Home News Monster Mash permette di avvicinarsi al mondo dell'animazione 3D

Monster Mash permette di avvicinarsi al mondo dell’animazione 3D

0
Monster Mash

Monster Mash è un progetto open source basato sul Web che consente a chiunque di sperimentare con l’animazione 3D.

Con questo nuovo strumento Google vuole offrire anche ai principianti la possibilità di iniziare a fare pratica nel campo dell’animazione 3D in modo semplice e intuitivo.

Monster Mash è il nuovo strumento di Google per iniziare con l’animazione 3D

Altri tipi di strumenti rivolti all’arte e all’espressione creativa di solito mettono a disposizione una “modalità casuale” che consente ai neofiti di sperimentare rapidamente nuove idee prima sviluppare qualcosa di più complesso.

Monster Mash mantiene invece a livello bidimensionale l’intero processo creativo, utilizzando l’intelligenza artificiale per prevedere come dovrebbe apparire il prodotto finale.

Monster Mash permette di avvicinarsi al mondo dell'animazione 3D 1

Il procedimento prevede innanzitutto di disegnare il corpo della creatura all’interno dell’editor e successivamente di disegnare ogni arto lasciando aperte le parti che intersecano il corpo, in modo che l’IA li consideri come braccia o gambe.

Con un doppio clic sull’arto si indica all’intelligenza artificiale che dovrebbe esserci una versione speculare sull’altro lato del modello quando diventerà in 3D semplicemente toccano il pulsante “gonfia”.

Monster Mash permette di avvicinarsi al mondo dell'animazione 3D 2

A questo punto è possibile andare nella scheda animazione e scegliere la parte del corpo che si intende manipolare creando più punti di articolazione utilizzando lo stesso metodo.

L’editor permette di registrare i movimenti del modello, mentre l’IA è in grado di ricavarne animazioni complesse.

Il risultato consisterà in un’animazione molto più elaborata di quanto ci si aspetterebbe considerando il tempo e lo sforzo impiegati. Se vi interessa provare Monster Mash online è sufficiente accedervi qui. Rimarrete sorpresi.

Potrebbe interessarti: Google testa una riprogettazione del lettore video per i Chromebook

Fonte