Apple Music Chromebook

All’inizio del 2019 vi riportammo una guida molto interessante su come sfruttare un tool open source per poter usufruire del servizio di Apple Music su Windows, macOS e Linux attraverso un browser web. Ebbene, tale strumento sta per diventare inutile, visto che Apple ha lanciato, al momento solo in beta, il web player ufficiale di Apple Music.

Apple indica che la versione web di Apple Music dovrebbe funzionare su qualsiasi browser moderno, per cui anche Firefox, Google Chrome e Microsoft Edge. Come ci si potrebbe aspettare, l’interfaccia grafica è la stessa identica a quella che si troverà nell’applicazione Musica di macOS 10.15 Catalina.

Apple Music web player

Ci sono tuttavia alcune differenze, come ad esempio l’assenza della stazione radio Beats1, delle smart playlist e di alcuni dei contenuti video prodotti direttamente da Apple. Queste limitazioni però dovrebbero essere legate solo al fatto che si tratta della prima versione beta.

La decisione di aprire un web player per il suo servizio di streaming fa si che, in un solo colpo, Apple può raggiungere tutti gli utenti che utilizzano Windows, Chrome OS e Linux senza dover sviluppare un’app dedicata per ognuna delle piattaforme.

A nostro avviso questa mossa è da interpretare in una volontà adesso più ferrea di fornire i propri servizi a quanti più utenti possibile. È perfettamente in linea con la decisione di aprire AirPlay 2 e il futuro servizio Apple TV+ al di fuori dell’ecosistema Apple.

Nel caso foste interessati a provare il nuovo web player di Apple Music in beta, vi basterà recarvi all’indirizzo beta.music.apple.com (chiaramente dovete essere abbonati).