Apple SIM e-SIM

Di e-SIM ormai si parla da diversi anni ma quasi nessun prodotto l’ha mai utilizzata, così come quasi nessun operatore telefonico la supporta. Parlando di prodotti di massa, solo dagli iPad del 2014 con connettività LTE e dagli Apple Watch Series 3 se ne fa uso ma, a partire dai prossimi iPhone 2018, la cosa potrebbe cambiare.

Un nuovo report infatti indica che Apple ha l’intenzione di integrare una Apple SIM (una e-SIM col brand Apple) all’interno di almeno uno dei modelli di iPhone attesi alla presentazione a settembre (probabilmente iPhone Xs Plus) senza però rimuovere lo slot della classica SIM, così da offrire connettività Dual SIM.

Per chi non lo sapesse, il principale vantaggio di avere una e-SIM è la semplicità nella modifica del proprio piano tariffario, della propria offerta ricaricabile o in abbonamento ma soprattutto nel cambiare operatore. Al momento sono necessari dei giorni affinché una SIM venga attivata con la portabilità del numero mentre con la e-SIM si parlerebbe di minuti.

Dal punto di vista di Apple poi, l’utilizzo di una e-SIM (Apple SIM) insieme a un modem LTE in grado di supportare tutte le frequenze utilizzate nel mondo vorrebbe dire anche una produzione di massa più semplice e lineare, con minori modifiche fra le unità destinate a diversi mercati.

Al momento comunque non si tratta di una certezza ma di un’indiscrezione, motivo per cui vi consigliamo di prendere il tutto con le pinze e con il beneficio del dubbio.