Home Wearable Smartwatch Huawei prova a dotare i suoi smartwatch di una funzionalità rivoluzionaria

Huawei prova a dotare i suoi smartwatch di una funzionalità rivoluzionaria

0

Allo stato attuale soltanto un paio di smartwatch sul mercato supportano la misurazione della pressione sanguigna anche se richiedono l’utilizzo di app di terze parti.

Non vi sono problemi, invece, per gli utenti che siano alla ricerca di smartwatch capaci di controllare i livelli di ossigeno nel sangue, il ritmo cardiaco, la frequenza cardiaca, tutte funzionalità oramai decisamente comuni.

Nei mesi scorsi, He Gang, presidente della linea di prodotti di telefonia mobile di Huawei, ha annunciato che il primo Huawei Watch in grado di misurare la pressione sanguigna ha superato il test di registrazione dei dispositivi medici e, a dire di tale dirigente, il prossimo passo sarà rappresentato dalla collaborazione con le istituzioni mediche professionali per aprire la registrazione clinica (stando alle indiscrezioni, nei programmi del colosso cinese ciò dovrebbe avvenire nella parte finale di quest’anno).

Huawei Watch sarà in grado di misurare la pressione

Pare che Huawei abbia già iniziato a reclutare gli utenti intenzionati a testare il sistema di misurazione della pressione del sangue dell’azienda e, stando a quanto apprendiamo da Gizchina, il team di Huawei è alla ricerca di almeno 20 tester che possano contare su un polso che abbia una circonferenza superiore ai 200 mm.

Al momento non vi sono dettagli sul funzionamento del sistema di misurazione della pressione sanguigna di Huawei Watch, che potrebbe essere simile alla soluzione studiata da Samsung per i propri smartwatch (gli utenti devono calibrare il dispositivo prima dell’uso, misurando la propria pressione sanguigna sia con l’orologio che con un misuratore di pressione sanguigna dedicato tre volte e quindi inserendo i valori ottenuti dal misuratore autonomo nell’applicazione).

Probabilmente nelle prossime settimane avremo più informazioni sul sistema sviluppato dal colosso cinese per offrire agli utenti che hanno deciso di puntare su suoi smartwatch una funzionalità che potrebbe rivelarsi molto comoda in tutta una serie di ipotesi.

Leggi anche: i migliori smartwatch con e senza Wear OS