Il produttore cinese di droni DJI ha annunciato che sospenderà temporaneamente le vendite dei propri prodotti in Russia e Ucraina affinché non vengano utilizzati in combattimento. È la prima grande azienda cinese a prendere una posizione del genere dall’inizio del conflitto in Ucraina.

La presa di posizione rappresenta indubbiamente una novità nel panorama geopolitico cinese visto l’approccio neutrale dimostrato dalla Cina stessa la quale, come è ben noto, ha rifiutato di criticare apertamente le scelte del Cremlino.

Offerta

CMF by Nothing Buds

Auricolari wireless, 42 dB ANC, modalità Trasparenza, Tecnologia Ultra Bass 2.0

29€ invece di 39€
-26%

DJI è il primo produttore cinese a prendere una decisione del genere

Nonostante questo, un portavoce di DJI ha tenuto a ribadire che la scelta non è una presa di posizione rispetto alcun paese ma una presa di posizione riguardo i nostri principi” aggiungendo inoltre: “DJI detesta qualsiasi uso dei nostri droni per causare danni e stiamo temporaneamente sospendendo le vendite in questi Paesi per garantire che nessuno usi i nostri droni in combattimento”.

Nelle scorse settimane erano emersi video di droni DJI utilizzati in combattimento in Ucraina coinvolgendo gli stessi politici ucraini i quali avevano accusato il produttore cinese di fornire informazioni delle strategie militari ucraine alla Russia. Tali accuse sono state rimandate al mittente da DJI che le ha definite “assolutamente false”.

La decisione presa da DJI arriva in un periodo in cui le grandi aziende cinesi sono poste sotto enorme pressione dai mercati internazionali e dagli utenti ma soprattutto dal governo cinese stesso il quale, nel mese di febbraio, ha revocato la decisione del colosso Didi Global di interrompere le operazioni in Russia accusandolo di soccombere alla pressione degli Stati Uniti.

La stessa pressione è quella che si ritrova ad affrontare Huawei che non ha voluto rispondere ad alcuna domanda riguardo il conflitto in Ucraina nell’ultimo vertice degli analisti. Il colosso, infatti, finora ha seguito le prese di posizione del governo cinese ma, in una situazione del genere, non è garantito possa continuare a farlo per tutta la durata dello scontro.

Potrebbe interessarti anche: USA minaccia sanzioni contro Huawei in caso di supporto alla Russia