Quanto costa ricaricare un'auto elettrica

Si sente spesso parlare di quanto le auto elettriche, sul lungo termine, siano più vantaggiose rispetto alla loro controparti a benzina: ma è davvero così? Ricaricare un’auto elettrica costa meno del pieno ad un’auto a benzina? vediamo insieme quanto costa ricaricare un’auto elettrica.

La risposta è: dipende. Dipende dal tipo di tariffa per l’energia elettrica, dove si effettua la ricarica e con quale modalità. Rispondere esaustivamente non è molto complicato :una volta stabiliti dei parametri di riferimento, la risposta diventa molto semplice.

Cominciamo distinguendo i due metodi più comuni per ricaricare un’auto elettrica: a casa, con presa dedicata o wall box, oppure alle centinaia di colonnine pubbliche presenti sul territorio italiano.

Ricaricare un’auto elettrica a casa: quanto costa?

Per dare un’indicazione certa bisogna prima conoscere qualche dato, ed in particolare il prezzo che pagate con il vostro gestore per l’energia l’elettrica. A seconda del gestore, della tariffa e della fascia oraria nel caso possediate una tariffa multi-oraria, il costo per fare il pieno ad un’auto elettrica varia anche significativamente.

Immaginiamo di possedere una tariffa con fascia unica monoraria, prendendo come riferimento le condizioni economiche AEEGSI di fine 2017, con il costo per kW/h di 0,06243 Euro. Per ricaricare una batteria da 50 kWh ci vorranno circa 3 Euro, considerando solo il costo della componente energia: la realtà purtroppo è ben diversa, dato che gli operatori, tra tasse, trasporto e altri voci più o meno oscure in bolletta, fanno pagare l’energia da casa tra i 0,20 e i 0,60 Euro a kW. Anche considerando il costo minore, ovvero 0,20 Euro/kWh, possiamo ricaricare una batteria da 50 kW/h spendendo 10 Euro. Consideriamo però che è davvero difficile scaricare completamente il pacco batteria di un’auto elettrica, per cui il costo per un pieno sarà sempre inferiore.

Quanto costa ricaricare un'auto elettrica da casa

Ovviamente, se possediamo una tariffa particolarmente allettante o abbiamo un’offerta con doppia fascia, la sera e nei weekend il costo si abbatte rispetto a quello alla fascia monoraria. Se siamo possessori di una city car come la nuova Honda E (qui un articolo sulle 5 migliori citycar elettriche in arrivo nel 2019) o la Volkswagen e-up!, dotate rispettivamente di un accumulatore da 35,5 kW e 32,3 kW, spenderemmo circa 7 Euro per fare il pieno ad entrambe.

Quindi, ricapitolando: per calcolare esattamente il costo di un pieno di energia vi basta prendere il costo finale per kilowattora dedotto dalla vostra tariffa (costo finale, non solo quello della componente energia, ndr) e moltiplicarlo per la capacità del pacco batteria presente sulla vostra auto.

Ricaricare alle colonnine: quanto costa fare il pieno?

In casa possiamo lasciare l’auto in carica durante la notte, dato che con un impianto dedicato in trifase si arriva ad erogare 22 kW/32 A di corrente, ma i tempi di ricarica sono abbastanza lunghi. Se vogliamo ricaricare la nostra auto in tempi brevi, le colonnine di ricarica Fast Charge sono la soluzione migliore.

Le colonnine possono andare dagli 11 kW ai 250/270 kW di potenza, anche se la velocità di ricarica dipende molto dal modello di auto elettrica: le uniche a supportare la ricarica alla massima velocità sono i modelli di Tesla e Porsche.

Quanto costa ricaricare un'auto elettrica alle colonnine Supercharger Tesla

A seconda del modello di auto e della velocità di ricarica, fare il pieno può costare dagli 8 ai 50 Euro. Ad esempio, nelle colonnine Supercharger Tesla, la ricarica costa 0,30 Euro/kWh: nel caso di un’auto con batteria da 50 kW ci vorrebbero 15€ per fare il piano. Nel caso della Mini Cooper SE, presentata al salone di Francoforte 2019 e preordinabile dal prossimo Novembre, con il suo pacco batteria da 32,6 kWh una ricarica completa al Supercharge di Tesla costerebbe 9,78 Euro per un’autonomia di circa 250 chilometri.

Bisogna quindi fare attenzione al gestore delle colonnine e al prezzo per singolo kilowattora: nelle colonnine di Enel X un kWh costa 0,45 Euro con ricarica Quick Charge, e 0,50 Euro presso le Fast, le quali ricaricano fino a 100 kW/h. Se utilizziamo spesso le colonnine pubbliche per la ricarica della nostra auto elettrica, sarebbe conveniente chiedere eventuali promozioni per l’acquisto di pacchetti con tot kWh o una tariffa flat mensile.

Come risparmiare soldi ed energia con l’acquisto di un’auto elettrica

Spesso i produttori di auto elettriche offrono incentivi molto cospicui sull’acquisto, regalando letteralmente energia, e quindi chilometri, ai propri utenti. Tesla offre, attraverso il suo programma Referral, ben 1.500 km in maniera gratuita, ricaricando presso i suoi SuperCharger. Se siamo tra i fortunati possessori di Model S o Model X ad avere la ricarica Supercharger inclusa a vita, ancora meglio: notate che si trovano anche sul mercato dell’usato, quindi occhio all’affare.

Volkswagen, con il lancio della sua prima auto completamente elettrica, la ID.3 1st Edition, regala un pacchetto di ricariche gratis per un anno, o fino a 2.000 kWh, presso le stazioni affiliate che potete trovare consultando l’app Volkswagen WeCharge. Se volete risparmiare sull’acquisto di un’auto elettrica, vi consigliamo caldamente di dare uno sguardo ad incentivi e promozioni che le aziende mettono a disposizione.