Da tempo ormai i principali produttori di smartphone hanno smesso di inserire un carica batterie nelle confezioni di vendita. Si tratta di una scelta che da un lato permette ai produttori di risparmiare e dall’altro riduce la quantità di rifiuti, visto che a ogni cambio telefono il caricabatterie non viene buttato.

Per poter mettere in carica i tanti dispositivi elettronici che ci portiamo appresso ogni giorno servono però delle soluzioni dotate di più porte e UGREEN è tra i produttori più attivi in questo mercato. Oggi vi parliamo di un paio di soluzioni davvero particolari, una dal punto di vista estetico, l’altra da quello funzionale.

UGREEN Nexode RG

UGREEN Nexode

Partiamo dal caricabatterie più interessante, almeno per quanto riguarda il design. UGREEN Nexode RG è un dispositivo realizzato utilizzando la tecnologia GaN (nitruro di gallio) che permette di ottenere delle dimensioni particolarmente compatte. Quello che lo distingue dagli altri modelli in commercio è la sua natura “spiritosa”.

Si tratta di un caricabatterie da infilare direttamente nella presa di corrente, dalla forma che ricorda quella di un robottino. Quando non è in uso la spina va inserita in un apposito supporto che nella forma ricorda quello di un paio di scarpe. Nella parte alta del caricabatterie è presente un piccolo schermo che mostra una faccina diversa a seconda della situazione, così da capire immediatamente se la carica dei dispositivi connessi è completata o è ancora in corso.

Sono tre le porte USB a disposizione, due di tipo C e una di tipo A, con una potenza massima erogabile di ben 65 watt, sufficienti a ricaricare un maniera molto rapida numerosi dispositivi. Nello schema sottostante potete visualizzare la potenza erogata su ciascuna porta, variabile anche a seconda nel numero di dispositivi connessi.

Recensione Ugreen Nexode e DigiNest Cube, due caricabatterie che non passano inosservati 4

Gli abbiamo trovato un posto sulla nostra scrivania e in queste settimane ha ricaricato di tutto, dai tablet agli smartphone, dagli anelli smart agli smartwatch, senza mai mostrare alcun problema. Temperature sempre sotto controllo, anche nelle giornate più calde, e schermo che trasmette allegria durante la ricarica, con una faccina più triste quando il caricabatterie è inattivo.

Può caricare senza problemi anche alcuni notebook ma non ha dato problemi con nessuno dei dispositivi che gli abbiamo connesso, anche qualche hub USB e un power bank per la ricarica. Il prezzo è adeguato alla tecnologia, si paga indubbiamente il design ma se vi piacciono i prodotti particolari non potete lasciarvelo sfuggire.

Pro:

    • tre porte USB
    • look unico
    • dimensioni ridotte

Contro:

    • niente da segnalare

Voto finale:

8.9

UGREEN Nexode DigiNest Cube

Meno appariscente ma decisamente interessante è UGREEN Nexode DigiNest Cube, un caricabatterie che oltre a offrire ben quattro porte USB, include tre prese AC, trasformandosi da semplice caricabatterie a multipresa multifunzione decisamente eclettica.

DigiNest Cube, come lascia intendere il nome, ha una forma cubica, con quattro porte USB nella parte frontale e tre porte AC, due sui lati e una nella parte superiore. Nella parte posteriore invece è presente il cavo, non rimovibile, da 1,8 metri, decisamente lungo e comodo per collegare il caricabatterie a una presa di corrente lontana.

Ancora una volta UGREEN fa ricorso alla tecnologia GaN (nitruro di gallio) e la potenza massima erogata raggiunge i 65 watt. Nella galleria sottostante potete visualizzare le varie combinazioni relative alla potenza erogata da ciascuna porta in relazione al numero complessivo di porte attive. Le due porte USB-C sono ovviamente le più importanti, con una potenza massima di 65 watt, mentre le due USB-A sono limitate a 22,5 watt, risultando comunque molto utili per caricare smartwatch, smart ring o altri dispositivi dotati di un caricabatterie proprietario.

Il punto di forza di questa soluzione è rappresentato dalla presenza di ben tre prese AC di tipo Schuko, perfette se volete ricaricare un notebook dalla potenza elevata, ma anche per aggiungere un ulteriore caricabatterie come il Nexode RG o per provare rapidamente un nuovo dispositivo che necessita di alimentazione dalla rete elettrica.

Le tre porte possono erogare una potenza massima complessiva  di 3680 watt, con una corrente di ben 16A, sufficienti quindi anche per alimentare un normale elettrodomestico. Lo abbiamo utilizzato per alimentare un ventilatore portatile, per ricaricare un notebook e una lampada LED, senza che ci fossero comportamenti anomali e temperature elevate. Lo stesso vale per le porte USB, anche con 4 dispositivi connessi non abbiamo osservato alcun tipo di problema.

Pro:

    • ottima dotazione di porte
    • tre porte AC

Contro:

    • cavo integrato

Voto finale:

9.2

In conclusione

Due prodotti davvero particolari quelli che abbiamo provato. Da un lato UGREEN Nexode RG, dalle forme robotiche e pronto a suscitare commenti ammirati dagli amici, dall’altro UGREEN Nexode DigiNest Cube poliedrico e perfetto per alimentare una grande quantità di prodotti senza occupare uno spazio particolarmente grande (misura 8 x 8 x 8 centimetri).