AirPods 2 teardown

A distanza di una decina di giorni dall’annuncio ufficiale, i ragazzi di iFixit sono riusciti a mettere le mani sulle nuove AirPods 2. Attraverso la loro guida al disassemblaggio delle nuove cuffie TWS di Apple, abbiamo avuto la conferma di qualcosa che temevamo: la riparabili fai da te è praticamente impossibile.

Da quello che è venuto fuori dal teardown è molto chiaro che le AirPods 2 non sono fatte per essere riparate (probabilmente nemmeno da un centro autorizzato Apple). Infatti, non è possibile accedere a nessun componente senza compromettere l’integrità di un altro.

Inoltre, come molti stanno incominciando a scoprire con le AirPods di prima generazione dopo due anni dal loro utilizzo, la vitalità della batteria di ogni auricolare (con capacità di 93 milliwatt) è la vera spada di Damocle di questi accessori: non essendo possibile accedere alla batteria, quando smette di funzionare bisogna necessariamente affidarsi al (costoso) servizio di Apple per la sostituzione.

La stessa difficoltà è stata riscontrata anche nel disassemblaggio del case che, oltre ad avere a disposizione la stessa setta batteria della versione precedente, ha come unica novità una bobina di rame con un dissipatore attaccato per la ricarica wireless.

Non è quindi una sorpresa che il punteggio finale fornito da iFixit al grado di riparabilità delle nuove AirPods 2 è un bello 0 su 10, dove 10 vuol dire una semplicità estrema nella riparazione fai da te.

Prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare che la nuova generazione è già in fase di pre-ordine su Amazon Italia al costo di 229 euro.