming musicale nato in Svezia che, nel giro di qualche anno, ha rivoluzionato il mondo della musica digitale. L’idea dello streaming musicale è quella di dare agli utenti la possibilità di accedere alla musica che preferiscono, quando preferiscono. Da questo punto di vista, Spotify raccoglie in pieno questo concetto.

Semplicemente con una connessione a internet e un dispositivo compatibile, Spotify mette a disposizione non solo un catalogo di musica ampio oltre 45 milioni di brani ma anche radio personalizzate, playlist collaborative e podcast.

Dispositivi compatibili con Spotify

Al fine di dominare il mercato dello streaming musicale, la dirigenza di Spotify ha deciso di investire pesantemente sulle applicazioni e sulla loro disponibilità nelle varie piattaforme hardware e software. Ciò significa che il servizio è disponibile su:

  • Smartphone tablet Android attraverso l’applicazione dedicata
  • iPhone, iPad e Pod Touch attraverso l’applicazione dedicata
  • Windows 10 attraverso un browser web o l’applicazione dedicata
  • macOS attraverso un browser web o l’applicazione dedicata
  • Linux attraverso un browser web o l’applicazione dedicata
  • Sistemi di infotainment compatibili con AppLink, Android Auto e CarPlay
  • Smart TV e Set-top-box con a bordo Android TV
  • Smart Speaker quali Amazon Alexa, Google Home e Sonos One

Spotify gratis? Spotify Free

Ciò che differenzia veramente Spotify da tutti gli altri servizi di streaming musicale è la possibilità di utilizzarlo, anche limitatamente, in maniera del tutto gratis. Non è infatti richiesto un abbonamento per l’utilizzo basilare del servizio.

Chiaramente però, a differenza degli utenti con un abbonamento mensile o annuale, coloro che utilizzano Spotify Free vanno incontro a una serie di limitazioni fra cui:

  • Impossibilità di scegliere il brano da ascoltare su smartphone ma riproduzione solo casuale (su desktop e tablet è comunque possibile)
  • Limite di 5 skip ogni ora (su desktop e tablet il limite è assente)
  • Presenza di annunci pubblicitari
  • Impossibilità di ascoltare la musica offline (utile in caso scarseggino i Giga)
  • Qualità audio limitata
  • Limite all’accesso della nuova musica pubblicata da alcune etichette discografiche

Nonostante queste limitazioni, la maggior parte delle persone che utilizza Spotify lo fa in maniera gratuita.

Spotify Premium

Se Spotify Free non fa per voi per le troppe limitazioni, potete rivolgere la vostra attenzione a Spotify Premium, il servizio in abbonamento che vi permette di godere appieno del servizio senza alcuna limitazione (negli annunci pubblicitari vi viene spesso ricordato).

Spotify Premium ha un costo di 9,99 euro al mese oppure 99 euro l’anno (si risparmiano due mensilità). Si può scegliere anche un piano famiglia che, al costo di 14,99 euro al mese, fornisce l’accesso al servizio Premium a 6 membri della famiglia (poco più di 2 euro a persona). Ognuno dei membri ha un account separato dagli altri, con le proprie playlist e i propri brani preferiti

Spotify mette a disposizione anche un piano particolare per gli studenti al prezzo di 4,99 euro al mese. Questo piano è disponibile solo per utenti iscritti presso università e istituti di studi superiori accreditati.

Indipendentemente dal piano di abbonamento scelto, Spotify mette a disposizione 30 giorni di ascolto Premium gratuito per i nuovi clienti. Inoltre, di tanto in tanto propone delle offerte allettanti ancora più vantaggiose (0,99 euro per 3 mesi oppure 9,99 euro per 3 mesi).

Qualità di ascolto

Coloro che utilizzano il servizio Free possono procedere all’ascolto di musica a 96 kbps 160 kbps, mentre coloro che hanno un abbonamento Premium possono ascoltare musica anche a 320 kpbs su desktop (alta qualità) e smartphone (qualità massima).

Si può configurare impostazioni diverse per l’ascolto online (Qualità dello streaming) oppure offline (Qualità del download). Precisiamo che più aumenta la qualità dello streaming, maggiore è l’impiego di dati. Allo stesso modo, più aumenta la qualità del download, maggiore sarà la memoria occupata.

Ad esempio, ogni minuto di ascolto a 320 kbps si consuma circa 2,40 MB di dati, il che equivale a circa 144 MB ogni ora. Per le altre qualità di ascolto, il consumo è il seguente:

  • 96 kbps = 43 MB
  • 128 kbps = 58 MB
  • 160 kbps = 72 MB
  • 256 kbps = 115 MB
  • 320 kbps = 144 MB

Circa un anno fa Spotify ha anche iniziato il test della qualità Hi-Fi con musica a 16bit / 44.1 KHz 1411 Kbps. Tuttavia, esso al momento non è disponibile in Italia.

Spotify Offline

Il vero punto forte dell’abbonamento a Spotify Premium però è la possibilità di scaricare la musica preferita e ascoltarla dovunque, anche in assenza di connessione di rete. Si tratta di un qualcosa di molto utile soprattutto se si ha accesso solo per poco tempo a una connessione ADSL o Fibra senza limiti di download.

Chiaramente il download della musica non vuol dire che si ha accesso al file MP3. Le tracce musicali sono crittografate e accessibili solamente attraverso l’applicazione di Spotify.

Il limite massimo di tracce che si possono scaricare per ascoltarle offline è 3.333 su un massimo di 3 dispositivi. Inoltre, per una questione legata ai diritti e al copyright, è necessario collegarsi a internet almeno una volta ogni 30 giorni pena l’impossibilità di ascoltare la musica scaricata.

Le Radio

Un altro dei cavalli di battaglia di Spotify sugli altri servizi di streaming è l’algoritmo di selezione del prossimo brano all’interno di una Radio.

Invece di ascoltare un intero album di un artista, è possible creare una Radio personalizzata partendo da un solo brano. In questo modo, Spotify proporrà sempre della musica che ha delle similitudini con quel brano, siano essi temporali (anni 70′, anni 80, anni 90′ ecc.) o di genere.

Grande attenzione inoltre viene riposta nelle playlist collaborative e nella comunità di amici. Per questa ragione, Spotify permette l’integrazione con l’account Facebook per rimanere sempre informati su quale musica i nostri amici stanno ascoltando.

Via  Fonte ( 12)

Comments

Spotify

Spotify

Comments
To Top