Chrome per iOS

A causa delle limitazioni imposte dal sistema operativo, la versione Chrome per iOS è decisamente meno capace di offrire agli sviluppatori degli strumenti di analisi rispetto a Chrome per Android. Al fine di rimettere un po’ in pari le cose, Google ha trovato il modo di integrare in Chrome 73 un nuovo strumento di ispezione e di debugging che permette agli sviluppatori di vedere l’intero log JavaScript.

Per abilitare la raccolta di log JavaScript, gli sviluppatori web possono ora visitare e lasciare aperto in una scheda a se stante chrome://inspect sia su iPhone che su iPod Touch e iPad. In passato, questa mancanza di strumenti di debug di facile accesso spesso obbligava gli sviluppatori a trovare le proprie soluzioni per la risoluzione dei problemi relativi alle pagine.

Recati alla scheda chrome://inspect per visualizzare i log raccolti. (La raccolta dei log si interromperà se la pagina chrome://inspect si chiude e i log andranno persi in quanto non persistenti.)

Questo nuovo strumento di ispezione su Chrome 73 ha lo scopo di “aiutare a colmare il vuoto del supporto per sviluppatori mancante” che in precedenza richiedeva la creazione di Chrome per iOS dalla fonte. La versione pubblica di WKWebView rilasciata tramite App Store non supporta la funzionalità di debug remoto di Apple.

Senza questo nuovo strumento di ispezione delle pagine web, agli sviluppatori è richiesta una quantità non trascurabile di sforzo che include l’impostazione di un checkout Chromium, l’installazione di una versione corrente di Xcode e l’attesa del completamento della compilazione. Inoltre, è richiesto un Mac con spazio su disco sufficiente per contenere il codice e gli strumenti.