logo Google

Google aggiunge degli insetti al suo crescente elenco di risultati di ricerca in realtà aumentata che già include dinosauri, gatti, orsi, tigri e altro, inoltre aggiorna anche la confezione di Nest Hub per portare coerenza sugli scaffali dei negozi.

Google aggiunge gli insetti nei risultati di ricerca AR

La nuova aggiunta comprende 23 tipologie di insetti tra cui scarabei, scarafaggi, coccinelle, lucciole, farfalle, falene, mantidi, cavallette, libellule, calabroni e cicale che saranno visibili in AR cercando il nome dell’insetto nella ricerca Google e selezionando l’opzione “Visualizza in 3D”.

Google aggiunge gli insetti AR nella ricerca e aggiorna la scatola di Nest Hub 1

Oltre a mettersi in posa per un selfie con un calabrone, gli utenti Android potranno ascoltare il rumore degli insetti, tuttavia è necessario un dispositivo che supporti la realtà aumentata, quindi Google Play Services per AR (ex ARCore), oppure di un dispositivo con iOS 11 o versioni successive.

Google aggiorna la confezione di Nest Hub

Dopo l’unificazione dei marchi Google e Nest, la società ha aggiornato rapidamente i nomi dei prodotti e il suo sito Web e successivamente anche i relativi imballaggi.

Nest Hub è stato il primo prodotto a essere aggiornato, mentre altri dispositivi per la smart home hanno ricevuto un packaging completamente nuovo nel corso del 2019, con delle scatole completamente bianche e il logo di Google in sostituzione del logo Nest.

Ora anche Nest Hub ottiene il nuovo design della scatola che mostra lo Smart Display da 7 pollici inclinato e impostato come una cornice per foto, mentre sotto la “G” stilizzata di Google c’è solo il nome del prodotto.

Google aggiunge gli insetti AR nella ricerca e aggiorna la scatola di Nest Hub 2

Google aggiunge gli insetti AR nella ricerca e aggiorna la scatola di Nest Hub 3

Google ha introdotto la nuova confezione 12 mesi fa, ma il nuovo design è apparso solo di recente per la maggior parte dei negozi. Google Home Mini è già stato sostituito, mentre Google Home Max sarà probabilmente rimpiazzato gradualmente con il lancio del nuovo speaker Nest.

Google Home oggi è riservato all’app Android e iOS associata alla configurazione e al controllo dei dispositivi per la casa intelligente.

Da non perdere: Migliori videocitofoni WiFi di Luglio 2020: ecco i nostri consigli