Home News Il bonus PC Internet 2020 arriva in Gazzetta Ufficiale: pubblicate le regole

Il bonus PC Internet 2020 arriva in Gazzetta Ufficiale: pubblicate le regole

0
Come scegliere un notebook tastiera

Dopo diverse settimane di dubbi e, fortunatamente, di chiarimenti, il decreto che fissa le regole per l’accesso al bonus PC Internet 2020 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Ecco come usufruirne, chi può richiederlo e come funziona.

Le regole per l’accesso al bonus PC Internet 2020

Come già anticipato la volta scorsa, il bonus PC Internet 2020 deve essere richiesto agli operatori di telecomunicazioni entro il 1 ottobre 2021: la data è distante, ma i fondi limitati (204 milioni di euro), quindi saranno soddisfatte solo le domande “più veloci”. Questa prima fase riguarda solo le famiglie con ISEE inferiore ai 20.000 euro, ma verso la fine dell’anno dovrebbero essere diffusi i dettagli della seconda, che riguarderà le famiglie con ISEE tra i 20.000 e i 50.000 e le imprese.

Alle famiglie viene riconosciuto un contributo massimo di 500 euro, sotto forma di sconto, sul prezzo di vendita dei canoni di connessione a Internet in banda ultra larga per un periodo di almeno 12 mesi e per la fornitura dei relativi dispositivi elettronici, di tablet o PC. Il contributo NON può essere concesso per l’attribuzione del solo tablet o PC in assenza della sottoscrizione di un contratto di rete.

Questo viene erogato per la fornitura di servizi ad almeno 30 Mbit/s in download a coloro che non dispongono di alcun contratto di connettività o che ne abbiano uno con velocità inferiore ai 30 Mbit/s: chi lo chiede è tenuto a optare per la migliore soluzione possibile fornita dai vari operatori nella sua zona, avvalendosi del bonus per un aumento qualitativo dei servizi di connettività.

Come richiedere il bonus PC Internet 2020

Il Ministero dello sviluppo economico ha affidato a Infratel Italia lo svolgimento delle attività relative alla realizzazione e alla tenuta del portale telematico e alle verifiche. Il bonus statale non richiede l’iscrizione al suddetto portale da parte dei cittadini: questo compito spetta agli operatori di telecomunicazioni, ai quali bisognerà rivolgersi per la richiesta dello stesso fornendo la documentazione necessaria per la pratica (completa ovviamente di attestazione ISEE).

Le istruzioni operative per la fruizione dei contributi da parte dei beneficiari, come si legge nel decreto, saranno pubblicate sui siti del Ministero dello sviluppo economico e di Infratel Italia entro 30 giorni dalla data di emanazione del decreto. Se volete dare un’occhiata al testo completo, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, potete seguire questo link.

Potrebbe interessarti: come scegliere un notebook nel 2020