Microsoft si prepara ad aprire il varco ai giochi Xbox su Android e iPhone con il suo servizio Project xCloud, in arrivo il prossimo ottobre ed annunciato in pompa magna lo scorso E3 2019, acclamato da una vera e propria standing ovation. In rete spuntano immagini raccolte dai colleghi di Windows Central che mostrano il setup wizard iniziale, donandoci informazioni concrete su cosa possiamo aspettarci da questo servizio.

Il futuro del gaming punta tutto sullo streaming, a giudicare da ciò che stiamo osservando in questi mesi: servizi come PlayStation Now, GeForce NOW, Steam Link e Google Stadia sono tutti basati sullo stesso concetto. In un mondo strettamente interconnesso, dove ci ritroviamo ad utilizzare diversi dispositivi differenti come smartphone, tablet, PC, grandi schermi, convertibili, consolle risulta difficile essere “costretti” a giocare nel solo modo in cui viene inteso dagli sviluppatori.

Microsoft cambia le regole del gioco aprendo le porte al suo servizio di game streaming Project xCloud, che consentirà ai giocatori di poter utilizzare i potenti server Azure di Microsoft o la propria Xbox personale come un server per poter giocare liberamente a tutti i titoli della propria libreria sul dispositivo preferito come smartphone, laptop, computer e Smart TV.

Microsoft non ha re-inventato la ruota: da anni Sony consente la connessione tra smartphone Sony e PlayStayion 4, e di servizi esclusivamente nati con lo streaming dei giochi in mente, come Google Stadia, se ne parla ormai da anni, con vari esperimenti parzialmente riusciti e risultati mediocri, almeno per il pubblico Europeo. L’azienda di Redmond tenterà di ribaltare il pronostico offrendo due tipologie di servizi: una versione di xCloud permetterà lo streaming di alcuni giochi direttamente dai server Azure di Microsoft, molto probabilmente una libreria limitata che sarà connessa a doppio filo con un abbonamento Xbox Game Pass.

L’altra versione, molto più appetibile, darà accesso a tutta la libreria di giochi presente sulla vostra Xbox utilizzando la vostra connessione casalinga. Il server per lo streaming sarà proprio la vostra Xbox, a cui potrete connettervi e iniziare a giocare ai vostri titoli preferiti in modo immediato, a patto che la vostra connessione risulti idonea.

Il setup infatti richiede una serie di test per stabilire se la vostra connessione è adeguatamente preparata per lo streaming personale, nel caso contrario vi fornirà indicazioni sulla problematica riscontrata. Per poter utilizzare il servizio xCloud, la console Xbox deve avere la modalità risparmio energetico disabilitata.

Una volta che il setup sarà completato potremo avere tutti i giochi Xbox su Android e iPhone disponibili nella libreria della nostra console.

Per quanto riguarda invece lo streaming dai server della casa di Redmond, probabilmente la situazione si complicherà leggermente: la qualità della connessione inciderà profondamente sulla possibilità di giocare in streaming, e non abbiamo ancora notizie sui costi aggiuntivi da affrontare per poter giocare agli ultimi titoli disponibili in libreria.

Se avete voglia di giocare ai giochi Xbox su Android e iPhone non dovrete attendere molto: Project xCloud è atteso per Ottobre.

Leggi anche: Project xCloud: test di latenza su smartphone con Halo 5