Chrome OS 70

Google lo scorso anno ha iniziato a bloccare annunci pubblicitari in Chrome che violavano gli standard Better Ads creati dal settore. Questo filtro era inizialmente limitato ai siti in Nord America e in Europa, con il browser che espanderà queste protezioni verso il resto del mondo a luglio.

Sviluppato dalla Coalition for Better Ads, gli standard Better Ads si focalizzano su 12 esperienze di annunci intrusive che sono particolarmente dirompenti per gli utenti. Sia per il desktop che per il mobile, questo include finestre popup, conti alla rovescia preordinati, video con riproduzione automatica e annunci persistenti di grandi dimensioni.

L’AdBlock di Google Chrome prende poi in considerazione anche annunci animati lampeggianti e scorrimento a schermo intero. Quando queste esperienze sono identificate su un sito, i publisher possono essere avvisati tramite il loro Ad Experience Report nella Google Search Console. Se i siti non rispondono agli avvertimenti, Chrome continuerà a filtrare gli annunci dalle pagine, causando la non monetizzazione dei siti.

Google ha osservato oggi che le proprie piattaforme pubblicitarie hanno smesso di vendere pubblicità che violano gli standard.

A partire dal 1° gennaio 2019, due terzi di tutti gli editori che erano non conformi agli standard Better Ads hanno ora una buona reputazione. Inoltre, su milioni di siti che abbiamo recensito fino ad oggi, meno dell’1% ha filtrato i propri annunci.

Non si tratta dunque di una novità per noi ma lo sarà sicuramente per tutti coloro navigano sul web dall’Asia, dall’Africa e dall’Australia.