Nella giornata odierna Google ha iniziato il rilascio su larga scala della nuova versione del sistema operativo ChromeOS, cuore pulsante dei Chromebook. La versione 106 arriva con un po’ di ritardo rispetto a quella che doveva essere la tabella di marcia, scopriamo perché.

ChromeOS 106 non porta novità visibili, correzioni di bug e aggiornamenti di sicurezza

Ebbene sì, aggiornando il vostro Chromebook alla nuova versione del sistema operativo non noterete alcun cambiamento rilevante, nulla che salti immediatamente all’occhio almeno e, come spesso accade, Google non ci viene incontro con l’apposita scheda dedicata alle novità, che riporta le aggiunte al sistema di qualche versione fa.

Offerta

Samsung Galaxy Book3, 16/512 GB

15.6'' FHD, Intel Core i5-1335U 13th gen, 16GB RAM, 512GB SSD, Windows 11 Home, Graphite

529€ invece di 709€
-25%

ChromeOS 106

Stando però a quanto riportato in una discussione su Reddit, sembra che alcuni utenti abbiano ricevuto l’aggiornamento in questione diversi giorni fa, salvo poi veder tornare il proprio sistema alla precedente versione 105. Attualmente non è chiaro se Big G abbia rilasciato l’aggiornamento a ChromeOS 106 per errore o se, più probabilmente considerando le tempistiche previste, ci sia stato qualche problema in fase di rilascio che ha costretto l’azienda ad effettuare un downgrade forzato sui Chromebook di coloro che avevano già ricevuto l’update.

Ad ogni modo, come ben sappiamo, nel mondo tecnologico non si rilasciano aggiornamenti a vanvera ed è dunque ovvio che le novità introdotte da ChromeOS 106 siano di quelle non visibili direttamente dagli utenti, le classiche correzioni di bug (evidentemente in questo caso qualcuno in più) e aggiornamenti inerenti alla sicurezza del sistema.

ChromeOS riceverà presto una funzione scontata, ma mai apparsa finora sui Chromebook

Alcuni di voi magari non ci avranno mai nemmeno fatto caso, soprattutto se non possedete un Chromebook, ma sappiate che sui notebook mossi da ChromeOS non è presente un tasto per il riavvio del sistema.

Sembra strano, anche ridicolo se vogliamo, ma l’unica opzione presente è quella per arrestare il sistema. In realtà in determinate circostanze compare, quasi per magia, un tasto dedicato al riavvio del sistema. Ogni qual volta viene scaricato un aggiornamento infatti, compare accanto alla versione del software un tasto “Riavvia ora”, che sostituisce temporaneamente quello con la dicitura “Verifica disponibilità di aggiornamenti”.

Come potete notare dal tweet qui sopra, sembra che in futuro anche ChromeOS riceverà un apposito tasto dedicato al riavvio del sistema, che andrà a modificare leggermente il layout dell’attuale menù dei quick settings. Non ci sono indicazioni circa una tempistica di rilascio al momento, così come non è chiaro se la funzione sia attiva di default nella versione dev, o se debba essere attivata attraverso un apposito flag.

Ad ogni modo, nonostante non si tratti di nulla di eclatante, sarà un’aggiunta molto gradita a tutti gli utenti che, in  varie occasioni, si sono accorti di essere costretti a spegnere il proprio Chromebook, aspettare, e poi riaccenderlo, anziché riavviarlo come è possibile fare su tutti gli altri sistemi operativi desktop.

Potrebbe interessarti anche: Stadia? Google guarda avanti e presenta i nuovi Chromebook da gaming